• 18/01 @ 19:02, La crisi dei giornali: notizie poche, commenti troppi, e gara a chi la spara prima e più grossa, di Roberto Ezio Po… https://t.co/G3RrZU7kCL
  • 18/01 @ 12:43, Meno Kant, più Burke. L'”Ordine mondiale” secondo Henry Kissinger, di Michele Marsonet https://t.co/b0wiy8YhdX
  • 18/01 @ 08:41, Prendere tempo ad ogni costo, ma fino a che punto il Quirinale può ignorare la crisi della maggioranza e le sue der… https://t.co/Y2Qy1Xo7fh
  • 17/01 @ 19:16, E se il generale Soleimani fosse diventato troppo ingombrante anche per l’Iran? di Dorian Gray https://t.co/NVvqJRnNOl
  • 17/01 @ 12:38, Altro che sovranista ante litteram, Bettino Craxi voleva più Europa. E la ottenne https://t.co/yV4lxrxIjb
  • 17/01 @ 08:18, Referendum elettorale troppo manipolativo, ma la Consulta può manipolare la Costituzione a suo piacimento e conveni… https://t.co/K5CWZ5BkHP

Tag iran


Ecco perché non c’è separazione tra Repubblica Islamica e i gruppi terroristici che finanzia e arma

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Secondo quanto dichiarato dalla Banca centrale iraniana, un Tribunale italiano – probabilmente la Corte d’appello di Roma – ha rifiutato di accettare la richiesta di sequestro di oltre 5 miliardi di beni iraniani come rimborso per le vittime americane del terrorismo della Repubblica Islamica. La vicenda risale al 2012 quando, in seguito alla denuncia di…

Il regime degli ayatollah è in guerra da sempre: contro il popolo iraniano

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

La tragedia dell’abbattimento dell’aereo civile ucraino in Iran ha messo in luce nuovamente tutte le fratture interne al regime. Nonostante il tentativo di mostrare unità nazionale durante i funerali di Qassem Soleimani, per Teheran non è stato possibile arginare la marea di rabbia e orgoglio che ha attraversato la popolazione civile iraniana, quando il governo…

Ecco come la propaganda degli ayatollah finisce in prima pagina sul Corriere della Sera

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Media, Quotidiano, del

Dopo l’uccisione di Soleimani, diversi “intellettuali” occidentali si sono adoperati per condannare la scelta di Trump e difendere la memoria del generale iraniano passato a miglior vita. Uno dei più scatenati in questo senso è stato l’ex ambasciatore a Mosca e oggi editorialista Sergio Romano che, in un articolo domenica sul Corriere e in una…

Il jab di Trump fa barcollare il regime iraniano: rottura con la popolazione irrimediabile

Federico Punzi di Federico Punzi, in Esteri, Media, Quotidiano, del

E media mainstream allo sbando Avrebbe potuto essere un inizio 2020 glorioso per la Repubblica Islamica, con fino a quattro ambasciate Usa in Medio Oriente sotto assedio (gli attacchi che stava pianificando Qassem Soleimani prima di essere eliminato), invece si è trasformato in un incubo. Non solo Teheran ha perso lo stratega della “mezzaluna sciita”…

La tentazione di molti media di santificare Soleimani pur di criticare Trump

Avatar di Michele Marsonet, in Esteri, Quotidiano, del

Destano una certa sorpresa le reazioni di molti media italiani ed europei all’eliminazione del generale iraniano Qasem Soleimani decisa, in prima persona, da Donald Trump. Parecchi l’hanno giudicata come un tentativo, da parte del presidente, di riacquistare popolarità presso l’opinione pubblica Usa turbata – ma, a quanto sembra, nemmeno tanto – dalla vicenda dell’impeachment. Altri…

La politica estera di Trump dovrebbe piacere ai libertari, ma resterà incompreso da intellettuali e politici

Avatar di Stefano Magni, in Esteri, Quotidiano, del

Al quarto anno di presidenza di Donald Trump si può esprimere già un giudizio sulla sua politica estera, specie dopo che si è concluso, con un plateale 1-0, l’ultimo scontro con l’Iran. E, come c’era da attendersi, non è scoppiata alcuna terza guerra mondiale. Dovrebbero già essere fugate molte paure, se non altro. La sinistra,…

Non solo deterrenza: Trump vuole più Nato in Medio Oriente

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Atlantico lo ha scritto chiaro dall’inizio e lo ha ribadito anche il direttore Federico Punzi il 9 gennaio: l’uccisione di Soleimani è un game changer. Dopo anni di debolezza apparente, gli Stati Uniti hanno deciso di reagire duramente alle attività espansionistiche di Teheran. Lo hanno fatto come ritorsione per l’attacco del 31 dicembre all’ambasciata di…

Erdogan in Libia sul modello iraniano in Siria: inquietanti similitudini che dovrebbero allarmare Italia e Ue

Avatar di Dorian Gray, in Esteri, Quotidiano, del

Non sappiamo ancora come si concretizzerà il progetto turco di controllare la Tripolitania. Sappiamo che Erdogan ha ottenuto il consenso del Parlamento turco (dominato dal suo partito) e che, apparentemente, ci sarebbero due linee di pensiero in Turchia su come sostenere al Serraj: la prima è quella di Erdogan, che punterebbe ad un sostegno massiccio,…

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy