• 16/10 @ 06:39, La professione antifascista della sinistra: una copertura per non fare i conti con la propria storia, di Franco Car… https://t.co/aMZlFtKxFD
  • 16/10 @ 06:38, La neolingua per giustificare il Green Pass: un ricatto diventa libertà, i ricattati diventano ricattatori, di Stef… https://t.co/ZFYoRc52iU
  • 10/10 @ 09:15, “Per una nuova destra”: la ricetta di Capezzone per riempire un vuoto nell’offerta politica, di Matteo Milanesi https://t.co/Cn7GbJGvF8
  • 10/10 @ 09:14, Pechino aumenta la pressione su Taiwan: il vero banco di prova della presidenza Biden, di Michele Marsonet https://t.co/5WOnTKSODq
  • 26/09 @ 18:07, Dopo il Covid un’altra minaccia dalla Cina: la bolla immobiliare spaventa i mercati e il Partito comunista, di Mich… https://t.co/uZuWueZRxM
  • 26/09 @ 18:06, Draghi si presenta agli industriali con la sua vecchia ricetta: svalutazione interna, di Musso https://t.co/s2vPwWJqsy

Tag medio oriente


In Tunisia primo premier donna per arginare gli islamisti, ma la stampa di sinistra storce il naso

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Con una mossa davvero epocale, il presidente tunisino Kais Saied ha nominato per la prima volta nella storia del Paese un premier donna. Si tratta della 63nne Najla Bouden, specializzata in geoscienze e docente alla Scuola Nazionale di Ingegneria di Tunisi. Mette anche conto notare che si tratta del primo premier donna non solo in…

In Tunisia (come altrove in Medio Oriente) meglio i militari degli islamisti?

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Non è facile giudicare la confusa situazione che la Tunisia sta vivendo attualmente. Il presidente Kais Saied, tra l’altro noto per le sue posizioni equilibrate, ha davvero dato vita a un colpo di Stato appoggiandosi alle forze armate? Oppure sta solo cercando di evitare che nel Paese nordafricano prevalgano le componenti islamiste radicali, con il…

Le radici della questione palestinese: verità storica contro propaganda islamista (seconda parte)

di Gabriele Amore, in Cultura, Quotidiano, del

Il periodo del mandato britannico vede una continua tensione che sfoga in rivolte delle comunità arabe contro quelle ebraiche a partire dai moti degli anni ’20. Particolarmente cruento fu il massacro di Hebron del 1929, luogo simbolico per la presenza plurisecolare dell’insediamento, e di importanza sacra per l’ebraismo, che identifica in questo luogo della Cisgiordania…

Gli arabi di Ra’am al governo in Israele, che si conferma unica democrazia della regione

di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Mai come in questo caso Israele dimostra di essere, unico caso in Medio Oriente, uno Stato veramente democratico. E lo è a tal punto che, tra la meraviglia di tanti osservatori internazionali, si sta formando a Gerusalemme un governo con la partecipazione attiva di un partito dichiaratamente islamico (ovviamente moderato). La vicenda ha luogo dopo…

Le radici della questione palestinese: verità storica contro propaganda islamista (prima parte)

di Gabriele Amore, in Esteri, Quotidiano, del

Quando si parla del conflitto israelo-palestinese non si può ignorare il contesto storico all’origine di tutto: l’esito della Prima Guerra Mondiale. Nel 1918 ormai in ritirata su tutti i fronti e con l’esercito ridotto a un sesto della forza originaria, all’Impero ottomano non restò altro che trattare la propria resa: il 30 ottobre i suoi…

Hamas l’ha iniziata, fermare Israele ora significa fare il gioco dei suoi aggressori

di Federico Punzi, in Esteri, Quotidiano, del

Effetto Biden in Medio Oriente: guerre per procura di Teheran contro Israele e Arabia Saudita. Gli errori dell’amministrazione Usa mettono in pericolo Israele due volte: incoraggiando i suoi nemici a colpire e impedendogli di fatto di annichilire le minacce dirette alla sua sicurezza Alla fine è arrivato. Un cessate il fuoco unilaterale dichiarato da entrambe…

Chi vende armi ai terroristi? Per trovare qualche risposta Papa Francesco guardi a est dell’Iraq

di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Parlando all’udienza generale e riferendosi al suo recente viaggio in Iraq, Papa Francesco si è fatto una domanda: “Chi vende armi ai terroristi?”. Una domanda forte, alla quale il Pontefice vorrebbe che qualcuno rispondesse. Senza avere la pretesa di essere esaustivi o soddisfare la curiosità del Santo Padre, per trovare qualche indizio, almeno per quanto…

Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy