• 25/09 @ 17:16, Dai condottieri del XV e XVI secolo una lezione per ogni tempo: andare oltre i limiti. Una ricerca di Gabriele Camp… https://t.co/01UPIONKC4
  • 25/09 @ 14:34, La Macedonia (presto Nord Macedonia) verso l’integrazione euro-atlantica, di Giuseppe Morabito https://t.co/CTGNLUSOjt
  • 25/09 @ 14:31, Barcellona e la sindaca in calzamaglia: l’arroganza ideologico-morale di Ada Colau, di Massimo Bassetti https://t.co/vslAC6QWTs
  • 24/09 @ 14:20, Tra cene, psichiatri e interviste al vetriolo il Partito democratico sta scomparendo, di @martinoloiacono https://t.co/9X3NUoLSB7
  • 24/09 @ 12:09, La Chiesa di Bergoglio si arrende alla dittatura cinese, di Federico Punzi https://t.co/dBD91TZGcd
  • 21/09 @ 07:34, Un nuovo partito filo-europeo nel Regno Unito? You’ve got to be kidding, di @DanieleMeloni80 https://t.co/7gK1tHct8k

Partito Democratico: la tregua finta prima delle scissioni

di Federico Cartelli, in Politica, Politics App, Quotidiano, Rubriche, del

Già in febbraio, su queste colonne, avevo preconizzato per il Partito Democratico il medesimo destino che colse il fu Popolo della Libertà. A più di due mesi dalle elezioni politiche, per i Democratici è venuto il momento del redde rationem, che si risolverà in una o più scissioni che metteranno definitivamente in discussione l’esistenza stessa di un soggetto politico ormai privo delle originarie vocazioni maggioritarie e degli afflati veltroniani. Settimane di consultazioni hanno consentito alle varie correnti di affilare i coltelli e di far venire a galla tutte le divisioni.

Renzi, che ha infarcito i listini parlamentari di fedelissimi, di fatto continua a comandare il partito dall’esterno, pur avendo ufficialmente rassegnato le dimissioni. E non ha arretrato di un millimetro dalla posizione presa un minuto dopo la chiusura delle urne: nessun sostegno parlamentare al Movimento 5 Stelle o al centrodestra. Una sorta di isolamento dorato, una trincea per difendere il 19 per cento del 4 marzo e sperare di sfruttare lo stallo per rilanciare il “brand”. Tuttavia, il partito ribolle. L’ala più “governista” era ansiosa di aprire il forno a sinistra in società con i grillini, ma la trattativa è stata stoppata da Renzi coll’abituale teatralità, ovvero in prima serata su Raiuno nel rassicurante salotto buono di Fabio Fazio.

Un’altra corrente, invece, guarda con interesse ad un possibile esecutivo istituzionale. In sostanza, si consuma il solito psicodramma dell’intellighenzia sfociato nell’ennesima Direzione-farsa e condito dal palesarsi di un sito web, senzadime.it, dove è comparsa una sorta di lista di proscrizione con i nomi dei parlamentari democratici favorevoli e contrari all’accordo con il Movimento 5 Stelle. È iniziata la notte dei lunghi coltelli virtuali. Un aspetto è certo: il Partito Democratico deve scegliere, una volta per tutte, se staccarsi dal proprio leader maximo e lasciare a lui la ditta, oppure provare a disintossicarsi in modo definitivo dal renzismo. L’ambizione, non del tutto lucida, dell’ex sindaco di Firenze è di guidare un polo moderato tra gli estremi di un centrodestra a trazione leghista e del Movimento 5 Stelle, magari attraendo i forzisti delusi dall’avanzata di Salvini. Una finta tregua in attesa della battaglia finale.

Federico Cartelli


Una replica a “Partito Democratico: la tregua finta prima delle scissioni”

  1. Giovanni ha detto:

    Comunque vada penso che si tornerà a votare, non mi piace ma sembra essere l’unica soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy