• 23/05 @ 12:47, Se la Mogherini ignora le sanzioni di Trump: il conto sull’Iran lo pagheranno le imprese italiane ed europee https://t.co/nq2qM9YuSR
  • 23/05 @ 12:43, Fuori dalle tifoserie politiche, lontano dagli hooligans: il diritto a non essere militarizzati, a non avere pregiu… https://t.co/DG7ZzlCpPC
  • 22/05 @ 12:38, “Pessimismo, ma idee forti per Italia ed Europa. Spesa e tasse cartina tornasole”. Cosa scrisse Paolo Savona per At… https://t.co/avclEi0N6F
  • 22/05 @ 12:38, Pompeo detta le condizioni all’Iran. E al Congresso già si lavora per mettere l’Europa davanti a un bivio, di… https://t.co/KwgujbmMvW
  • 21/05 @ 19:14, La “Seconda lettera agli amici tedeschi”, di Paolo Savona, di @Capezzone https://t.co/KdDWru2my5
  • 21/05 @ 19:12, Arabia Saudita: la sfida di MBS contro il Deep State religioso, gli Ulema, di Francesco Cirillo https://t.co/MvAZWMHW4i

Tag germania


La “Seconda lettera agli amici tedeschi”, di Paolo Savona

di Daniele Capezzone, in Libri, Recensioni, del

Nella “narrazione” concepita dall’establishment politico e mediatico dell’Europa continentale, ci sono solo due parti previste in commedia: o il soggetto pro-Europa, razionale, elegante, moderato, presentabile, oppure il soggetto anti-Europa, per definizione urlante e ululante, spacciatore di paura, mercante di panico, in ultima analisi impresentabile. Tertium non datur. E invece l’elemento “terzo” c’è, eccome: una pattuglia…

Il caro prezzo della Brexit, per l’Ue: il nuovo budget approfondisce le crepe in una famiglia già litigiosa

di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

Le questioni legate ai soldi possono provocare malumori anche nelle migliori famiglie, figurarsi in quelle più litigiose. Il budget dell’Unione europea previsto per il settennato 2021-2027 e le relative polemiche che ha scatenato sembrano entrare di diritto nella seconda casistica. Il presidente della Commissione Jean-Claude Junker lo scorso mercoledì aveva appena terminato di presentare il…

Contrordine compagni: Trump ha ragione, la Cina non è la paladina del libero commercio

di Federico Punzi, in Economia, Esteri, Quotidiano, del

Ricordate a gennaio dello scorso anno, il Gotha finanziario globale riunito a Davos e tutte le principali testate, italiane e internazionali, ai piedi del leader cinese Xi Jinping, dipinto come “alfiere della globalizzazione” e del libero commercio? Niente di più lontano dalla realtà, una vera e propria fake story, accreditata dai mainstream media e dai…

L’arresto di Puigdemont visto da Berlino: biglietto da visita di Angela Merkel e premio all’alleato Rajoy

di Alberto de Sanctis, in Esteri, Quotidiano, del

L’arresto di Carles Puigdemont rivela molto sulla Germania del quarto governo Merkel, sicuramente più di quanto non faccia a proposito della crisi fra Spagna e Catalogna. Sotto questo secondo profilo, l’episodio si è limitato a riportare al centro dell’attenzione internazionale una crisi dimenticata il cui unico risultato è stato quello di frantumare la società catalana,…

Una politica estera per il nuovo Governo: rinsaldare i legami atlantici senza essere succube del duo Merkel-Macron

di Emanuele Canegrati e Bepi Pezzulli, in Esteri, Quotidiano, del

La politica estera, come è stato ampiamente riconosciuto dai principali quotidiani nazionali, è stata la grande assente della recente campagna elettorale. Presi come sono stati dalle questioni interne, divisi tra proposte liberali come la flat tax e il sostegno alle imprese da una parte e proposte più progressiste come il reddito di cittadinanza dall’altra, i…

I “liberali” per Più Europa? Protestanti immaginari

di Stefano Magni, in Politica, Quotidiano, del

Pianeta liberale: abbiamo un problema. Emma Bonino, con +Europa sostiene che si debbano armonizzare le tasse nell’Ue, come è stato puntualmente riportato in queste colonne, e attira il plauso, invece che la riprovazione, dei liberali che l’appoggiano e la vogliono votare. Basta aprire una qualunque discussione su un qualunque social network per trovare pareri di…

Crisi dell’euro, dei migranti, Brexit: i disastri politici di una sopravvalutata Angela Merkel

di Federico Punzi, in Esteri, Quotidiano, del

All’indomani del voto sulla Brexit del 23 giugno 2016, al di qua della Manica è stato subito additato come “colpevole” del risultato, come capro espiatorio, l’allora primo ministro britannico David Cameron, semplicemente per aver offerto ai suoi concittadini l’occasione di esprimersi. Ricordiamo i commenti durante le dirette televisive di quella notte. Celebrazione della democrazia britannica…

Il grande gioco per il controllo della Bce

di Alberto de Sanctis, in Economia, Quotidiano, del

La nomina del ministro delle finanze spagnolo Luis De Guindos alla vicepresidenza della Bce ha di fatto aperto la corsa alla successione di Mario Draghi al vertice dell’Eurotower. È uno sviluppo che avrà conseguenze decisive. In un’Europa fatalmente incapace di assumere decisioni strategiche per il proprio futuro, nell’ultimo decennio la Banca Centrale Europea si è…

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy