• 19/10 @ 12:19, In Italia si condona, ma non si affronta il vero problema: non si abbassano mai le tasse, di Roberto Penna https://t.co/DI1CCtz8Fm
  • 18/10 @ 12:34, Bettino Craxi, un nuovo volume di scritti di politica estera: il tempo galantuomo (mai abbastanza) gli restituisce… https://t.co/KfpHcKqSgN
  • 18/10 @ 06:35, L’esperança chiamata Bolsonaro, di Pietro Bassi https://t.co/JuqqTm9HdD
  • 17/10 @ 18:31, Comprendere il caso Khashoggi: perché rompere con l’Arabia Saudita sarebbe un folle autogol, di @jimmomo https://t.co/34neIBm3zw
  • 17/10 @ 18:30, Day by Day: un’immersione nel Mediterraneo a Copenaghen e lo ShowRum a Roma, di Gianfranco Ferroni https://t.co/L6RD75zBoP
  • 17/10 @ 07:35, Cambiano i tempi e gli avversari, ma il fascismo degli antifascisti è quello di sempre, di Max Del Papa https://t.co/VosawbiaSn

“Kedi, la città dei gatti” di Ceyda Torun. Non un docufilm, ma un piccolo capolavoro per “gattolici” e non

di Daniele Capezzone, in Film, Recensioni, del

E’ da ieri nelle sale italiane un piccolo capolavoro della regista turca Ceyda Torun: un atto d’amore verso Istanbul, città notoriamente (e felicemente) popolata da gattini e gattoni, che solo un superficiale potrebbe definire “randagi”.

Sono presenze antiche, libere, insieme estranee e familiari, consuete e misteriose, vicine e inafferrabili: che si aggirano, vanno, spariscono, tornano, con regolarità assoluta o con imprevedibili pause, tra caffè, ristoranti, negozi, portoni, mercati, pescherie, ricevendo un po’ da tutti cibo, carezze, attenzioni.

Il film, sfuggendo quasi sempre (direi miracolosamente) al sentimentalismo, racconta storie e caratteri di alcuni micioni: perché ogni gatto è un individuo, c’è quello timido e quello aggressivo, quello silenzioso e quello casinista. Tutti diversi, tutti unici, mai confondibili.

Nel film, ce ne sono per tutti gusti. C’è la gattona pigra e perennemente dormigliona che però, una volta divenuta mamma, si trasforma in una cacciatrice implacabile per sfamare i suoi cuccioli. C’è il gatto “collaboratore” fisso di un ristorante al porto: che si guadagna stipendio e mance, sotto forma di buon pesce, mettendo in fuga i topi. C’è la gatta gelosa, che aggredisce le rivali se si avvicinano al fidanzato. C’è il gatto appena arrivato nel quartiere, e che già pretende di dominarne il territorio. C’è la micia che ha partorito nei pressi di una pescheria, e mostra orgogliosa i suoi
piccoli tesori all’amico umano.

Tecnicamente, la realizzazione di questo film dev’essere stata un’opera di difficoltà immensa: come si sa, “ammaestrare” i gatti è impossibile. Le telecamere, poi, sono gestite in modo magico, assumendo di volta in volta il punto di vista del gatto o quello delle persone che ne parlano.

Ma – tecnicalità a parte – al centro del film c’è una cosa chiamata “vita”: poche concessioni dolciastre o smielate, e invece un racconto umanissimo di come (a due o a quattro zampe) l’esistenza sia aspra, difficile, insidiosa. A maggior ragione, farsi compagnia è una terapia indispensabile, così come riuscire – grazie a un gattino – a stabilire silenziose e profonde connessioni, capire qualcosa in più di noi stessi, medicare le nostre esistenze (tutte, per qualche ragione,
ferite o sgualcite), estrarre da noi stessi tenerezze a volte impensabili, cercare e trovare consolazione.

Andate a vederlo, “gattolici” e non. Sarà un’ora e mezzo ben spesa.

Daniele Capezzone


Una replica a ““Kedi, la città dei gatti” di Ceyda Torun. Non un docufilm, ma un piccolo capolavoro per “gattolici” e non”

  1. Marina ha detto:

    Grazie mille per il suggerimento! Mi risulta che sia in programma in un cinema d’essai di Milano. Cercherò di vederlo….e magari di procurarmi anche la locandina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy