• 15/01 @ 20:54, A Trump e ai Repubblicani conviene trovare un terreno comune, la piattaforma c’è già: riforma elettorale e dei Soci… https://t.co/Nro1APQllH
  • 15/01 @ 20:53, Per gli iraniani sarebbe stato meglio Trump: le parole di Faezeh Hashemi, figlia di Rafsanjani, scuotono Teheran https://t.co/fLjBySPpuU
  • 15/01 @ 17:57, Elezioni, subito. Si può, si deve: irresponsabili sono coloro che preparano ulteriori forzature, di Federico Punzi https://t.co/JfvhDrMcDL
  • 15/01 @ 14:03, Khamenei nega agli iraniani i vaccini occidentali: la narrazione del regime anteposta alla salute dei cittadini https://t.co/BvKEavBdbu
  • 15/01 @ 14:02, Trump-Aiace e l’errore di reagire con “hybris” alle ingiustizie, di Fabrizio Borasi https://t.co/gZVBNxYlxl
  • 15/01 @ 14:01, La crisi interna a Washington indebolisce gli Usa davanti alla vera minaccia: la Cina, di Michele Marsonet https://t.co/zYvqiHVW6Y

Quotidiano


A Trump e ai Repubblicani conviene trovare un terreno comune, la piattaforma c’è già: riforma elettorale e dei Social

Musso di Musso, in Esteri, Media, Quotidiano, del

Cosa sta accadendo fra Trump ed i Social Network? Come si sta svolgendo e cosa ci riserva questa guerra fra grandi potenze? Gli antefatti sono il discorso di Trump sul pratone dell’Ellisse, i fatti del Campidoglio e la reazione di Biden e dei Democratici. Al principio, Trump comunica come d’abitudine su Twitter: il 6 gennaio…

Per gli iraniani sarebbe stato meglio Trump: le parole di Faezeh Hashemi, figlia di Rafsanjani, scuotono Teheran

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Mentre in Occidente si discute di Trump e di come sarà la nuova politica di Biden verso Teheran, in Iran accade qualcosa di incredibile. Intervistata da Ensafnews.com, Faezeh Hashemi, già parlamentare e figlia dell’ex presidente iraniano Rafsanjani, ha pubblicamente dichiarato che avrebbe preferito una nuova vittoria elettorale di Donald Trump, affinché egli continuasse la politica…

Khamenei nega agli iraniani i vaccini occidentali: la narrazione del regime anteposta alla salute dei cittadini

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Lo scorso 8 gennaio, l’ayatollah Khamenei ha preso una decisione molto importante e grave allo stesso tempo per gli iraniani: la Guida Suprema ha emesso una fatwa, vietando l’importazione in Iran dei vaccini anti-Covid prodotti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. La sua decisione ha avuto un effetto immediato: la spedizione di 150 mila…

Il discorso di Biden: parla da vendicatore il “moderato” che si era presentato come “guaritore” dell’America

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

Finito il discorso di Trump, la manifestazione si è diretta verso il Campidoglio. Lì, è tracimata dentro il Campidoglio. Non sappiamo come sia successo: il capo della sicurezza ed altri con lui sono stati fatti dimettere, diverse indagini sono in corso, altre si annunciano. Una manifestante è stata uccisa dalla sicurezza. Tre sono morti di…

La crisi interna a Washington indebolisce gli Usa davanti alla vera minaccia: la Cina

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Lo sfregio subito dai luoghi-simbolo della democrazia americana ha evocato, ancora una volta, gli scenari di “guerra civile” che molti avevano menzionato dopo le ultime e tormentatissime elezioni presidenziali. Del resto, in una recente intervista, il politologo Francis Fukuyama ha sottolineato che l’estrema polarizzazione politica della società americana induce a ritenere che questo sia uno…

Dietro la rivolta dei “deplorables” il malessere della democrazia Usa: la delegittimazione di mezza America

Simone Zuccarelli di Simone Zuccarelli, in Esteri, Quotidiano, del

Su quanto avvenuto negli Stati Uniti è già stato scritto e detto molto, forse troppo. Una questione, però, rimane sottotraccia nel vortice di emozioni e recriminazioni: quella della legittimità. Episodi come quelli visti il 6 gennaio sono indicatori importanti dello stato di salute del sistema, in particolare della liberal-democrazia. Quando milioni di persone ritengono truccato…

Caccia alle streghe: le corporazioni-stato, al servizio dell’ideologia progressista, censurano quel che sa di “destra”

Avatar di Enzo Reale, in Media, Politica, Quotidiano, del

Big Tech ha ceduto alle pressioni della parte politica cui si sente più affine per diventare il braccio esecutivo della censura che i governi non possono attuare direttamente: tutto quello che sa di “destra” diventa automaticamente passibile di riprovazione, assimilabile all’eversione sotto le etichette ormai inflazionate di “fascismo” e “hate speech”, mentre dominano quasi indisturbati apologeti di…

Cultora © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy