• 15/02 @ 17:49, Dopo 14 secoli, lo scontro di civiltà tra Islam e Occidente è destinato a continuare: la premonizione di Hilaire Be… https://t.co/VVxTDDl638
  • 15/02 @ 08:48, Il Green New Deal di AOC: tra assistenzialismo ed ecologismo radicale, altro che sogno, sarebbe l’incubo americano,… https://t.co/HziTfElXc9
  • 14/02 @ 17:37, Il mercato dell’auto rallenta, ma il motore dell’innovazione non smette di girare, ammesso che non sia la politica… https://t.co/9AXCqgbGhY
  • 14/02 @ 17:36, Catalogna: un processo ai politici, non un processo politico, di Enzo Reale https://t.co/L5ZR1zT5jj
  • 14/02 @ 07:20, L’Europa declina, è sempre più divisa sulle scelte strategiche, ma va tutto bene: Verhofstadt c’è, di @jimmomo https://t.co/kHM4dbLXXy
  • 13/02 @ 18:01, AOC, ovvero il populismo di sinistra che non fa paura, di @DanieleMeloni80 https://t.co/TUErfk3l8t

Tag Berlusconi


“Deep State” e Russia: lo “Stato permanente” conta anche in Italia e Berlusconi lo ha capito

di Mattia Magrassi, in Esteri, Politica, Quotidiano, del

La presidenza Trump ha portato alla ribalta due temi, che sono troppo spesso affrontati in maniera così dozzinale e sensazionalistica da renderli, in realtà, irrilevanti, ma che, se analizzati seriamente, non possono essere ignorati, a Washington così come da noi. Il primo tema è quello del cosiddetto “Deep State”, o “Stato profondo”. Secondo gli appassionati…

Silvio, l’improbabile numero due

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Da più di un mese, ovvero dalle politiche del 4 marzo scorso, è diventata evidente a tutti la nuova condizione di Silvio Berlusconi e di Forza Italia. L’ex-Cav non è più il leader incontrastato e temuto del centrodestra italiano e il suo partito non è più il primo, a livello elettorale, della coalizione. Salvini e…

Bene il dubbio e la cautela, ma che pena il centrodestra portavoce di Putin in Italia

di Roberto Penna, in Esteri, Politica, Quotidiano, del

Non molto tempo fa, qui su Atlantico, mi sono permesso di evocare il rischio per l’Italia di una politica estera ondivaga ed insicura, spinto da alcune posizioni della Lega e dalle frequenti non-posizioni del M5S. Daniele Capezzone, sempre qui, sottolinea giustamente come in particolare il centrodestra, soprattutto dinanzi a crisi internazionali come quella siriana che…

Rebus centrodestra: coerenti e felici o confusi e felici?

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Lo scoglio dell’elezione delle Presidenze dei due rami del Parlamento è stato superato e adesso si presenta l’ostacolo più arduo, ovvero la formazione del Governo. L’elezione del pentastellato Roberto Fico alla Presidenza della Camera e quella della forzista Casellati alla guida del Senato, hanno reso Lega e Forza Italia coerenti e felici, almeno in base…

La sindrome da “sweet lemon” di Forza Italia, l’egemonia di Salvini: aggredire le cause e cercare una strategia

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Rubriche, del

Per Forza Italia una sindrome da “sweet lemon”. Ma anziché negare la realtà dell’egemonia di Salvini, occorrerebbe aggredire le cause e cercare una strategia. Fu saggio quattro anni fa dire no alle primarie, a una sfida liberale, a un’autentica gara di idee? E’ stato saggio scegliere il Nazareno a Roma e gli inchini alla Merkel…

Movimento 5 Stelle: l’onda lunga del giustizialismo, e dell’antiberlusconismo, che ha travolto anche la sinistra

Federico Punzi di Federico Punzi, in Politica, Quotidiano, del

Lo shock di essere scesi sotto la soglia non solo psicologica del 20 per cento è stato forte. Una batosta che farebbe barcollare chiunque e che solleva molte domande. Il Pd ha un futuro, oppure subirà la stessa sorte del Popolo della Libertà? Un partito nato nella stagione del bipolarismo, con una vocazione maggioritaria quasi…

L’Italia ha bisogno di idee liberali, realismo e attributi

di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Berlusconi e Renzi pensavano di accaparrarsi la gestione del caos inevitabilmente prodotto dal Rosatellum, ma le cose sono andate in maniera diversa, perlomeno in buona parte. La perversa legge elettorale ha in effetti svolto il proprio lavoro, generando caos politico e negando a tutti gli schieramenti in campo una maggioranza valida per governare, però gli…

Verso un nuovo bipolarismo?

di Federico Cartelli, in Politics App, Rubriche, del

Le urne consegnano un panorama politico profondamente cambiato. Se il grande sconfitto di queste elezioni è, sicuramente, Matteo Renzi – e la sua concezione proprietaria del Partito Democratico – Silvio Berlusconi e Forza Italia non possono vantare una sorte migliore. Non è un caso che le due formazioni politiche più penalizzate in termini di consenso…

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy