• 16/10 @ 06:39, La professione antifascista della sinistra: una copertura per non fare i conti con la propria storia, di Franco Car… https://t.co/aMZlFtKxFD
  • 16/10 @ 06:38, La neolingua per giustificare il Green Pass: un ricatto diventa libertà, i ricattati diventano ricattatori, di Stef… https://t.co/ZFYoRc52iU
  • 10/10 @ 09:15, “Per una nuova destra”: la ricetta di Capezzone per riempire un vuoto nell’offerta politica, di Matteo Milanesi https://t.co/Cn7GbJGvF8
  • 10/10 @ 09:14, Pechino aumenta la pressione su Taiwan: il vero banco di prova della presidenza Biden, di Michele Marsonet https://t.co/5WOnTKSODq
  • 26/09 @ 18:07, Dopo il Covid un’altra minaccia dalla Cina: la bolla immobiliare spaventa i mercati e il Partito comunista, di Mich… https://t.co/uZuWueZRxM
  • 26/09 @ 18:06, Draghi si presenta agli industriali con la sua vecchia ricetta: svalutazione interna, di Musso https://t.co/s2vPwWJqsy

Se la politica diventa scadente intrattenimento

di Federico Cartelli, in Politica, Politics App, Quotidiano, Rubriche, del

Da molti anni sono inserite stabilmente nei palinsesti televisivi trasmissioni che mescolano informazione e intrattenimento. È il tanto decantato infotainment: la qualità scade nel trash, ma gli ascolti volano. Nei salotti di re e regine dell’infotainment si alterna una curiosa fauna avvezza alla rissa verbale e all’isteria. Tra capricci, lacrime, insulti e scoop fasulli, si consumano piccole e grandi vicende umane, talune tragiche altre leggere. Nel frattempo è divenuto sempre più labile il confine tra l’infotainment e la politica odierna, che ormai mostra molti punti di contatto con questi
discutibili programmi televisivi.

Nell’era della politica post-ideologica, il consenso ha smesso di formarsi intorno ai grandi princìpi: sempre più spesso sono i singoli eventi a polarizzare l’antagonismo partitico. I drammatici fatti di Macerata ne sono l’ultimo, desolante, esempio. Non si fa in tempo a produrre una riflessione silenziosa, profonda, sulla vita spezzata – l’ennesima – di una giovane che a soli diciotto anni già si trova a combattere il demone della droga, che il suo corpo già straziato dagli orchi è vilipeso una seconda volta da chi lo usa come arma elettorale da brandire contro l’avversario. Questa politica mediatica, sensazionalistica, urlata, che è sempre alla ricerca dello share e dell’audience, va isolata e ignorata.

Lontano dal chiasso degli estremisti e degli estremismi, la razionalità ci riporta ad alcune considerazioni oggettive. Negli ultimi anni, si è voluta tacitare con disprezzo e con arroganza qualsiasi osservazione critica sulla dilettantistica gestione dei flussi migratori da parte del nostro governo. L’Italia è un Paese che, in piena crisi economica – la più grave dal secondo dopoguerra – ha dovuto affrontare anche una tragica crisi migratoria. Questi due fattori hanno prodotto, inevitabilmente, una profonda instabilità sociale. È completamente inutile, ora, berciarsi addosso sul ritorno del pericolo fascista (sic!) o sulla volontà di giustificare il gesto di un folle giustiziere; altrettanto inutile, e poco rispettoso nei confronti di quella ragazza, volere a tutti i costi mettere un’etichetta o un colore politico su quanto accaduto a Macerata. Compito della politica, di una vera politica, non è di fare zapping e assecondare gli umori e le pulsioni del pubblico, ma di agire e risolvere con concretezza. Anche a costo di sacrificare qualche applauso.

Federico Cartelli


Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy