• 17/07 @ 09:58, Sanzionata dagli Usa e bandita da Parigi e Berlino, la “Pasdaran Air” raddoppia in Italia, di Dorian Gray https://t.co/WBe8t2LUiI
  • 17/07 @ 07:37, Ursula von der Leyen ce la fa ma parte da anatra zoppa. Qualcosa è cambiato in Europa, di @jimmomo https://t.co/I6LkfgEpc6
  • 16/07 @ 17:23, Fanno la morale all’Italia, ma intanto adottano la linea dura. No, non sarà l’Ue a risolvere il problema immigrazio… https://t.co/z2gOvhyb2f
  • 16/07 @ 11:54, Il martedì di Capaneo – L’appropriazione indebita e distorta dei classici del liberalismo e i giuristi vetero-liber… https://t.co/LJYNVbiFPb
  • 16/07 @ 07:40, Ieri Berlusconi, oggi Salvini: nell’Italia della palude non basta il consenso, servono coraggio e lungimiranza per… https://t.co/wD7lgv0gLI
  • 16/07 @ 07:36, Il Vesuvio val bene una mostra. A Napoli ecco le suggestioni provocate dal vulcano, di @Ferronix https://t.co/T6i72dOh22

Bettino Craxi, un nuovo volume di scritti di politica estera: il tempo galantuomo (mai abbastanza) gli restituisce la dimensione di statista che merita

Avatar di Daniele Capezzone, in Libri, Recensioni, del

Sono abbastanza vecchio, ormai, per ricordare – nel mondo politico al quale mi affacciavo, e nei media, nelle redazioni – il senso di irrispettoso fastidio che, negli anni dell’esilio di Bettino Craxi ad Hammamet, accompagnava l’arrivo dei suoi fax, delle sue dichiarazioni, delle sue note.

Per meglio liquidarne il contenuto, per attutirne la potenza, per rimuovere ogni discussione, erano state messe a punto due tattiche di reazione. La prima, quella giustizialista-manettara-comunista, quella dei nemici: è il “latitante” che parla. E così, con l’anatema preventivo, ci si era tolti il pensiero di dover leggere cosa scriveva. La seconda, quella degli ex “amici”: è un uomo “prigioniero del rancore”. Come a voler dire: sì, potrebbe anche cogliere qualche punto, ma il tratto dominante è il livore di chi è stato sconfitto, la perdita di nitore del suo sguardo sulle cose. In questo modo, gli uni e gli altri si toglievano il pensiero e archiviavano la discussione.

Ma avevano fatto male i loro conti, forse. Il tempo è (un po’, solo un po’) galantuomo: mai quanto sarebbe necessario, mai abbastanza, a onor del vero. E probabilmente, fuori tempo massimo, senza che ciò possa restituirgli consolazione per le sofferenze subìte, gli ultimi vent’anni hanno restituito a Bettino Craxi la dimensione che gli appartiene: quella di statista, e quella di uomo dotato di una visione, di una bussola.

La si può condividere o no. Se ne possono vedere alcuni limiti. Ma l’idea – in politica interna – di aprirsi uno spazio riformista tra comunisti e democristiani; l’ossessione positiva – in economia – per la crescita; e l’ambizione – in politica estera – di una dimensione euromediterranea per l’Italia sono tre punti fermi che gli andrebbero riconosciuti.

Adesso, è appena uscito per Mondadori, a cura della Fondazione Craxi, il volume “Uno sguardo sul mondo”, che racchiude nuovi e inediti appunti e scritti di politica internazionale: sia nell’arco del suo impegno politico, sia negli anni ad Hammamet. Ne esce fuori, come scrive Nicola Carnovale nella sua bella prefazione, un Craxi “totus politicus”, che mescola in modo personalissimo e originale i connotati di atlantismo, anticomunismo e autonomia nazionale, di volta in volta insistendo di più (o di meno, come si sa) sull’uno o sull’altro elemento.

Bettino Craxi, Uno sguardo sul mondo
a cura della Fondazione Craxi
Mondadori 2018

Colpiscono in particolare le pagine lucidissime, direi visionarie e lungimiranti, sulla fragilità e per molti versi l’assurdità della costruzione europea, alla quale Craxi non era affatto contrario, ma di cui vedeva già le contraddizioni. E la sua amara ironia (“solo in Italia sono tutti europeisti purosangue, giovani, vecchi, donne e bambini, da Prodi a Berlusconi: non spiegano bene di cosa si tratta e si tratterà, ma sono egualmente europeisti al cento per cento”) mostra bene quanto avremmo avuto bisogno, negli ultimi anni, non di cori di voci bianche “euroliriche”, ma di una robusta visione eurocritica, eurorealistica, europragmatica.

Il sarcasmo di Craxi si fa feroce sulla “fanfara europeista”, tanto quanto la sua visione è nitida “sull’euro che non sarà un miracolo”. L’ex leader del Psi, tra il 1996 e il 1998, negli anni dell’esilio, ha il coraggio di parlare di una “Unione monetaria prematura, malaticcia”, che “non creerà alcun paesaggio fiorito”, ma “costerà posti di lavoro”. E aggiunge: “Bisogna discutere senza pregiudizi dei rischi dell’euro”. Per capirci, sono più o meno gli stessi anni in cui Romano Prodi sostiene invece che con la nuova moneta “lavoreremo un giorno di meno guadagnando come se si stesse lavorando un giorno di più”.

Ogni capitolo di questa raccolta merita una lettura attenta, profonda, non di rado commovente. E c’è anche modo di indignarsi, insieme a Craxi, contro l’ipocrisia di comunisti ed ex comunisti italiani: rileggere le pagine dell’archivio Craxi sui rapporti tra Pci e Urss fa pensare ai molti sepolcri imbiancati, miracolosamente sfuggiti al giudizio della storia, servi italiani per decenni di un regime assassino e criminale, e non di rado transitati – successivamente, comodamente, a costo zero – a dare lezioni di principi occidentali, di modernità, e perfino di liberalismo.

Avatar

Daniele Capezzone


5 risposte a “Bettino Craxi, un nuovo volume di scritti di politica estera: il tempo galantuomo (mai abbastanza) gli restituisce la dimensione di statista che merita”

  1. Avatar giuseppe pennisi ha detto:

    Ottimo

  2. Avatar Fabrizio Scatena ha detto:

    Di certo un grande statista e visionario. Intelligente la sua scelta di staccare il partito socialista dalla sua matrice marxista, per indirizzarlo su una strada riformista, liberalizzata (aperta al mercato) e pragmatica.
    Cosi’ come quando ha capito il potere che l’Italia aveva, e avrebbe potuto avere a livello geopolitico, nell’area euro-mediterranea.
    Una visione concreta e non ideologica del fare politica (con tutti i suoi chiaroscuri).
    Craxi diceva “Non vivo di sogni, ma di Lavoro” quando gli si parlava di utopie. Un uomo e un politico da ricordare nel bene e nel male.

  3. Avatar ROBERTO NATALI ha detto:

    “L’ambizione – in politica estera – di una dimensione euromediterranea.” L’aspetto, dal mio punto di vista, più criticabile della politica di Craxi: al suo interno la bruttissima pagina di Sigonella, osannata da alcuni come “coraggiosa” prova di autonomia dell’Italia nei confronti degli Usa.

  4. Avatar Italo Santopietro ha detto:

    Di Craxi ricordo solo un episodio che, per quanto mi riguarda, lo colloca tra i pochi statisti che l’Italia abbia mai avuto : in piena Tangentopoli, e già tutti lo additavano come l’unico colpevole dei mali italiani,
    tenne un discorso in Parlamento in cui affermava che tutte le formazioni politiche, grandi e piccole ricorrevano sistematicamente a finanziamenti illeciti
    per svolgere la loro azione politica e nessuno poteva sostenere il contrario. Se qualcuno avesse giurato il contrario, presto o tardi, i fatti si sarebbero incaricati di dichiararlo spergiuro. Ovviamente in Parlamento nessuno osò contestare questa affermazione e, sempre ovviamente, tutti usarono il silenziatore, specialmente i “giornaloni”. I comunisti naturalmente, tanto per cambiare, pensarono che la migliore risposta non poteva essere che il lancio delle monetine all’uscita di Craxi dall’albergo. Poi, per nostra somma sfortuna, i giornaloni, la grande industria, la finanza pensarono che i loro referenti politici potevano essere proprio i comunisti e, per non andare per le lunghe, siamo ai nostri giorni conciati con le pezze al culo.

  5. Avatar Federico libero ha detto:

    Certo che confrontare Craxi con i capipopolo di oggi è veramente imbarazzante, per questi ultimi s’intende.
    Spero che l’attuale sbornia di “potere al popolo” finisca al più presto.
    Ridateci Craxi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy