• 11/07 @ 17:30, In casa Tories è SunakMania, tutti pazzi per il Cancelliere, di Daniele Meloni https://t.co/ufk6sQw0Yv
  • 11/07 @ 17:29, Con il nuovo governo a Baghdad per gli iraniani la musica è cambiata https://t.co/ZDiVLfAjIJ
  • 11/07 @ 17:29, Non è “divisivo” Trump, ma chi vuole cancellare le identità degli Stati e la memoria dei vinti, di Stefano Magni https://t.co/VqXDf9oCR6
  • 09/07 @ 07:26, Tutto ciò che vi è stato detto di male su Cristoforo Colombo è una balla https://t.co/xsy8EsMET1
  • 08/07 @ 18:54, Piloti ricoperti d’oro da regimi autoritari e razzisti ci spiegano l’antirazzismo, di Marco Faraci https://t.co/3SjnRuUysH
  • 08/07 @ 18:53, Usa 2020: basterà parlar male di Trump per battere Trump? https://t.co/oXmMJAXS0p

Il ruggito del gran leone Maurizio Bianconi. D’accordo sulle sue ricette? Forse no, ma chi se ne importa. Lezione di passione, amore per la politica, coraggio, indipendenza

Avatar di Daniele Capezzone, in Libri, Recensioni, del

C’è qualcosa che credo di sapere su Maurizio Bianconi. Lo conoscono in moltissimi, certo: a lungo dirigente politico della destra italiana, quindi del Pdl, poi desideroso – in modo libero e coraggioso, con pochi altri – di seminare ancora, ma trovando purtroppo sulla sua strada figure miopi, egoiste, inadeguate, grette intellettualmente (e dunque anche moralmente).

Ma c’è qualcosa di più: Maurizio Bianconi è un uomo libero. La libertà gli serve più dell’ossigeno e del pane. Ad Arezzo, giovanissimo, agli esordi della sua avventura politica, la violenza comunista provò a togliergli la parola e anche la vita. Da quel momento, ha nuotato controcorrente, sfidando il conformismo degli avversari, e non di rado anche i timori degli amici davanti alla sua attitudine irregolare, non irregimentabile, indipendente. E – badate bene – Bianconi ha sempre scelto gli atti di coraggio quando erano costosi, pagandone ogni prezzo di isolamento, prima che divenissero di moda: nel centrodestra, per capirci, è stato antirenziano quando gli altri erano nazareni.

Oggi, osservatore disincantato, ha pubblicato un pamphlet, che è anche un manuale di formazione – nell’intenzione dell’autore – per qualche giovane politico, e per chiunque abbia passione civile. C’è il meglio di una certa destra che si ispira alla lezione di Prezzolini: la simpatia per i “fessi” e non per i “furbi”, l’accento sui doveri e non solo sui diritti, la chiarezza contro il gioco degli occultamenti e delle oscurità linguistiche, e in più lo spirito europeo (dunque, non europeista, non amico di questa Ue).

Sono d’accordo con tutto ciò che scrive? Evidentemente no: non condivido una costante invettiva contro il mercato, la messa sul banco degli imputati del liberalcapitalismo (accanto a sinistra e cattolicesimo democratico, come se si trattasse di realtà equivalenti e intercambiabili), e la critica all’Ue in quanto iperliberista. Laddove questo disastro europeo è a mio avviso terrorizzante per la ragione opposta: in quanto si tratta di un mostro superstatalista, dirigista, centralizzatore, nemico della libertà e della competizione.

Ma starei per dire che non mi importa nulla di questi dissensi. Il libro di Bianconi è bello perché sono belli la sua anima e il suo spirito: quelli di un uomo davvero indipendente, giustamente puntiglioso in primo luogo rispetto alla parte politica e culturale che sente più vicina, nemico giurato di tecnici e “commissari” della Repubblica, orgogliosamente appassionato di politica, capace di frequentare la solitudine e pagarne il prezzo.


Maurizio Bianconi
“Un graffio al peggio – 25 consigli ai nuovi politici tra europeismo, sovranismo e nuovi orizzonti”
(ed Italic Pequod)

Avatar

Daniele Capezzone


Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy