• 21/11 @ 07:49, Il successo anti-Salvini delle “sardine” sposta il duello sul campo nazionale. Non una buona notizia per Bonaccini,… https://t.co/FK2WFflAbP
  • 21/11 @ 07:48, Non solo caro-benzina: gli iraniani non sopportano più privilegi e spese all’estero del regime, di Dorian Gray https://t.co/SnVSsR7Ecn
  • 19/11 @ 19:41, La sinistra latinoamericana tra dogmatismo ideologico e attaccamento al potere, di Roberto Penna https://t.co/s2rbXeR61C
  • 19/11 @ 19:40, Se il conservatorismo italiano è giovane, di @marco_gervasoni https://t.co/xrOqHm0ntQ
  • 19/11 @ 19:38, Perché la proposta di portare Israele nell’Ue non ha senso, di Mattia Roncalli https://t.co/yCethJ9T2i
  • 19/11 @ 19:37, Day by Day: Excellence, Terra e vino di Maremma, di @Ferronix https://t.co/ilQ0KfTOck

Tag sinistra


Il successo anti-Salvini delle “sardine” sposta il duello sul campo nazionale. Non una buona notizia per Bonaccini

Avatar di Franco Carinci, in Politica, Quotidiano, del

Una idea niente male, se si deve giudicare dalla fortuna avuta, fino ad essere assunta come forma di mobilitazione da ripetere in Emilia, Modena dopo Bologna, e fuori, in Toscana, nella città di Renzi. Quattro trentenni, digiuni di qualsiasi pratica politica, hanno adottato nome e simbolo delle “sardine”, per organizzare una contro-manifestazione in Piazza Maggiore,…

La sinistra latinoamericana tra dogmatismo ideologico e attaccamento al potere

Avatar di Roberto Penna, in Esteri, Quotidiano, del

La politica può essere miseranda, squallida e meschina. Ciò accade nelle migliori democrazie e si verifica ancor più, talvolta con conseguenze drammatiche, in quei sistemi pluripartitici più fragili e meno garantiti da pesi e contrappesi. Anche a destra possono esserci mascalzoni ed inetti, per carità, ma chi, in anni recenti, ha dato il peggio di…

Minima Politica – Per la sinistra l’avversario buono è quello morto: la memoria politicamente corretta

Avatar di Dino Cofrancesco, in Minima Politica, Rubriche, del

Nel discorso politico italiano gli avversari buoni sono gli avversari morti. Virtù viva sprezziam, lodiamo estinta. È sempre capitato ma c’è un limite a tutto. Ormai anche sulla grande stampa, quella dell’establishment, si è inondati dalla retorica della gran bontà dei cavalieri antiqui, rivali e di fe’ diversi. Tutto questo ha una logica: per fascistizzare…

Il Muro di Berlino senza padri: la sua caduta e la storia strumentalizzate contro il “sovranismo”

Avatar di Martino Loiacono, in Politica, Quotidiano, del

A leggere alcuni post di commentatori e politici sul trentennale della caduta del Muro di Berlino, sembra che quel muro non avesse nulla a che vedere con il comunismo. Termine che spesso non viene nemmeno utilizzato. Quasi che il Muro fosse una struttura architettonica piazzata lì per motivi ignoti. Forse per ragioni nazionalistiche o per fermare l’immigrazione (e non…

Elettori e lettori le voltano le spalle, i totem vacillano, e la sinistra mostra la sua vera anima

Avatar di Max Del Papa, in Politica, Quotidiano, del

Un vero uomo si vede nella sconfitta e allo stesso modo, si potrebbe chiosare, si vede un vero partito. Vero per dire mero, sincero, senza inganni, scoperto di fronte alle sue responsabilità. Di fronte alle sue responsabilità, la sinistra ha gettato la maschera, ha rivelato il suo vero volto segnato dalle rughe profonde dell’ideologia. Che…

Non solo Di Maio e Zingaretti: l’ennesima disfatta è anche rigetto degli “intellettuali organici”

Avatar di Max Del Papa, in Politica, Quotidiano, del

Adesso tutti a scaricare il barile delle colpe su Di Maio e Zingaretti. Eh no, troppo facile: se la teoria dell’intellettuale organico di gramsciana fede ha una sua consistenza, e la sinistra ne ha sempre fatta una pietra angolare, allora occorrerà anche dire che dell’ennesima disfatta elettorale, ultima fermata l’Umbria (per ora), in tanti volti…

L’altra faccia del lunedì – La “legge di Orban” sulla sinistra: ovunque uguale, vuole più immigrati e più tasse

Avatar di Marco Gervasoni, in L'altra faccia del lunedì, Rubriche, del

Ero presente al discorso di Viktor Orban ad Atreju e non ho scorto tutta l’onda nera che alcuni ex missini, esperti nel campo e ora riconvertitisi in liberal, sembrano aver notato. Ho visto invece un leader nazional-conservatore di un paese piccolo (nel senso di estensione geografica) ma fiero e con una grande tradizione, e che…

1994: l’anno in cui tutto (non) cambiò

Avatar di Daniele Meloni, in Politica, Quotidiano, del

L’uscita della nuova serie televisiva “1994” con Stefano Accorsi fa tornare alla mente un periodo della nostra storia che, manco a dirlo, è stato molto discusso. Si tratta infatti dell’anno fondativo della Seconda Repubblica, del berlusconismo e del bipolarismo. Fu proprio la “discesa in campo” di Silvio Berlusconi a definire un’epoca che bene o male…

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy