• 16/10 @ 06:39, La professione antifascista della sinistra: una copertura per non fare i conti con la propria storia, di Franco Car… https://t.co/aMZlFtKxFD
  • 16/10 @ 06:38, La neolingua per giustificare il Green Pass: un ricatto diventa libertà, i ricattati diventano ricattatori, di Stef… https://t.co/ZFYoRc52iU
  • 10/10 @ 09:15, “Per una nuova destra”: la ricetta di Capezzone per riempire un vuoto nell’offerta politica, di Matteo Milanesi https://t.co/Cn7GbJGvF8
  • 10/10 @ 09:14, Pechino aumenta la pressione su Taiwan: il vero banco di prova della presidenza Biden, di Michele Marsonet https://t.co/5WOnTKSODq
  • 26/09 @ 18:07, Dopo il Covid un’altra minaccia dalla Cina: la bolla immobiliare spaventa i mercati e il Partito comunista, di Mich… https://t.co/uZuWueZRxM
  • 26/09 @ 18:06, Draghi si presenta agli industriali con la sua vecchia ricetta: svalutazione interna, di Musso https://t.co/s2vPwWJqsy

Tag occidente


Dietro la stanchezza americana anche gli errori di Obama e la controfigura Biden

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Dopo il disastro afghano, ci siamo accorti che gli americani sono stanchi. Stanchi, in primo luogo, di combattere guerre che, iniziate con grandi squilli di tromba, si sono in seguito rivelate dei pantani enormi dai quali è difficile (o addirittura impossibile) uscire. Stanchi di inviare soldati in ogni parte del mondo contando sul paravento delle…

11 settembre 2021: il trionfo dei Talebani e un Occidente in stato confusionale

di Enzo Reale, in Esteri, Quotidiano, del

Vent’anni che pesano come un secolo Gli aerei. Le altissime torri. La polvere. I pompieri. I salti nel vuoto a peso morto. Le liste interminabili di vittime. Bush col megafono sulle macerie. Siamo tutti americani. La guerra in Aghanistan. Siamo un po’ meno americani. L’Iraq. L’esportazione della democrazia. Non siamo mai stati americani. Le primavere…

Il ritiro dall’Afghanistan segna anche il ritiro dell’ideologia globalista?

di Fabrizio Borasi, in Esteri, Quotidiano, del

Il drammatico ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan, che per il modo con cui è stato condotto ha rappresentato di per sé uno degli episodi più infelici della recente storia americana, se valutato in una prospettiva di lungo periodo è però significativo perché segna probabilmente la fine di un’epoca, quella dominata dall’ideologia globalista, cioè da quella…

Occidente in crisi: ecco perché agli europei non conviene ampliare il solco con gli Usa

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Il disastroso ritiro dall’Afghanistan induce a chiedersi se l’Occidente, così come l’abbiamo concepito (ed esaltato) finora, davvero esista. Nessun dubbio che, sul piano teorico, tale quesito meriti una risposta positiva. Tuttavia, nella politica internazionale tra teoria e pratica corrono delle differenze, e la situazione appare così grave da meritare qualche riflessione. A dispetto della fallimentare…

L’America è in crisi, oppure è un flop la presidenza Biden?

di Michele Marsonet, in Politica, Quotidiano, del

Va di moda, oggi, sostenere che l’America è in crisi, e la grande debolezza dell’attuale amministrazione contribuisce non poco a diffondere tale tesi. Eravamo abituati a vedere una superpotenza globale che esercitava senza remore la sua leadership, spesso ricorrendo alla sua enorme potenza militare. Senza dubbio il quadro complessivo era più semplice quando gli Stati…

Nel ritiro da Kabul non solo una disfatta militare, la crisi culturale dell’Occidente

di Lorenzo Gioli, in Esteri, Quotidiano, del

La ritirata statunitense da Kabul non è incasellabile negli schemi bellici tradizionali. Essa rappresenta molto più di una sconfitta militare proprio perché in gioco non c’era solo la tenuta delle istituzioni che gli americani avevano provato ad instaurare in Afghanistan. No, ad essere a rischio è anche un modello di società fondato sul rispetto dei…

L’ora di Taiwan? Pechino minaccia l’opzione militare. L’Occidente la difenderebbe?

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

In Piazza Tienanmen, durante la solenne celebrazione del centenario del Partito Comunista, è stata notata una preoccupante nota bellicista nel discorso di Xi Jinping. Il leader assoluto ha detto con molta chiarezza che “chiunque tenti di fare il bullo con noi si troverà in rotta di collisione con una grande muraglia d’acciaio forgiata da oltre…

Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy