• 14/10 @ 17:27, L’altra faccia del lunedì – Ti tasso per renderti migliore: l’ideologia pro tax del governo Giuseppi di… https://t.co/bAHWag78a0
  • 14/10 @ 17:25, Ecco perché la deriva islamista di Erdogan non si affronta ignorando che la Turchia è un alleato Nato strategico, d… https://t.co/LfNCqo9VeG
  • 12/10 @ 16:41, SPECIALE ITALYGATE/9 – Nuova denuncia di Occhionero: da autorità italiane ancora attacchi informatici contro Usa, d… https://t.co/9v4vgN8Zpv
  • 12/10 @ 16:40, Ecco perché all’Iran non dispiace l’operazione di Erdogan, mentre Israele teme un’intesa Ankara-Teheran ai danni di… https://t.co/ze1gRppwCN
  • 12/10 @ 08:40, Divide et impera: l’Unione europea esige l’Irlanda del Nord non per mantenere la pace, ma per bloccare Brexit di Da… https://t.co/4n5ePrvmrz
  • 12/10 @ 08:39, Day by Day: arte e gourmet a Palazzo Braschi a Roma, di Gianfranco Ferroni https://t.co/OAr80fP2eo

Tag regno unito


Finita la campagna, ora inizia il duro lavoro per Boris Johnson: sfide e incognite del nuovo primo ministro

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

Completare Brexit, ma anche la possibilità di elezioni anticipate per avere una “sua” maggioranza. Dopo la fiducia degli iscritti, caccia aperta a quella di colleghi ed elettori Come previsto è Boris Johnson il nuovo leader dei Conservatori e quindi l’uomo indicato dagli iscritti al partito per sostituire Theresa May come primo ministro del Regno Unito….

I passi falsi di Teheran, sempre più all’angolo, e gli imbarazzi europei

Federico Punzi di Federico Punzi, in Esteri, Quotidiano, del

Il blitz dei Pasdaran della scorsa settimana, il sequestro della petroliera britannica “Stena Impero” nelle acque dello Stretto di Hormuz, da un lato rappresenta un successo tattico, un siluro alla credibilità del sistema di vigilanza e sicurezza che gli Stati Uniti e i loro alleati stanno allestendo nel Golfo Persico, ma dall’altro potrebbe rivelarsi un…

Una nuova Special Relationship all’orizzonte tra le due sponde dell’Atlantico: quella tra Johnson e Trump

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

Durante l’ultimo dibattito televisivo con il rivale Jeremy Hunt ospitato da ITV, Boris Johnson ha voluto rimarcare che sarebbe presuntuoso da parte sua pensare di essere già il nuovo primo ministro britannico. La conta dei voti tra gli iscritti al Partito conservatore è in corso, alcuni tra gli esponenti più importanti hanno pubblicato sui propri…

I candidati Tories si presentano: non solo Brexit nell’agenda del prossimo inquilino di Downing Street

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

La prima voce in agenda è inevitabilmente Brexit, ma c’è dell’altro nei programmi che i candidati conservatori stanno presentando alla stampa e agli elettori in queste ore che hanno scandito il via ufficiale alla corsa per prendere il posto di Theresa May come leader del partito e primo ministro britannico. La lista degli aspiranti è…

Judicialisation of Politics: se la giustizia politica attraversa la Manica

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Il caso Boris Johnson un pericoloso precedente. Hai detto una panzana e hai vinto? Le tue balle sono state digerite meglio delle mie? Bene, ti denuncio. Gli inglesi la chiamano judicialisation of politics, variante d’Oltremanica della nostrana “politicizzazione della giustizia”, ma il concetto è sempre quello: può la lotta politica essere condotta principalmente da tribunali…

Macron vuole il suo esercito europeo, tagliando in due la Nato. Ma per ora è un generale senza truppe

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

In attesa di scoprire quale sarà lo scenario che scaturirà dalle elezioni europee di questa settimana, Emmanuel Macron muove le sue pedine nel risiko militare. Il presidente francese ha infatti dichiarato che le aziende degli stati membri della Nato, ma esterni all’Unione europea, non dovrebbero più presentare le loro proposte per contratti con le nazioni…

L’altra faccia del lunedì – Perché la “rivoluzione conservatrice” di Maggie ci interpella ancora

Avatar di Marco Gervasoni, in L'altra faccia del lunedì, Rubriche, del

Quarant’anni e non sentirli. Sono quelli passati dal maggio in cui Margaret Thatcher vinse le sue prime elezioni, con un vantaggio non amplissimo, ma con una campagna dai contenuti rivoluzionari e con un dato interessante, che pochi allora colsero: lo spostamento di una discreta quota di voti operai sui Conservatori – anche se esisteva già…

La nuova ascesa di Nigel Farage e i segreti del successo della sua ultima creatura: il “Brexit Party”

Avatar di Graziano Davoli, in Esteri, Quotidiano, del

I sondaggi, che ricordiamolo non sono oracoli, sembrano dare un quadro preciso sulle intenzioni di voto dei cittadini britannici in occasione delle prossime elezioni europee. Il Brexit Party, la nuova creatura di Nigel Farage, risulta essere il primo partito con un range di consensi tra il 27 ed il 28 per cento anche se, secondo…

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy