• 19/07 @ 11:52, Diritto d’asilo e protezione internazionale: numeri, storie e illusioni dei “sedicenti rifugiati”, di #AnnaBono https://t.co/tEsk0A1CIz
  • 19/07 @ 11:22, Quel confronto tra Di Maio e Boccia: lo stato qua, lo stato là, lo stato deve, lo stato può... E la libertà? La lib… https://t.co/JUUtP4VZs7
  • 19/07 @ 06:22, Il futuro del sovranismo passa da Londra? di @DanieleMeloni80 https://t.co/eWZ1mcdQbQ
  • 19/07 @ 06:15, Il futuro di Forza Italia e del centrodestra nell’era della “trazione leghista”, di @martinoloiacono https://t.co/BmqICX9XH7
  • 19/07 @ 06:14, Giovannino Guareschi: un omaggio commosso ad un goliardico frondista, di #GrazianoDavoli https://t.co/ocMFSuMyrg
  • 17/07 @ 11:46, Finiti i Mondiali, torna l’appassionante soap-opera Pd, di @Capezzone https://t.co/FPAWKJSfFz

Tag centrodestra


Il futuro di Forza Italia e del centrodestra nell’era della “trazione leghista”

di Martino Loiacono, in Politica, Quotidiano, del

Dopo il 4 marzo e soprattutto dopo la formazione del governo giallo-blu la fisionomia del centrodestra è cambiata radicalmente. L’alleanza tradizionale tra FI, Lega e An-FdI si è fortemente trasformata. Infatti Forza Italia ha perso il ruolo di polo aggregatore per diventare una forza secondaria. Dopo il sorpasso elettorale della Lega e il lascia passare…

Consigli, non richiesti, a ciò che resta di Forza Italia

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

C’era una volta Forza Italia che determinava e guidava le coalizioni di centrodestra, nonché i governi del medesimo colore e pure qualche esecutivo sorretto dalle larghe intese. Oggi quel partito c’è ancora, ma incide molto meno sulla vita politica italiana, ottiene minore considerazione da parte dei media e anche, questo è l’aspetto peggiore per gli…

Tra giustizialismo e statalismo premesse non incoraggianti, ma opportuno mettere alla prova i giallo-verdi

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Dopo un estenuante teatrino che ha toccato spesso vette di indecenza politica, a causa sia dei giovani ed improvvisati “populisti” che del più anziano inquilino del Quirinale, si è finalmente giunti a ciò a cui si sarebbe dovuto arrivare subito dopo le elezioni del 4 marzo scorso. Ovvero consentire di governare l’Italia a coloro i…

L’incarico al buio non si poteva dare al centrodestra (con 50 voti mancanti), ma lo si può dare a Cottarelli (a cui ne mancano molti di più)?

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Politica, Quotidiano, Rubriche, del

Ricapitoliamo. Per lunghe settimane, il Quirinale ha esplorato, accompagnato, tentato diverse soluzioni, tranne una: dare un incarico formale a un esponente di centrodestra, cioè alla coalizione che (in basa alla geografia elettorale del 4 marzo) era la meno lontana dalla maggioranza assoluta, ma in compenso, per usare un linguaggio da Prima Repubblica, era sicura titolare…

Male Di Maio-Salvini? Peggio Mattarella! Il modello sembra più Scalfaro che Einaudi

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Rubriche, del

Qui su Atlantico, nel nostro piccolo, lo scriviamo da settimane: qualche giorno fa, e anche oggi, in modo argomentato e ineccepibile Federico Punzi. Purtroppo, ogni giorno che passa offre nuove ragioni per ritenere che il comportamento meno chiaro, in tutta la crisi, sia proprio quello del Quirinale, che non si è fatto scrupolo di citare…

Il “populismo liberale” di Pim Fortuyn: un leader da non dimenticare

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Politica, Quotidiano, Rubriche, del

Ieri, 6 maggio, è caduto il sedicesimo anniversario della morte di Pim Fortuyn. Chi era? E’ stato l’eccezionale leader olandese assassinato nel 2002 da un estremista di sinistra, e fondatore di una lista – poi sfaldatasi dopo la sua morte – capace di movimentare la politica dei Paesi Bassi, e da lui condotta a impensabili…

Silvio, l’improbabile numero due

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Da più di un mese, ovvero dalle politiche del 4 marzo scorso, è diventata evidente a tutti la nuova condizione di Silvio Berlusconi e di Forza Italia. L’ex-Cav non è più il leader incontrastato e temuto del centrodestra italiano e il suo partito non è più il primo, a livello elettorale, della coalizione. Salvini e…

Bene il dubbio e la cautela, ma che pena il centrodestra portavoce di Putin in Italia

di Roberto Penna, in Esteri, Politica, Quotidiano, del

Non molto tempo fa, qui su Atlantico, mi sono permesso di evocare il rischio per l’Italia di una politica estera ondivaga ed insicura, spinto da alcune posizioni della Lega e dalle frequenti non-posizioni del M5S. Daniele Capezzone, sempre qui, sottolinea giustamente come in particolare il centrodestra, soprattutto dinanzi a crisi internazionali come quella siriana che…

Siria. Consiglio (non richiesto) al centrodestra: non si può dire Forza Trump e Forza Putin nella stessa frase

di Daniele Capezzone, in Esteri, Giuditta's Files, Quotidiano, Rubriche, del

Il centrodestra italiano non ha bisogno dei consigli di Atlantico: sa benissimo sbagliare da solo. Tuttavia, sarebbe bene ricordare che ci sono momenti nella storia in cui occorre compiere delle scelte, senza furbizie, senza doppiezze, senza tatticismi. Senza la propensione italiana a recitare troppe parti in commedia. Da un annetto, nel centrodestra, in molti (anche…

Giggino ‘o democristiano: la linea contraddittoria di Di Maio

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Com’è risaputo, gli elettori del M5S giungono sia da destra che da sinistra e si sono uniti sotto il simbolo pentastellato per esprimere il loro forte malcontento verso la politica tradizionale nel suo complesso, la cosiddetta casta di privilegiati che si cura di tutto tranne che del bene generale dell’Italia, ma con lo sguardo avvelenato…

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy