• 19/01 @ 16:05, Ancora sangue in Kenya, ma la Jihad in Africa è ancora sottovalutata, di Anna Bono https://t.co/ODpLU5TMvH
  • 18/01 @ 19:26, Cento anni dopo, la lezione dell’Appello ai liberi e forti di don Luigi Sturzo, di Giuseppe Portonera https://t.co/l2qhPsr7vR
  • 18/01 @ 07:14, Battisti ma non solo: molti i terroristi ancora in fuga dalle proprie responsabilità, di Roberto Penna https://t.co/jZXJBlwM8D
  • 18/01 @ 07:12, Day by Day: Napoli capitale eterna della pizza, a luglio le Olimpiadi, di @Ferronix https://t.co/f66IWcueue
  • 16/01 @ 17:55, Stallo Brexit: come ci siamo arrivati e perché non possiamo permetterci di deridere Westminster, di @jimmomo https://t.co/oXAJnkPpBI
  • 16/01 @ 09:01, L’ecotassa allontana Fca dall’Italia. Investimenti e lavoro a rischio per le smanie ecologiste, di @ric_boccolucci https://t.co/mueSqlfrZR

Ci vuole solo il coraggio dei giornaloni italiani per celebrare il Quirinale dopo questi 88 giorni

Senza distinzioni di schieramenti e appartenenze culturali, la stampa di tutto il mondo, negli ultimi sette giorni, non ha potuto fare a meno di sollevare critiche e perplessità nei confronti del Quirinale.

Nessuna “assoluzione” nei confronti degli attori della politica, sia chiaro: ma al tempo stesso, una onesta e direi giornalisticamente doverosa sottolineatura delle perplessità suscitate dalle scelte di Mattarella e dei suoi consiglieri.

Nel metodo: è stato saggio dare un segnale di ostilità ai partiti “populisti”, che comunque erano stati chiaramente scelti dagli elettori? Nel merito: non sarebbe stato meglio accompagnarli subito a una soluzione, anziché porre veti? Nelle conclusioni: non è stato un grande spettacolo la soluzione all’italiana dello spostamento di casella del ministro contestato, salvo scegliere un economista di approccio analogo per il Mef. Nelle conseguenze: questa giostra ha fatto ballare per giorni l’Italia sui mercati, e soprattutto ha aperto uno scenario paradossale. Parliamoci chiaro: nella campagna elettorale del 4 marzo, nessuno aveva messo all’ordine del giorno l’uscita dall’euro. Con la radicalizzazione indotta dal Colle, invece, siamo andati vicini a un nuovo rodeo elettorale esattamente centrato sull’Italexit. Bel “capolavoro”.

Queste cose avete potuto leggerle sui media internazionali e su poche, pochissime testate italiane: il piccolo vascello di Atlantico, La Verità, Italia Oggi, e – con approccio culturale profondamente diverso e toni più polemici – sul Fatto. Con poche altre eccezioni, i giornaloni si sono invece dedicati a una celebrazione senza soste della “saggezza del Colle”, con effetti francamente comici.

Perfino a cose fatte, ieri mattina, il Corriere della Sera ha avuto il coraggio di parlare di “soddisfazione senza trionfalismi” da parte del Quirinale. Avete capito? Senza trionfalismi. Mentre La Stampa ha assegnato al Quirinale un bell’8 in pagella, elogiandone la “pazienza e il sangue freddo”.

Ora, che ci sia rispetto nei confronti della massima istituzione repubblicana, è comprensibile, anzi sacrosanto. Ma che si pratichi questo livello di piaggeria, di sospensione del giudizio critico, di deliberato trucco (nel senso del make-up) della realtà, è un’ulteriore spiegazione del motivo per cui sempre meno italiani leggano questi giornaloni.

Daniele Capezzone


5 risposte a “Ci vuole solo il coraggio dei giornaloni italiani per celebrare il Quirinale dopo questi 88 giorni”

  1. Massimo Bini ha detto:

    la prostituzione mentale italica assume livelli inimmaginabili…!

  2. giovanni ha detto:

    Bravo Daniele con questo veto su Savona è uscito allo scoperto il Napolitano bis. I giornaloni continuano a baciare la scarpa ad un presidente che ha aiutato Di Maio in modo palese.

  3. Fiorangelo Forno ha detto:

    Abbiamo visto a Piazza Pulita i GIORNALISTI che della piaggeria hanno fatto il loro fine

  4. giovanni ha detto:

    Dopo quanto visto nella parata del Due Giugno sono sempre propenso ad avere un parere favorevole a ITALEXIT. Forse una sfida , ma tornare ad una democrazia senza sottostare ai burocrati SOLONI di Bruxselles. ( mi scuso se ho sbagliato a scrivere il nome della capitale belga).

  5. Federico Libero ha detto:

    L’attuale presidente soffre di totale de-legittimazione principalmente per il fatto che è una persona eletta da una “parte” del Parlamento e quindi di “parte”.
    Finché, in democrazia, il presidente non verrà eletto direttamente da popolo sarà SEMPRE visto dal popolo come espressione di interessi, contingenti, partitocratici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy