• 20/06 @ 19:38, Una bussola per l’Europa: in uscita il nuovo numero cartaceo di Atlantico https://t.co/V8heUbZs5d
  • 20/06 @ 12:18, Gli Usa di Trump chiedono alla Russia il rilascio di 150 prigionieri politici e religiosi. In Europa leggeremo la n… https://t.co/ag9ctoBXmZ
  • 20/06 @ 06:50, Su immigrazione, difesa e controllo dei suoi confini, l’Ue rischia il collasso. La lezione di Ferguson, di @jimmomo https://t.co/nCw5qvUlPS
  • 19/06 @ 20:01, Errori di analisi dei mainstream media e nuova frontiera sinistra-destra, di @dariodedi https://t.co/TOeA4QzXXS
  • 19/06 @ 13:18, Trump, Kim e il cinema della politica, il commento di @masstrovato https://t.co/x1OOl5hVrd
  • 19/06 @ 08:30, Parte male Di Maio su sharing e gig economy. Se levi i “lavoretti”, non avrai un “lavorone”, di @Capezzone https://t.co/Eh6Sd9Xvky

Trump sulle orme di Nixon fra Cina e Corea del Nord

di Pietro Bassi, in Esteri, Quotidiano, del

Fin dai primi anni della Repubblica Popolare Cinese (RPC), lo sport ha avuto un ruolo importante nella diplomazia, incorporando spesso lo slogan “Amicizia prima, seconda competizione”. Durante gli anni dell’iniziale isolazionismo di Mao, gli atleti erano tra i pochi cittadini della RPC che potevano viaggiare all’estero. L’incontro della delegazione americana di ping-pong con quella cinese fu facilitato dal Comitato nazionale per gli Stati Uniti delle relazioni con la Cina. Prima della visita dei giocatori di ping-pong americani, undici americani vennero ammessi nella RPC per una settimana perché tutti si sono dichiarati affiliati al Black Panther Party, il Partito delle Pantere Nere, che seguiva una linea politica maoista. Questo era insolito, dato che i cittadini americani di alto profilo, come il senatore Eugene McCarthy, avevano espresso interesse a visitare la Cina dopo le elezioni presidenziali del 1968, ma non poterono organizzare il viaggio nonostante il loro ufficio. Al suo ritorno negli Stati Uniti, uno dei giocatori americani di ping-pong ha detto ai giornalisti che i cinesi erano molto simili alle persone negli Stati Uniti:

“Le persone sono come noi. Sono reali, sono genuine, si sentono. Ho fatto amicizia, veri amici. Il paese è simile all’America, ma ancora molto diverso. È bellissimo. Hanno la Grande Muraglia, hanno pianure. Hanno un antico palazzo, i parchi, ci sono ruscelli e hanno dei fantasmi che perseguitano; ci sono tutti i tipi di animali. Il paese cambia da sud a nord. Le persone, hanno una unità. Credono davvero nel loro maoismo”.

La diplomazia del ping-pong ha avuto successo e ha portato all’apertura del rapporto Stati Uniti-Cina, che ha portato gli Stati Uniti a revocare l’embargo contro la Cina il 10 giugno 1971. Il 28 febbraio 1972, durante la visita del presidente Nixon e del segretario di Stato Henry Kissinger a Shanghai, fu emesso un comunicato nel quale si sottolineava che entrambe le nazioni avrebbero lavorato per la normalizzazione delle loro relazioni. Inoltre, gli Stati Uniti riconobbero Taiwan quale parte della Cina e impegnandosi a non interferire nelle questioni tra Cina e Taiwan. I cinesi accettarono una soluzione pacifica della questione di Taiwan. La dichiarazione consentiva agli Stati Uniti e alla Repubblica Popolare Cinese di mettere temporaneamente da parte la “questione cruciale che ostacolava la normalizzazione delle relazioni” riguardante lo status politico di Taiwan e di aprire il commercio e altri contatti. Tuttavia, gli Stati Uniti continuarono a mantenere relazioni ufficiali con il governo della Repubblica di Cina a Taiwan e non si sono interrotti fino al 1979, quando gli Stati Uniti stabilirono relazioni diplomatiche complete con la RPC. Mentre era a Shanghai, Nixon tratteggiò per i due paesi questo futuro:

“Questa è stata la settimana che ha cambiato il mondo, quello che abbiamo detto in quel comunicato non è così importante come quello che faremo negli anni a venire per costruire un ponte attraverso 16.000 miglia e ventidue anni di ostilità che ci hanno diviso in passato. E quello che abbiamo detto oggi è che costruiremo quel ponte”.

Nixon e i suoi collaboratori pianificarono attentamente il viaggio per avere il maggior impatto possibile sul pubblico televisivo negli Stati Uniti. La copertura mediatica del viaggio risultò straordinariamente positiva. Interviste successive con i corrispondenti che hanno viaggiato con il presidente mostrarono quanto erano ansiosi di essere in viaggio, che alcuni hanno etichettato come il più importante incontro al vertice di sempre.

Il viaggio di Nixon in Cina era stato ben pianificato, praticamente coreografato e ogni sua mossa veniva mostrata sullo schermo televisivo. I media hanno svolto un ruolo vitale nel garantire agli americani di vedere Nixon comunicare con i funzionari del governo cinese, frequentare le cene e ricevere visite di altre persone influenti. Nixon interpretò il ruolo di uno statista internazionale. Gli americani si fermarono e osservarono, e il loro rispetto per Nixon aumentò. L’indice di approvazione presidenziale raggiunse quasi il 56 per cento.

Dopo il suo ritorno da una settimana ricca di incontri e opportunità fotografiche, ai cittadini americani fu chiesto che cosa pensavano dell’impatto di questo viaggio sul ruolo degli Stati Uniti a livello internazionale. Da un sondaggio del marzo 1972 condotto da Gallup, emerse che oltre il 50 per cento trovò il viaggio efficace per la pace mondiale. Max Frankel del New York Times ha ricevuto il Premio Pulitzer per la diffusione internazionale della sua cronistoria dell’evento. La visita ispirò persino un’opera lirica, musicata dal compositore John Adams nel 1987: “Nixon in China”. Così come il soggetto di un film documentario della PBS, “American Experience: Nixon’s China Game”.

In questa settimana fra G7, chiusura dei porti italiani, incontro Kim Jong-un e Trump, abbiamo assistito alla storia. Si sono scritte pagine importanti di storia di questo secolo. Trump sembra essersi messo a inseguire le orme che circa quarant’anni fa Nixon tracciò incontrando Mao. Non è un caso che negli Usa il parallelismo Nixon-Trump è nuovamente tornato alla ribalta nazionale. E non stupisce che di recente sia stata scoperta una lettera fra i due, datata 21 dicembre 1987. La ex first lady Pat Nixon vide in una trasmissione televisiva il futuro presidente Donald Trump, ne parlò al marito e ambedue ne furono entusiasti: erano convinti che avrebbe vinto, se si fosse candidato per la Casa Bianca.

Richard Nixon scrisse così a Donald Trump, offrendo parole di incoraggiamento se mai si fosse candidato per un incarico politico: “Caro Donald, non ho visto il programma ma la signora Nixon mi ha detto che sei stato bravo al The Donahue Show. Come puoi immaginare, lei è esperta di politica e pensa che se un giorno deciderai di candidarti, sarai un vincitore!”. Quando sarà terminata l’amministrazione Trump riusciremo a tracciare una più dettagliata comparazione rispetto a quella Nixon, per ora limitiamoci a vivere la storia sapendo che il legame fra i due potrebbe essere davvero stretto.

Pietro Bassi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy