• 20/09 @ 06:20, La mossa di Renzi: nessuna rottura a breve, ma cercherà di ricostruire il suo consenso a scapito del Conte 2, di Fr… https://t.co/ZG7MbpuweK
  • 20/09 @ 06:17, #Muro30 – 4. Il Blocco di Berlino Ovest e il ponte aereo alleato, di Enzo Reale https://t.co/HhMtOTRLM5
  • 19/09 @ 15:50, Come si può chiedere e pretendere sicurezza, se i nostri uomini e donne in divisa sono presunti colpevoli? di Rober… https://t.co/BbriDzHb23
  • 19/09 @ 15:48, Dopo il voto in Israele è ancora “To Bibi or not to Bibi”. Il fattore Netanyahu tra punti di forza e di debolezza,… https://t.co/2OTPLjWl3V
  • 19/09 @ 06:15, Catalogna, una situazione complessa dopo la “festa, di Marco Faraci https://t.co/vmikf0yIjf
  • 19/09 @ 06:14, Thatcher Sovranista/2 – Il No allo SME e le prime trame tra Londra e Bruxelles per rimuovere l’unico ostacolo rimas… https://t.co/RAtkNJ75mU

Tag brexit


A letto con il nemico. Come la liaison Ue-Remainers ha reso Brexit ancor più complessa e il no deal più probabile

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

David Cameron nel suo libro in uscita attacca Johnson e Gove; Bruxelles sperava in Corbyn e Blair per ribaltare l’esito del referendum, ma si è accorta di essere finita in un pasticcio: anche così si diffonde l’immagine di un’”Orribile forza” che non fa bene nemmeno agli europeisti Un fine settimana di “rivelazioni” dal Regno Unito…

Brexit si è trasformata in una caccia alla volpe, ma Johnson può ancora trovare il modo di non finire intrappolato

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

La trappola è stata posizionata, ora si tratta da capire se la preda ci finirà dentro o saprà cavarsela. È programmata per la prossima settimana la sospensione del Parlamento britannico voluta da Boris Johnson – la preda in questa particolare caccia alla volpe – e che tante polemiche aveva sollevato nell’ultima parte di agosto: un…

Finita la campagna, ora inizia il duro lavoro per Boris Johnson: sfide e incognite del nuovo primo ministro

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

Completare Brexit, ma anche la possibilità di elezioni anticipate per avere una “sua” maggioranza. Dopo la fiducia degli iscritti, caccia aperta a quella di colleghi ed elettori Come previsto è Boris Johnson il nuovo leader dei Conservatori e quindi l’uomo indicato dagli iscritti al partito per sostituire Theresa May come primo ministro del Regno Unito….

Una nuova Special Relationship all’orizzonte tra le due sponde dell’Atlantico: quella tra Johnson e Trump

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

Durante l’ultimo dibattito televisivo con il rivale Jeremy Hunt ospitato da ITV, Boris Johnson ha voluto rimarcare che sarebbe presuntuoso da parte sua pensare di essere già il nuovo primo ministro britannico. La conta dei voti tra gli iscritti al Partito conservatore è in corso, alcuni tra gli esponenti più importanti hanno pubblicato sui propri…

I candidati Tories si presentano: non solo Brexit nell’agenda del prossimo inquilino di Downing Street

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Esteri, Quotidiano, del

La prima voce in agenda è inevitabilmente Brexit, ma c’è dell’altro nei programmi che i candidati conservatori stanno presentando alla stampa e agli elettori in queste ore che hanno scandito il via ufficiale alla corsa per prendere il posto di Theresa May come leader del partito e primo ministro britannico. La lista degli aspiranti è…

Trump prende di mira l’Ue burocratica e franco-tedesca (che sa benissimo farsi del male da sé), non gli europei

Avatar di Roberto Penna, in Esteri, Quotidiano, del

La visita di stato di Donald Trump nel Regno Unito ha portato i media più autorevoli, di entrambe le sponde dell’Atlantico, a concentrarsi in particolare su due argomenti. Le presunte gaffe del presidente americano con la Regina Elisabetta, e poi, l’endorsement trumpiano rivolto a Boris Johnson e Nigel Farage, ovvero ai principali leader di quella…

L’altra faccia del lunedì – Perché la “rivoluzione conservatrice” di Maggie ci interpella ancora

Avatar di Marco Gervasoni, in L'altra faccia del lunedì, Rubriche, del

Quarant’anni e non sentirli. Sono quelli passati dal maggio in cui Margaret Thatcher vinse le sue prime elezioni, con un vantaggio non amplissimo, ma con una campagna dai contenuti rivoluzionari e con un dato interessante, che pochi allora colsero: lo spostamento di una discreta quota di voti operai sui Conservatori – anche se esisteva già…

La nuova ascesa di Nigel Farage e i segreti del successo della sua ultima creatura: il “Brexit Party”

Avatar di Graziano Davoli, in Esteri, Quotidiano, del

I sondaggi, che ricordiamolo non sono oracoli, sembrano dare un quadro preciso sulle intenzioni di voto dei cittadini britannici in occasione delle prossime elezioni europee. Il Brexit Party, la nuova creatura di Nigel Farage, risulta essere il primo partito con un range di consensi tra il 27 ed il 28 per cento anche se, secondo…

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy