• 23/01 @ 19:32, Passato inosservato il vero erede di Qassem Soleimani: Mohammad Hejazi, di Dorian Gray https://t.co/6nhw0GiS55
  • 23/01 @ 19:31, Non si vince la battaglia culturale replicando faziosità e dogmatismo della sinistra, di Corrado Ocone https://t.co/IJjT10knaQ
  • 23/01 @ 12:30, La locomotiva Trump a Davos: dopo la tregua con la Cina, nel mirino l’Europa, di @jimmomo https://t.co/237Z9rHA6X
  • 22/01 @ 19:20, Nel voto in Emilia Romagna la reazione del sistema a Salvini e due visioni di democrazia, di Franco Carinci https://t.co/YfCtjS5Fz8
  • 22/01 @ 18:13, Richard Jewell: il conservatore libertario Clint Eastwood non delude mai, di @Capezzone https://t.co/tKEG0b8eHm
  • 22/01 @ 11:37, Le virtù del nazionalismo secondo Yoram Hazony: ma attenzione ai difetti e alle semplificazioni sul liberalismo, di… https://t.co/iJAolFBH7Y

Tag stati uniti


La locomotiva Trump a Davos: dopo la tregua con la Cina, nel mirino l’Europa

Federico Punzi di Federico Punzi, in Esteri, Quotidiano, del

Smentite le profezie di sventura dei soliti “esperti”, il presidente Usa si presenta forte dei suoi successi Ricorderete la Davos del 2017, quando a pochi giorni dall’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, il gotha finanziario globalista e tutte le principali testate, italiane e internazionali, ancora sotto shock per la sua elezione, incoronavano il presidente…

Svolta atlantista e Gerusalemme capitale: ecco come Salvini cambia rotta alla politica estera della Lega

Avatar di Federico Rossi, in Politica, Quotidiano, del

Matteo Salvini potrebbe aver segnato un definitivo cambio di prospettiva dal punto di vista delle strategie della Lega in politica estera. Infatti, in una recente intervista al giornale Israel Ha-Yom, il leader della Lega ha dichiarato che una volta premier riconoscerà Gerusalemme capitale d’Israele, come fatto da Donald Trump nel dicembre 2017. Sarebbe una svolta…

Lo spazio nuovo teatro della competizione geopolitica: come gli Usa rispondono alle sfide di Mosca e Pechino

Avatar di Fabio van Loon, in Esteri, Quotidiano, del

Le più grandi minacce alla sicurezza internazionale vanno dai conflitti mediorientali alle tensioni nel Pacifico, ma in pochi sembrano parlare dello spazio. Oggi più che mai, le grandi potenze percepiscono lo spazio come il nuovo teatro della competizione geopolitica. È proprio la rinvigorita competizione spaziale che sta evidenziando le gravi vulnerabilità di interi apparati militari…

Meno Kant, più Burke. L'”Ordine mondiale” secondo Henry Kissinger

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Libri, Quotidiano, Recensioni, del

Quest’anno Henry Kissinger compie 97 anni. Non si direbbe leggendo il suo ponderoso libro “Ordine mondiale”, edito in Italia da Mondadori. Un volume che supera le 400 pagine, nel quale storia, geopolitica e filosofia della storia si mescolano in un dosaggio sapiente, frutto del resto della vastissima cultura del personaggio. In effetti Kissinger non ha…

Ecco perché non c’è separazione tra Repubblica Islamica e i gruppi terroristici che finanzia e arma

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Secondo quanto dichiarato dalla Banca centrale iraniana, un Tribunale italiano – probabilmente la Corte d’appello di Roma – ha rifiutato di accettare la richiesta di sequestro di oltre 5 miliardi di beni iraniani come rimborso per le vittime americane del terrorismo della Repubblica Islamica. La vicenda risale al 2012 quando, in seguito alla denuncia di…

Dopo Hong Kong, anche da Taiwan schiaffo a Pechino: dove si vota, la Repubblica Popolare perde

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Com’era ampiamente previsto, le elezioni a Taiwan hanno segnato una netta vittoria del partito indipendentista capeggiato dalla attuale presidente Tsai Ing-wen, prima donna a ricoprire tale incarico. Tsai, al potere dal 2016, è riuscita ad essere rieletta ampliando i suoi consensi fino al 57 per cento dei voti – 8,17 milioni di elettori, un livello…

Il jab di Trump fa barcollare il regime iraniano: rottura con la popolazione irrimediabile

Federico Punzi di Federico Punzi, in Esteri, Media, Quotidiano, del

E media mainstream allo sbando Avrebbe potuto essere un inizio 2020 glorioso per la Repubblica Islamica, con fino a quattro ambasciate Usa in Medio Oriente sotto assedio (gli attacchi che stava pianificando Qassem Soleimani prima di essere eliminato), invece si è trasformato in un incubo. Non solo Teheran ha perso lo stratega della “mezzaluna sciita”…

La tentazione di molti media di santificare Soleimani pur di criticare Trump

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Destano una certa sorpresa le reazioni di molti media italiani ed europei all’eliminazione del generale iraniano Qasem Soleimani decisa, in prima persona, da Donald Trump. Parecchi l’hanno giudicata come un tentativo, da parte del presidente, di riacquistare popolarità presso l’opinione pubblica Usa turbata – ma, a quanto sembra, nemmeno tanto – dalla vicenda dell’impeachment. Altri…

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy