• 23/09 @ 20:40, Un taglio alla cattiva politica. Perché ora è importante capire il “popolo del Sì”, di Alfonso Piscitelli https://t.co/KnEveZqad1
  • 23/09 @ 20:39, Il centrodestra manca la spallata, Zingaretti sorride nel bunker, tonfo 5 Stelle. E il Sì “sfiducia” il Parlamento,… https://t.co/R6IMJKB7j4
  • 23/09 @ 05:13, Sanzioni ed embargo sulle armi all’Iran: l’Ue si allinea a Russia e Cina contro le richieste di Washington https://t.co/cMmm1yeyiF
  • 23/09 @ 05:12, Il nucleare iraniano e il dilemma della Dottrina Begin: i rischi di uno strike preventivo, di Mattia Roncalli https://t.co/Nnnkd1DBo7
  • 21/09 @ 16:59, Boris Johnson attinge all’Impero Romano, ma anche Londra ha una lezione per Roma (e Bruxelles), di Bepi Pezzulli https://t.co/f8yc68kW4n
  • 21/09 @ 07:23, I rischi del dossieraggio e delle mire egemoniche del regime di Pechino, di Michele Marsonet https://t.co/Vq0f5Zp11Q

Tag francia


La Francia si prepara al peggio: record di contagi (ma anche di test) e mascherine obbligatorie

Marco Cesario di Marco Cesario, in Esteri, Quotidiano, del

Le misure anti-Covid per preparare la riapertura delle classi subiscono una spettacolare accelerazione in Francia. Fino ad allora il governo non aveva voluto prendere una decisione univoca lasciando ai presidi la decisione di rendere obbligatorie o meno le mascherine nelle scuole durante le ore di ricreazione. Ma oggi, il ministro dell’istruzione è stato molto più…

Dopo il dietrofront in Libia e il protagonismo turco, per Macron arriva lo smacco in Mali

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

L’estate non ha portato fortuna al presidente francese Emmanuel Macron. Dopo l’imbarazzante dietrofront in Libia con tanto di negazione di avere mai sostenuto il leader cirenaico Khalifa Haftar, il colpo di stato in Mali ha ulteriormente mandato alle ortiche i progetti franco-africani del leader dell’Eliseo, cui non è restata che una pur significativa passeggiata nel…

Come e perché si è arrivati al Recovery-Mes: una rigida struttura basata su regole con più bastoni che carote

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

Analisi a freddo: ecco chi ha vinto e chi ha perso al vertice di Bruxelles. Mai esistito uno scontro Merkel-Rutte, i “Frugali” sono agenti tedeschi, tant’è che in grazia della preventiva resa italiana e con l’attiva collaborazione dei propri ‘clientes’, Berlino ha creato la “rigida struttura basata su regole con più bastoni che carote” che…

Il mistero delle chiese bruciate in Francia: 21 in due anni e oltre mille atti anti-cristiani nel solo 2019

Marco Cesario di Marco Cesario, in Esteri, Quotidiano, del

Sono 21 in Francia le chiese colpite da incendi o tentativi di incendio in due anni (ben 15 di origine dolosa) e oltre mille, secondo un rapporto del Ministero dell’interno di Parigi, gli atti anti-cristiani, a fronte di 687 antisemiti e 154 anti-islamici. Intanto, l’inchiesta sull’incendio che ha parzialmente distrutto Nôtre-Dame sembra ad un punto…

“La recessione da Covid minaccia di distruggere la zona euro”… E lo dice Gentiloni

Musso di Musso, in Economia, Quotidiano, del

Paolo Gentiloni, commissario europeo per gli affari economici e monetari, ha rilasciato a Die Welt una intervista (qui la traduzione) rivolta al pubblico tedesco, per dire la sua sulla trattativa del Recovery Fund. All’intervistatore tedesco che gli fa notare come, se tutto va bene, “i soldi del fondo giungerebbero al più presto nell’autunno del 2021”,…

L’irrilevanza del Recovery Fund: Conte si aggrappa ai cocci, Gentiloni alla Troika, Weidmann a Karlsruhe

Musso di Musso, in Economia, Quotidiano, del

Passano i lockdown, passano le settimane e Conte è sempre intento a vendere fumo. Sono molti i motivi per dubitare che la bozza di decreto (che Repubblica definisce “un amuleto”) possa bastare per impietosire i partner europei. Un accordo lo troveranno pure, ma niente nuove risorse nette. Anzi, di soldi ce ne saranno anche meno…

Stati Generali: Conte sotto esame vende fumo, mentre la Bce francese corre più veloce del Mes

Musso di Musso, in Economia, Quotidiano, del

Alla stazione di Berlino c’erano tre treni. Il primo, carico di guastatori, è partito diretto verso l’Unione Europea Monetaria (Uem); il secondo, carico delle promesse del Recovery Fund, è partito diretto verso l’Unione europea (Ue); il terzo, con a bordo la Troika, è fermo sul binario morto… Più probabile arrivi a destinazione la Bce francese…

Historia magistra vitae: come nel passato, la furia iconoclasta di oggi lascia presagire solo un nuovo “terrore”

Marco Cesario di Marco Cesario, in Cultura, Quotidiano, del

Oggi le scene di statue abbattute e quell’odore di censura e di tribunale dell’inquisizione per la morte ingiusta di un cittadino afroamericano non presagiscono nulla di buono se non un nuovo “terrore”, una nuova damnatio memoriae, un’operazione totalitaria Nel mondo le proteste per l’uccisione di George Floyd stanno portando all’abbattimento di statue, alla censura di…

Il conto dell’Euro in arrivo, Germania al bivio: condividere il debito o disinnescare la moneta unica

Avatar di Choo Choo Walters, in Economia, Quotidiano, del

Se una moneta comune amplifica di per sé le divergenze, pacchetti fiscali anti-crisi di efficacia molto diversa ne rendono pressoché impossibile il funzionamento. Il conto dell’Euro è ormai incombente, e sempre meno occulto è il conflitto tra Francia e Germania sulla redistribuzione delle perdite. Impossibile prevedere il futuro, ma una cosa è certa: lungi dall’essere…

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy