• 13/04 @ 18:43, L’antirazzismo di oggi ripudia i valori (americani e cristiani) di Martin Luther King, di Fabrizio Borasi https://t.co/VfBW7ygePg
  • 13/04 @ 18:42, Perché non siamo guariti: nel libro del ministro Speranza la pandemia come opportunità per un’agenda politico-ideol… https://t.co/bZw0qpzJKM
  • 12/04 @ 16:50, Fu vera competenza? Il ruolo di Draghi nelle privatizzazioni sotto la lente della Corte dei conti, di Davide Rossi https://t.co/fWISCWK8Nf
  • 12/04 @ 16:49, Da cittadini a sudditi: l’incubo di una società sussidiata e divisa tra iper-garantiti e dimenticati, di Andrea Ven… https://t.co/gRdtMfTFz6
  • 09/04 @ 18:37, Bruciato AstraZeneca, ma la colpa è dei giovani che saltano la fila. Draghi scaricabarile, come Conte, di Federico… https://t.co/r6A9M5i6cy
  • 08/04 @ 19:40, Margaret Thatcher: la Lady di ferro che mise in pratica le ricette liberali nell’interesse dell’individuo e della n… https://t.co/IefK6Xl1Ni

Simone ci ha già sfinito: Greta 2, la coazione a ripetere di giornaloni e sinistra stanca

Avatar di Ettore Lombardi, in Politica, Quotidiano, del

C’è sempre un “eroe” nuovo a sinistra. Dura al massimo tra le 36 e le 48 ore: dopo di che, sfiniti, gli stessi fan lo abbandonano.

La consecutio è nota. Basta un video sui social, e subito parte il rilancio sui siti dei giornali maggiori (la formula è: “E xxx incanta”, “E yyy commuove”, o banalità del genere). A seguire, nelle 36 ore successive, arrivano i commenti degli editorialisti pesi massimi.

L’estate scorsa era toccato al rude Ivano dei Castelli Romani: ascella pezzata, manona formato badile. Stavolta, come una versione italiana e maschile dell’ormai insopportabile Greta con le sue treccine, è arrivato Simone, il ragazzino pro accoglienza di Torre Maura.

Come in una classica coazione a ripetere, la dinamica della reazione a sinistra è stata sempre la stessa: hashtag #Simone sui social, più l’inevitabile appello “la sinistra riparta da Simone” (se deve ripartire ogni settimana, peraltro, vuol dire che la macchina è a corto di carburante), e il solito compiacimento di chi si ritiene moralmente-culturalmente-antropologicamente diverso e superiore rispetto al resto degli italiani.

Resta un solo dubbio. Il buon Simone si è potuto confrontare con i “cattivissimi” di Casa Pound, ed è tornato a casa sano e salvo: giustamente, inutile sottolinearlo. E la cosa fa onore a lui e a Casa Pound. Ma che sarebbe successo se un “Simone di destra” fosse andato a dire le sue ragioni davanti a un gruppo di estremisti di sinistra? Avrebbe potuto farlo? Sarebbe potuto tornare indietro senza danni? Ah saperlo, direbbe Dagospia.

Avatar

Ettore Lombardi


Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy