• 21/09 @ 07:23, I rischi del dossieraggio e delle mire egemoniche del regime di Pechino, di Michele Marsonet https://t.co/Vq0f5Zp11Q
  • 21/09 @ 07:01, Covid e presidenziali Usa, social sempre meno neutrali: Facebook scatenata nel censurare gli spot di Trump, di Matt… https://t.co/8V49dpjITc
  • 19/09 @ 11:12, “La casa sull’argine”, di Daniela Raimondi: un’epopea di anime che lottano contro l’ineluttabilità del destino, di… https://t.co/tyNQgjWTSs
  • 19/09 @ 11:11, Il China Virus prodotto in laboratorio? Twitter censura Li-Meng Yan, virologa scomoda per Pechino, di Enzo Reale https://t.co/UbFRJbauJe
  • 18/09 @ 19:55, Il lento e inesorabile fallimento dell’Ulivo/Pd: dalla vocazione maggioritaria al ritorno del proporzionale, di Fra… https://t.co/dSArmNrZsh
  • 18/09 @ 19:54, L’alba di un nuovo ordine in Medio Oriente. Trump ha mostrato che un’altra via è possibile, palestinesi senza più a… https://t.co/9gcjaEm5b7

Tag turchia


L’alba di un nuovo ordine in Medio Oriente. Trump ha mostrato che un’altra via è possibile, palestinesi senza più alibi

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Per comprendere gli Accordi di Abramo firmati a Washington il 15 settembre 2020 non bisogna partire dalla presidenza Trump, ma da quella di Barack Obama. È stato il presidente Obama a creare l’environment che poi, abilmente Trump ha sfruttato per arrivare all’accordo tra Israele e il mondo arabo sunnita moderato del Golfo. Ma si badi…

Erdogan potrebbe consegnare a Teheran Maryam Shariatmadari. L’attivista iraniana anti-hijab arrestata in Turchia

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Domenica scorsa le autorità turche hanno arrestato Maryam Shariatmadari. Il suo nome non dirà molto a chi non segue le questioni iraniane, ma Maryan è nota in Iran per aver pubblicamente protestato contro il velo obbligatorio, togliendosi l’hijab in strada nel 2018 e venendo ovviamente arrestata con violenza dalle autorità khomeiniste. Maryam, all’epoca studentessa di…

Il pericoloso gioco nel Mediterraneo orientale/3 – L’unica sponda di Erdogan è a Berlino

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

La Turchia è una potenza revisionista. Rinunciando al preteso ruolo di difensore del diritto internazionale, pure Berlino ha mostrato di essere una potenza revisionista. Assumendo una posizione oggettivamente filo-turca, Berlino ha mostrato di essere una potenza revisionista pure del Trattato Nato e delle clausole di difesa comune del Trattato Ue. Con l’obiettivo di divenire una…

Il pericoloso gioco nel Mediterraneo orientale/1 – Cosa dice il diritto e cosa dice Ankara

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

La convenzione di Montego Bay regola le acque territoriali, la zona economica esclusiva, la piattaforma continentale. Un governo turco con i piedi per terra, la sottoscriverebbe immantinente e cercherebbe di farla valere per quanto di proprio interesse. Erdogan, che i piedi per terra non ha, non ha sottoscritto la convenzione e non la rispetta, ma…

Le donne che combattono per lo stato di diritto nei regimi islamisti ma ricevono poca attenzione in Occidente

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Ebru Timtik l’Occidente l’ha lasciata morire dopo mesi di detenzione e 238 giorni di sciopero della fame, iniziato per chiedere un processo equo. Timtik era una avvocatessa impegnata nella difesa dei diritti umani e dei prigionieri politici, in particolare alcune vittime delle proteste antigovernative di Gezi Park nel 2013. Per il presidente turco Erdogan, però,…

Dopo Santa Sofia, ecco come Erdogan vuole usare l’islam per minacciare i rivali della sua Turchia

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

“La Grecia ha dimostrato nuovamente la sua ostilità verso l’Islam e la Turchia, con la scusa di reagire all’apertura della Moschea di Santa Sofia alla preghiera”. Sono queste le parole con cui il ministro degli esteri turco, Hami Aksoy, ha commentato le critiche di Atene verso alla decisione di Ankara di permettere la riconversione della…

Pacifismo e dialogo non basteranno a difendere i nostri interessi in Libia (né i nostri confini)

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

La crisi libica indica, una volta di più, che essere agnelli in mezzo ai lupi può dare soddisfazioni morali, seguendo le esortazioni di Papa Francesco, ma rischia anche di cancellare le poche briciole di influenza che ci restavano da spendere nel panorama internazionale. L’intervento di Erdogan, le cui forze armate hanno dimostrato un invidiabile grado…

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy