• 20/10 @ 12:34, Sicurezza di reti e infrastrutture: a Venezia la conferenza internazionale Expotech Esrel 2020 dall’1 al 5 novembre https://t.co/J8c3G8Uob7
  • 20/10 @ 12:33, La “mussolinizzazione” della Presidenza del Consiglio: risparmiateci un climax di Dpcm dal balcone di Piazza Venezi… https://t.co/kNEqkcVPly
  • 20/10 @ 12:32, Decapitato per una vignetta. Ma della minaccia islamista non bisogna parlare, altrimenti è razzismo, di Max Del Pap… https://t.co/Df8XjnWZTH
  • 19/10 @ 19:05, Scia di sangue e autocensura, in Francia l’islamismo penetra nelle scuole, di Marco Cesario https://t.co/Azg2TICD1n
  • 19/10 @ 19:04, Viva Halloween, abbasso il governatore della Campania che cerca di coprire il disastro della sua sanità, di Adriano… https://t.co/L1nHU4xi42
  • 18/10 @ 15:27, Basta lockdown: il dietrofront dell’Oms e la Dichiarazione di Barrington. Modello cinese (e italiano) sconfessato,… https://t.co/7KFUifPwub

Tag medio oriente


Anche l’Iran può riconoscere Israele: parla Faezeh Hashemi, figlia dell’ex presidente Rafsanjani

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Qualcosa di sorprendente è avvenuto in Iran nelle ultime ore, qualcosa che fino a poco tempo fa sarebbe stato impensabile e che, anche in questo caso, è forse da ricondurre agli effetti indiretti degli accordi di pace siglati fra Israele, Emirati Arabi Unti e Bahrain a Washington. Parlando al quotidiano riformista Arman-i Melli lo scorso…

Tempi bui per l'”Asse della Resistenza”: si allenta la presa di Teheran e Hezbollah su Libano e Siria

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Non sono tempi meravigliosi per il cosiddetto “asse della resistenza”, ovvero l’alleanza fra Iran-Hezbollah e Siria. Qualcosa non gira proprio come dovrebbe per Teheran e a dimostrarlo sono, più che le parole, una serie di silenzi che lasciano pensare. Partiamo dal Libano: una settimana fa è stato reso noto che i militari di Unifil 2…

Il nucleare iraniano e il dilemma della Dottrina Begin: i rischi di uno strike preventivo

Avatar di Mattia Roncalli, in Esteri, Quotidiano, del

Dottrina Begin, nome evocativo e forse sconosciuto ai più. Per comprendere in cosa consista occorre fare un salto nel passato, più precisamente nel 1981. Il primo ministro israeliano in quell’anno era Menachem Begin, leader del partito Likud. Egli ordinò l’operazione Babilonia, la quale consisteva nella distruzione del reattore nucleare di Saddam Hussein ad Osirak, in…

L’alba di un nuovo ordine in Medio Oriente. Trump ha mostrato che un’altra via è possibile, palestinesi senza più alibi

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Per comprendere gli Accordi di Abramo firmati a Washington il 15 settembre 2020 non bisogna partire dalla presidenza Trump, ma da quella di Barack Obama. È stato il presidente Obama a creare l’environment che poi, abilmente Trump ha sfruttato per arrivare all’accordo tra Israele e il mondo arabo sunnita moderato del Golfo. Ma si badi…

Non solo Trump, la Lega candida anche Netanyahu al Nobel per la pace

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

La Lega candida il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu come Premio Nobel per la Pace. Dopo la candidatura del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, per mezzo di un parlamentare norvegese, questa volta è stato il deputato Paolo Grimoldi, capo della delegazione italiana all’OSCE, a spingere perché il riconoscimento sia assegnato al leader del Likud,…

La crisi americana: più volte annunciata, è più apparente che reale. Ecco perché

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Va di moda, oggi, sostenere che l’America è in crisi. Eravamo abituati a vedere una superpotenza globale che esercitava senza remore la sua leadership, spesso ricorrendo all’enorme potenza militare. Senza dubbio il quadro complessivo era più semplice quando gli Stati Uniti dovevano fronteggiare un nemico certo ma, tutto sommato, prevedibile come la defunta Unione Sovietica….

I possibili scenari dietro l’esplosione che ieri ha scosso Beirut

Avatar di Titus Livius, in Esteri, Quotidiano, del

Due enormi esplosioni hanno scosso ieri pomeriggio Beirut. Ufficialmente, ad esplodere pare essere stata una fabbrica di fuochi d’artificio presso la zona portuale. La deflagrazione, avvertita in tutta la capitale libanese, ha ucciso circa 50 persone e ne ha ferite migliaia (dato aggiornato alla sera del 4 agosto 2020). Ovviamente, al di là delle dichiarazioni…

Rischio “cinesizzazione” del Libano: Pechino cerca di approfittare della crisi e del vuoto di potere

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Il 27 maggio scorso l’ambasciatore cinese a Beirut, Wang Kejian, e il ministro della cultura libanese, Abbas Mortada, hanno firmato l’accordo per la cooperazione culturale tra Cina e Libano, che vedrà anche nella capitale del Paese dei Cedri una forte espansione degli Istituti Confucio e del soft power di Pechino, con la prospettiva di ampliare,…

Cosa c’è dietro l’accordo Cina-Iran: asse strategico o meno, l’Occidente dovrebbe prenderlo sul serio

Dorian Gray di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

La Cina e l’Iran hanno annunciato, come ormai stranoto, di essere vicine alla conclusione di un accordo strategico, che includerebbe intese in ogni settore. Ad inizio giugno, il New York Times aveva pubblicato un documento di 18 pagine che sarebbe il testo dell’accordo tra Teheran e Pechino, la cui autenticità però è ancora da verificare….

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy