• 20/07 @ 19:09, La solita doppia morale e presunta superiorità antropologica della sinistra, di Max Del Papa https://t.co/kTptom1FaZ
  • 20/07 @ 19:08, La lenta agonia del Venezuela, mentre il mondo resta a guardare, di Francesco Generoso https://t.co/vSEdE5dbBo
  • 20/07 @ 07:03, Le mosse di The Donald: proviamo a fare il punto oltre le curve di ultras, di #RobertoPenna https://t.co/uj9dqhqFhF
  • 20/07 @ 06:19, Day by Day: turismo per risollevare l’economia dei territori colpiti dal terremoto, di #GianfrancoFerroni https://t.co/8BlvxvbCXU
  • 19/07 @ 11:52, Diritto d’asilo e protezione internazionale: numeri, storie e illusioni dei “sedicenti rifugiati”, di #AnnaBono https://t.co/tEsk0A1CIz
  • 19/07 @ 11:22, Quel confronto tra Di Maio e Boccia: lo stato qua, lo stato là, lo stato deve, lo stato può... E la libertà? La lib… https://t.co/JUUtP4VZs7

Day by Day: gli elicotteri Boeing e la miglior banca italiana

di Gianfranco Ferroni, in Day by Day, Rubriche, del

Boeing ha ottenuto un contratto da 139,8 milioni di dollari per la fornitura di quattro elicotteri Chinook MH-47G Block II al Comando per le Operazioni Speciali aeronautiche dell’Esercito americano. “L’Esercito usa l’MH-47G per alcune delle sue missioni più difficili e impegnative”, ha dichiarato Pat Donnelly, direttore dei programmi H-47 Domestic and Foreign Military Sale. “Grazie all’aggiunta delle caratteristiche chiave Block II riusciamo ad estendere in maniera significativa il service life, a migliorare le prestazioni e a mantenere il Chinook come l’elicottero per operazioni speciali superiore al mondo”. Questi elicotteri segnano l’inizio di un ciclo produttivo Block II il cui ampliamento è previsto alla fine del 2020. L’Esercito ha 69 elicotteri MH-47G Chinook. Contemporaneamente alle migliorie sull’MH-47G, Boeing sta sviluppando una configurazione Block II per il Chinook CH-47F dell’Esercito americano.

***

Il gruppo Intesa Sanpaolo è stato premiato da Euromoney come “Italy’s Best Bank”, durante una cerimonia che si è tenuta a Londra. Il giudizio si riferisce al periodo aprile 2017 – marzo 2018 e tiene conto di un ampio paniere di criteri, tra i quali il risultato operativo, l’utile per azione, il totale depositi, il totale finanziamenti, le quote di mercato nei crediti e nei depositi e il cost/income ratio. La classifica è stilata annualmente da Euromoney, pubblicazione leader per i mercati finanziari e bancari internazionali, che assegna i riconoscimenti su analisi quantitative e qualitative dei servizi e delle performance e su sulla base di sondaggi tra operatori istituzionali di settore.

***

Nell’ambito della manifestazione culturale “Un Castello all’Orizzonte”, sabato 21 luglio nel castello di Postignano, in provincia di Perugia, verrà inaugurata la mostra di Virginia Ryan dal titolo “I Will Shield You”. Le installazioni, inserite in un ambiente sonoro a cura di Tim Ryan e Carole Magnini, possono essere visitate presso l’appartamento Sabbioneta fino al primo settembre. Ryan presenta nuove opere sviluppate nel 2017/2018 nell’ambito del “work-in-progress”: sono per la maggior parte sculture ‘ibride’ a forma di scudi. Simbolicamente gli scudi hanno una funzione protettiva e difensiva. In questo caso, però, Ryan va oltre la questione privata investendo paure planetarie e concetti come identità, differenza, globalizzazione rivolgendosi all’immaginario personale e collettivo: argomenti di stretta attualità, che lo sguardo dell’artista sublima e rende universali grazie alla sua cultura cosmopolita e alla frequentazione con le culture non occidentali.

***

Il Concours Mondial de Bruxelles parte in tour. Dopo il debutto record in Cina per l’edizione numero 25, da poco conclusa, la storica competizione enologica internazionale porta i vini neo vincitori in giro per il mondo con un tour che, dopo la capitale, toccherà diversi paesi dell’Europa, ma anche l’Asia, gli Usa e la California. Tappe, in programma per tutto il 2018 e fino ai primi mesi del 2019, che prevedono il coinvolgimento delle aziende che hanno trionfato a Pechino e un ricco calendario di iniziative, tra cerimonie di premiazione, presentazioni a stampa e influencer, incontri b2b e partecipazioni a eventi di settore. Per l’esordio del tour, l’organizzazione del concorso ha scelto una delle terrazze più suggestive di Roma, quella di Civita a Palazzo Generali, per premiare i 35 produttori campioni, che hanno permesso all’Italia di entrare nella top 3 dei Paesi per numero di medaglie conquistate quest’anno (434 tra grande oro, oro e argento). “Il conseguimento di una delle prestigiose medaglie previste dalla competizione”, ha detto Thomas Costenoble, direttore del Concours Mondial de Bruxelles, “è solo un punto di partenza per le aziende vincitrici. Il nostro intento è infatti quello di consolidare la visibilità dei vini premiati a livello mondiale e in modo continuato, ma anche favorire contatti strategici a vantaggio della loro distribuzione e commercializzazione. Ciò significa creare occasioni e punti d’incontro decisivi per permettere ai produttori aderenti alla nostra rete di consolidare la propria presenza sul mercato oppure di cogliere nuove opportunità. E la missione promozionale dei prossimi mesi incarna perfettamente questo intento. Non a caso a Roma, accanto alla cerimonia di premiazione, abbiamo organizzato un’esclusiva degustazione per addetti ai lavori con le etichette italiane e una selezione di quelle straniere che sono state riconosciute eccellenti dalla giuria internazionale della gara”. Nel dettaglio, sono state 14 le gran medaglie d’oro assegnate al Belpaese, 123 quelle d’oro e 297 quelle d’argento. A fare la parte del leone, in particolare, la Puglia, seguita da Sicilia, Veneto e Toscana che oltre ad aggiudicarsi i migliori punteggi in assoluto, hanno conquistato anche tre dei 14 premi speciali previsti dalla competizione: Rivelazione Internazionale 2018 vino rosso (La Togata Riserva 2012 – La Togata, Toscana); Rivelazione Internazionale 2018 vino biologico (Maria Costanza Riserva 2013 – G. Milazzo, Sicilia); Rivelazione 2018 Italia (Papale Linea Oro 2015 – Varvaglione, Puglia).

***

Quarta edizione di “Estate a casa Berto”, l’evento che dal 2015 porta in Calabria, a Capo Vaticano, nel territorio scoperto da Giuseppe Berto alla fine degli anni cinquanta, scrittori, cineasti, attori, studiosi, tutti spinti dalla passione che li accomuna ai grandi libri di un autore che ha lasciato un segno indelebile nella letteratura italiana del secondo Novecento. L’evento, quest’anno, propone come piatto forte il rilancio del cinema all’aperto, che già contraddistingueva le estati italiane degli anni sessanta e settanta, seguito dal classico cineforum con dibattiti aperti al pubblico ai quali partecipano protagonisti e registi dei film appena proiettati. Una serata sarà invece dedicata al dibattito politico/sociale, anche questa una tradizione inaugurata quattro anni fa con Paolo Mieli il quale torna anche stavolta in Calabria, a Capo Vaticano, per dialogare con il pubblico. Gli ospiti attesi quest’anno, in virtù della direzione artistica di Fabio Mollo, giovane regista, provengono dal mondo del cinema: Jonas Carpignano, Andrea De Sica, Alessandro Rak, Isabella Ragonese e Filippo Luna. Infine, per ricordare i quarant’anni dalla scomparsa dello scrittore, la figlia di Berto, Antonia, che quattro anni fa con Jo Lattari e Marco Mottolese ha voluto fortemente questo festival per riaprire le porte del luogo tanto amato da suo padre, è stato organizzato un convegno dal titolo: Giuseppe Berto scrittore, intellettuale. “Estate a casa Berto” riceve il sostegno della Regione Calabria, del comune di Ricadi ed ha come media partner Acqua degli Dei.

Gianfranco Ferroni


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy