• 23/05 @ 12:47, Se la Mogherini ignora le sanzioni di Trump: il conto sull’Iran lo pagheranno le imprese italiane ed europee https://t.co/nq2qM9YuSR
  • 23/05 @ 12:43, Fuori dalle tifoserie politiche, lontano dagli hooligans: il diritto a non essere militarizzati, a non avere pregiu… https://t.co/DG7ZzlCpPC
  • 22/05 @ 12:38, “Pessimismo, ma idee forti per Italia ed Europa. Spesa e tasse cartina tornasole”. Cosa scrisse Paolo Savona per At… https://t.co/avclEi0N6F
  • 22/05 @ 12:38, Pompeo detta le condizioni all’Iran. E al Congresso già si lavora per mettere l’Europa davanti a un bivio, di… https://t.co/KwgujbmMvW
  • 21/05 @ 19:14, La “Seconda lettera agli amici tedeschi”, di Paolo Savona, di @Capezzone https://t.co/KdDWru2my5
  • 21/05 @ 19:12, Arabia Saudita: la sfida di MBS contro il Deep State religioso, gli Ulema, di Francesco Cirillo https://t.co/MvAZWMHW4i

Tag arte


Day by Day: dalle vignette di Andrea Pazienza all’imperatore del Messico…

di Gianfranco Ferroni, in Day by Day, Rubriche, del

Nell’anno che segna il trentennale della sua tragica scomparsa, avvenuta a Montepulciano il 16 giugno del 1988 a 32 anni, Arf! Festival e Napoli Comicon presentano “Andrea Pazienza, trent’anni senza”, una intensa esposizione con più di 120 opere originali per celebrare il più eclettico e geniale autore italiano di tutti i tempi e che, finalmente,…

Quando anche il pianoforte diventa sovietico. La difficile vita dei pianisti sotto il comunismo (e il nazismo)

di Giuseppe Pennisi, in Libri, Recensioni, del

La presentazione al San Carlo di Napoli dell’allestimento, nato ad Amsterdam, di Una Lady Macbeth del distretto di Mzensk, di Dmitri Šostakovič, ha riproposto ancora una volta il tema del lavoro e dei musicisti nella Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. L’opera – ricordiamolo – venne messa all’indice da Stalin in persona nel 1936, nonostante l’ancor…

“Serve tempo” per il nuovo Governo… E a Roma arrivano i “watchmakers”

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Quotidiano, del

“Serve tempo”, dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E a Roma arrivano i watchmakers. Le opere di Hajime Asaoka, Christophe Claret, Ludovic Ballouard, De Bethune, Philippe Dufour, Laurent Ferrier, Romain Gauthier, Kari Voutilainen, Vianney Halter, Christian Klings, Jean Daniel Nicolas e Roger W. Smith sono piccole, ma grandi, meraviglie dell’arte dell’orologeria. “Watchmakers. The Masters…

Alcantara: esempio di eccellenza, qualità, innovazione italiane

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Economia, Quotidiano, del

Gli applausi di Jules Verne: mancano solo questi alla mostra intitolata “Nove viaggi nel tempo. Alcantara e l’arte nell’Appartamento del Principe” allestita a Milano a Palazzo Reale e visibile fino al 13 maggio. Lui, il padre della moderna fantascienza, il cultore dei racconti per i più giovani, l’amante dei romanzi scientifici, avrebbe trascorso giornate intere…

Roma a Pasqua celebra il suo miglior primo cittadino: il sindaco Nathan

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Quotidiano, del

Roma a Pasqua celebra il sindaco Nathan, ricordato come il miglior primo cittadino dell’Urbe. Con una mostra allestita nelle sale della comunale Galleria d’Arte Moderna di via Crispi, ecco un tributo alla capitale d’Italia attraverso gli artisti che l’hanno vissuta e gli stili con cui si sono espressi: Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto…

La fotografia rivoluzionaria di Rodchenko a Mantova: l’ideologia costruttivista e la Mosca sovietica

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Quotidiano, del

Rodchenko da Mosca a Mantova. E’ un’occasione speciale quella che Palazzo Te offre ai suoi visitatori fino al 27 maggio: la mostra “Alexander Rodchenko. Revolution in photography” presenta una raccolta di circa centocinquanta fotografie dai negativi originali degli anni Venti e Trenta dell’esponente di primo piano dell’avanguardia sovietica del XX secolo. Organizzata dal Ministero della…

L’urlo di un’umanità che reclama dignità e rispetto: l’opera di Valeria Catania per le vittime dell’Olocausto

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Quotidiano, del

Nelle piazze delle città italiane sono tanti i monumenti lugubri e tristi. Chissà perché, per molto tempo, onorare e ricordare il passato è sempre stato legato a una concezione dominante dello spazio, dove l’elemento disturbante aveva il compito di superare quello della memoria: è sufficiente pensare alle polemiche create dalle opere di Aldo Rossi, per…

Le opere di Turner al Chiostro del Bramante: c’è sempre da imparare qualcosa dagli inglesi

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Quotidiano, del

Solo fino a pochi decenni fa, quando i soprintendenti potevano vantarsi di tutelare le “belle arti”, ogni manifestazione culturale organizzata dai privati veniva guardata con sospetto, indicata al pubblico ludibrio come un’operazione commerciale, magari corroborando la definizione con l’avverbio biecamente, all’epoca ritenuto politicamente correttissimo. I tempi sono fortunatamente cambiati, e i fatti lo dimostrano: così…

L’Italia capovolta: emblema di una nazione vittima della memoria e tenuta al guinzaglio dalla politica

di Gianfranco Ferroni, in Cultura, Politica, Quotidiano, del

La sinistra, una volta, dettava la linea. Anche agli artisti. A Firenze, a Palazzo Strozzi, presentando la mostra “Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano”, il curatore Luca Massimo Barbero ha citato Roderigo di Castiglia, lo pseudonimo che veniva utilizzato dal leader del Partito comunista italiano Palmiro Togliatti: quest’ultimo non sopportava l’arte astratta,…

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy