• 21/04 @ 17:11, Day by Day: i ritratti del passato, quando il bianco e nero premia la fotografia, di Gianfranco Ferroni https://t.co/SQHkTgfFPN
  • 20/04 @ 10:09, Il “paradosso” di Pilato: condannare un innocente per assolvere se stesso, di Giuseppe Portonera https://t.co/9YxLmxgbfe
  • 19/04 @ 17:02, SPECIALE ITALYGATE/1 – Tutte le strade del Russiagate che portano a Roma: i casi Mifsud e EyePyramid, di Federico P… https://t.co/Np4FwOGnWU
  • 19/04 @ 14:33, Conclusioni ed equivoci del rapporto Mueller: oltre la cortina fumogena degli inconsolabili Never Trumpers, d’oltre… https://t.co/tn6lzbBGeb
  • 19/04 @ 14:32, L’America non è infallibile, ma quando è assente o resta in disparte, le crisi vanno di male in peggio, di Roberto… https://t.co/XJwzpmEsEC
  • 19/04 @ 07:38, Qualcuno avverta Negri: se le imprese non fanno affari con l’Iran non è per la Lega o la “lobby ebraica”, ma per il… https://t.co/oHoRdMoahH

Un libro (consigliatissimo) sugli autogol e sui disturbi ossessivo-compulsivi degli anti-Salvini

Avatar di Daniele Capezzone, in Libri, Recensioni, del

Spiace comunicarlo ai tifosi più accesi del “Capitano”, ma il bel saggio di Pietro De Leo (che esce oggi in libreria per le edizioni Giubilei Regnani) non è un libro su Matteo Salvini, che pure lo ha generosamente e simpaticamente presentato sabato, in un cliccatissimo minivideo sulla sua pagina Facebook, insieme all’autore.

O meglio: si tratta solo indirettamente di un libro su di lui. I veri protagonisti (loro malgrado) sono gli anti-Salvini professionali (nella sinistra, nel ceto intellettuale, nei media, e in qualche caso pure nel clero), con i loro tic, il loro disturbo ossessivo-compulsivo, i loro schemini, tutti drammaticamente autolesionisti: “i vinti che bucano il pallone”, il “partito della bontà”, la “vincibile armata dei vip”, sintetizza giustamente l’autore.

Pietro De Leo
“Tutti contro Salvini – Come la sinistra ha trasformato il leader della Lega in nemico numero uno”
(2018, ed. Giubilei Regnani)

De Leo ha mano felice nel raccogliere molto materiale, nell’ordinarlo, nel proporlo in modo intelligente e accattivante. Lascio al lettore la sorpresa della scoperta. Ma – diciamo così – gli appassionati delle esternazioni di Roberto Saviano, Laura Boldrini, Oliviero Toscani, fino all’incredibile (scopritelo voi a pagina 52) Furio Colombo, non rimarranno delusi. Ma sono sollo quattro delle centinaia di “campioni” selezionati da De Leo.

La sensazione, in chiave domestica, è che gli anti-Salvini descritti nel libro non abbiano compreso la lezione del ventennio berlusconiano: l’assedio costante pone il nemico al centro del ring, lo mette in evidenza, lo aiuta ad avere i riflettori addosso e spiegare meglio le sue ragioni.

E che, in chiave internazionale, non abbiano nemmeno capito il fenomeno Trump: anche lì, mostrificazione, disprezzo, sberleffi, ingiurie, estesi ai suoi elettori. Mostrando un drammatico distacco dalle ragioni e dai sentimenti di una parte così ampia della società.
Per dare una lettura alta, potremmo dire che non hanno letto “Morfologia della fiaba” di Vladimir Propp: qualunque lettore di fiabe, qualunque “bimbo”, e quindi qualunque pubblico, qualunque folla, tende a simpatizzare con l’”eroe” sotto attacco, a identificarsi con lui, non certo con il nemico, con il mostro che lo vuole “uccidere”.

Per dare una lettura meno sofisticata, e qui basterebbero le prime pagine del “manuale della politica”, hanno dimenticato la base di ogni campagna elettorale: si dovrebbero considerare un po’ meno i candidati, e molti di più gli elettori, cosa li muova, cosa li emozioni, cosa li spinga a comportarsi in un certo modo. Odiare non aiuta: se non a perdere, come stanno facendo contro Salvini. E soprattutto contro gli elettori.

Avatar

Daniele Capezzone


4 risposte a “Un libro (consigliatissimo) sugli autogol e sui disturbi ossessivo-compulsivi degli anti-Salvini”

  1. Avatar MARCO USSI ha detto:

    un’amara verità, Salvini non si combatte denigrando, deridendo, sbeffeggiando o bruciando fantocci, ma argomentando, ragionando, comunicando. Il libro e quest’articolo centrano la vera sostanza del problema Italia, a quando un movimento autenticamente liberale???

  2. Avatar Alessandro Balduit ha detto:

    Fortunatamente esiste la differente politica in Italia, il popolo ha scelto
    Salvini !È e sarà ls voce delle necessità dell’italiano. Altri politici hanno fatto una politica di tradimenti e ruberie. Non bastano TV giornali per sconfiggere Salvini, solo il vito degli italiani ha questa possibilità di fermarlo .

  3. Avatar Ivaldo Casali ha detto:

    Le esternazioni offensive e denigratorie di quei soggetti sono inqualificabili. Mentre sono entusiasta di Matteo Salvini (un Ministro che la Repubblica Italiana non ha mai avuto!) e della Lega.
    Molto meno dell’opposizione sinistrorsa di “forza italia” (che ho votato fino al 2013).

  4. Avatar Italo Santopietro ha detto:

    Confesso, lo comprerò mi incuriosisce sapere cosa ha detto Furio Colombo (La sua capigliatura è sempre inappuntabile?)
    Poi una amichevole risposta a Marco Ussi : abbiamo avuto un partito autenticamente liberale,
    ma vari fattori hanno finito per azzopparlo.
    Casini aveva trovato l’ancora di salvezza (non dimenticare, Mauro, che in questa legislatura è
    stato eletto dal PD), Fini è stato portato a vette che
    lui non immaginava neanche nei sogni più rosei, tanti e tanti altri per convenienza hanno abbandonato il partito spudoratamente, i presidenti della Repubblica hanno, di fatto, impedito che le
    istanze liberali si affermassero e che il popolo potesse ragionare abbandonando i vecchi schemi.
    La magistratura si è dedicata a una caccia all’uomo
    che neanche nei peggiori regimi nazisti e comunisti,
    la grande industria ed i loro gruppi editoriali hanno dato manforte e ci sarebbero ancora tante cose da dire. Però, poichè sono un inguaribile ottimista
    caro Marco, dico che qualche buon seme si è salvato, germoglierà e darà i suoi frutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy