• 20/07 @ 19:09, La solita doppia morale e presunta superiorità antropologica della sinistra, di Max Del Papa https://t.co/kTptom1FaZ
  • 20/07 @ 19:08, La lenta agonia del Venezuela, mentre il mondo resta a guardare, di Francesco Generoso https://t.co/vSEdE5dbBo
  • 20/07 @ 07:03, Le mosse di The Donald: proviamo a fare il punto oltre le curve di ultras, di #RobertoPenna https://t.co/uj9dqhqFhF
  • 20/07 @ 06:19, Day by Day: turismo per risollevare l’economia dei territori colpiti dal terremoto, di #GianfrancoFerroni https://t.co/8BlvxvbCXU
  • 19/07 @ 11:52, Diritto d’asilo e protezione internazionale: numeri, storie e illusioni dei “sedicenti rifugiati”, di #AnnaBono https://t.co/tEsk0A1CIz
  • 19/07 @ 11:22, Quel confronto tra Di Maio e Boccia: lo stato qua, lo stato là, lo stato deve, lo stato può... E la libertà? La lib… https://t.co/JUUtP4VZs7

Vertice Nato: sono stonato ma canterò per l’Alleanza

di Giuseppe Pennisi, in Esteri, Quotidiano, del

Sono, notoriamente, piuttosto stonato ma  canterò pure io. in occasione del  vertice dell’alleanza atlantica in programma  a Bruxelles l’11-12 luglio, un “vertice” che secondo molti verrebbe utilizzato dal Presidente americano Donald Trump per picconare e forse cominciare a smantellare la Nato.

Non intonerò un inno, ma  una  canzonetta di George M. Cohen, prolifico autore di commedie musicali, e protagonista di Broadway dagli Anni Venti agli Anni Quaranta del Ventesimo Secolo: “Overthere, overthere, there are yankees everywhere, everywhere!” (“Laggiù, laggiù ci sono yankee da per tutto, da per tutto!). E’ una canzone leggera, allegra, gioiosa, pur se con un pizzico di melanconia per la lontana terra natia . Composta, inizialmente, per una commedia in musica a sfondo patriottico (“Anna, get your gun!”, “Anna, prendi il fucile”) diventò il “tune” più fischiettato, oltre che cantato, dai soldati americani nella Prima Guerra Mondiale; si racconta che lo stesso Hemingway la canticchiasse negli altipiani di Asiago così ben descritti in “A farewell to arms” (“Addio alle armi”). Diventò, poi, una delle canzoni più care alle truppe Usa, soprattutto quelle sul fronte europeo, negli Anni Quaranta. L’ultima inquadratura di un film biografico in bianco  e nero, su George M.Cohen, mostra Roosevelt il quale sbircia ( e saluta) da una finestra della Casa Bianca, soldati che sfilano a Pennsylvania Avenue al ritmo di “Overthere, overthere, there are yankees everywhere, everywhere!”.

Perché canterò “Overthere”? In primo luogo,  è la canzonetta più diffusa e più cantata, senza alcun imprimatur ufficiale, dai milioni di ragazzi americani che due volte nel secolo scorso varcarono l’Atlantico  in missione di pace in un Vecchio Continente che aveva innescato la miccia del proprio suicidio. In secondo luogo, questi ragazzi (molti dei quali venivano dall’immenso Mid-West e non avevano mai visto il mare prima di imbarcarsi alla volta dell’Europa) erano pacificatori, come lo sono i nostri (e non solo i nostri) nella tormentate terre dell’Iraq, dell’Afghanistan, ed altrove. Con generosità estrema, molti di loro, per dare la pace e la libertà a noi, sarebbero rimasti sul suolo europeo, in immensi cimiteri da Anzio alla Normandia. In terzo luogo, meglio di molti concioni ufficiali, la canzone di G.M. Cohen esprime quella massima fondamentale di Voltaire, iscritta in marmo  nel suo villaggio natale ai confini tra Francia e Svizzera, spesso dimenticata da noi ma metabolizzata negli Usa: l’intolleranza deve essere massima nei confronti degli intolleranti.  In quarto c’è un fatto personale: a 22 anni ho potuto continuare a studiare grazie a borse di viaggio finanziate dai contribuenti americani e a borse di studio finanziate da filantropi  americani; a 26 anni, sono tornato negli Usa, con mia moglie ed con 300 dollari in tasca, in due. Ci sono rimasto oltre 15 anni, compiendo un’intera carriera in Banca Mondiale. Là sono nati i nostri figli. Là ho imparato a lavorare ed ad avere la massima intolleranza nei confronti degli intolleranti. Forse, ho anche appreso un po’ di generosità.

Ho nella parete del mio studio una foto incorniciata del 1966: cinquanta studenti europei e cinquanta americani – era il primo anno di un Master alla Johns Hopkins University (Bologna Center) – in visita allo SHAPE ( sede del Supremo Comando Alleato) allora a Parigi – un’esperienza fondante.

Certamente gli Stati Uniti di oggi sono più interessati all’Estremo Oriente, all’America Latina ed alla stessa Russia che ad un’Europa al cui processo d’integrazione hanno contribuito attivamente, non solo per generosità ma anche per non trovarsi ancora una volta immischiati in guerre intestine nel Vecchio Continente . E che oggi vedono ristagnare in preda a litigiosi sovranismi.

Tuttavia, da parte europea sarebbe auspicabile uno sforzo. Non le spese americane per la difesa superano il 3,5% – il target per i Paesi Nato è il 2%- e quelle della Germania e dell’Italia sfiorano rispettivamente l’1,22% e l’1,13% (ed un terzo di quelle classificate come ‘difesa’ in Belgio sono, in effetti, pensioni per le forze armate), ma ci sono aree – in primo luogo la cyber security – dove la collaborazione sarebbe fruttuosa prima ancora che necessaria. Quindi, un rafforzamento non un indebolimento dell’alleanza è nell’interesse di tutti.  Overthere!

Giuseppe Pennisi


Una replica a “Vertice Nato: sono stonato ma canterò per l’Alleanza”

  1. Angelo Federico ha detto:

    L’Europa dovrebbe essere militarmente indipendente. La Nato anderebbe essere smantellata. Cosi gli Stati Uniti smetterebbero di lamentarsi per le spese a cui comunque l’Europa partecipa anche se forse non sufficientemente. Tuttavia giova ricordare che la seconda guerra mondiale ha rappresentato per gli Stati Uniti un grande trampolino di lancio della propria economia. Seppur occorre ringraziare loro per quanto fatto in nostro soccorso e pur mantenendo inalterata la lealtà e l’alleanza, sarebbe ora che l’Europa diventasse indipendente a tutti gli effetti. Perché così non va bene per entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy