• 21/04 @ 17:11, Day by Day: i ritratti del passato, quando il bianco e nero premia la fotografia, di Gianfranco Ferroni https://t.co/SQHkTgfFPN
  • 20/04 @ 10:09, Il “paradosso” di Pilato: condannare un innocente per assolvere se stesso, di Giuseppe Portonera https://t.co/9YxLmxgbfe
  • 19/04 @ 17:02, SPECIALE ITALYGATE/1 – Tutte le strade del Russiagate che portano a Roma: i casi Mifsud e EyePyramid, di Federico P… https://t.co/Np4FwOGnWU
  • 19/04 @ 14:33, Conclusioni ed equivoci del rapporto Mueller: oltre la cortina fumogena degli inconsolabili Never Trumpers, d’oltre… https://t.co/tn6lzbBGeb
  • 19/04 @ 14:32, L’America non è infallibile, ma quando è assente o resta in disparte, le crisi vanno di male in peggio, di Roberto… https://t.co/XJwzpmEsEC
  • 19/04 @ 07:38, Qualcuno avverta Negri: se le imprese non fanno affari con l’Iran non è per la Lega o la “lobby ebraica”, ma per il… https://t.co/oHoRdMoahH

Si riaccende lo scontro sulla famiglia e i diritti civili, ma la cultura liberale è ancora la grande assente

Avatar di Roberto Penna, in Politica, Quotidiano, del

Il tema della famiglia o delle famiglie, viste al plurale sia come unioni di uomini e donne che come legami fra persone del medesimo sesso, è tornato ad agitare la politica italiana e a porre nuove divisioni nella maggioranza di governo, come se essa non litigasse già abbastanza su tanti altri argomenti. Il ritorno di fiamma dello scontro su famiglia tradizionale e diritti civili, molto divisivo in Italia, è dovuto senz’altro al Congresso mondiale delle famiglie, che si svolgerà a Verona dal 29 al 31 marzo prossimi. Il Governo sembrava intenzionato, fino a qualche giorno fa, ad offrire il proprio patrocinio alla kermesse, poi vi è stato il passo indietro. Matteo Salvini, legittimamente, parteciperà all’evento, mentre Di Maio, altrettanto legittimamente, farà altro. Le polemiche tuttavia galoppano e forse aumenteranno d’intensità durante e subito dopo il congresso di Verona.

Diamo dei cognomi, più che altro per comodità di linguaggio e per capirci meglio. Tra il fronte di Salvini, Meloni e Massimo Gandolfini, presidente del Family Day nonché attivista pro-life da sempre, e quello di Monica Cirinnà, senatrice Pd e prima firmataria della legge del 2016 sulle unioni civili, scopriamo, per l’ennesima volta e con rinnovata delusione, come continui a mancare in Italia un autentico spirito liberale, grazie al quale sarebbe più semplice affrontare, a livello tanto legislativo quanto culturale, le sfide inevitabili di una società in perenne evoluzione, che però non può nemmeno scordarsi le proprie radici. L’ormai storico “Non possiamo non dirci cristiani”, pronunciato peraltro da un liberale, Benedetto Croce, non da un democristiano, dovrebbe fare riflettere ancora oggi. Assistiamo invece a toni e modi di manifestare volutamente esasperati, inutili poi, nel concreto, a qualsiasi causa e soprattutto a qualsiasi tipo di famiglia. Se si va in piazza, come ha fatto la senatrice Cirinnà, con cartelli offensivi nei confronti di chi, liberamente, sceglie di credere in Dio ed uniforma le proprie scelte, anche di vita famigliare, alla fede religiosa, non si è affatto liberali o emancipati, ma integralisti. In sostanza, l’altra faccia della stessa medaglia dove compaiono anche gli invasati per i quali gli omosessuali sono tutti figli del diavolo. Neppure le rivendicazioni accompagnate da bestemmie sono di grande aiuto per la conquista di nuovi diritti.

Si può essere più o meno d’accordo con i contenuti e i partecipanti del congresso delle famiglie di Verona, ma visto che siamo in democrazia e nessuno è costretto con la forza ad andarci, non pare davvero il caso di demonizzare oltremisura l’appuntamento, come se si trattasse di un raduno di serial killer. Evitino, certi giornalisti televisivi, determinate espressioni facciali, contrite e scandalizzate, quando parlano di esponenti politici, come Salvini, che presenzieranno alla manifestazione veronese, perché altrimenti si va incontro ad una sorta di inquisizione al contrario. La politica ha il dovere laico di individuare sempre la sintesi fra i continui mutamenti e l’identità culturale e religiosa, ma non si raggiunge lo sviluppo di una società mettendo a tacere o ridicolizzando le voci sgradite. Il più importante combattente laico di questo Paese, ovvero Marco Pannella, si scagliava sì contro le gerarchie vaticane e il loro potere, più politico che spirituale, ma non puntava a silenziare e nemmeno sfotteva il popolo dei credenti. Ancora meno faceva sfoggio di bestemmie. Ma Pannella, pur con tutti i suoi difetti, era un liberale, mentre Cirinnà e compagni sono cresciuti con un latte diverso.

Avatar

Roberto Penna


2 risposte a “Si riaccende lo scontro sulla famiglia e i diritti civili, ma la cultura liberale è ancora la grande assente”

  1. Avatar Nicola ha detto:

    Non riesco a trovare una logica diversa di famiglia da quella naturale e storica. Quel che dice stranamente la Cirinna di cui fa parte di una famiglia di 4 figli nati tutti dal ventre della madre, è contro natura, da sempre la vita se ha un senso è il centro dell’esistanza, essa è famiglia composta da Padre (io morale) da madre (io affettivo) e figli che crescono e si identificano nei propri genitori naturali, quanti casi di figli adottivi sono stati problematici, immagino un bambino che nasce cresce e non conosce la sua matrice, come si raffronterà con gli altri, anzi con il suo altro o magari con i suoi figli naturali. La Cirinna è impazzita. Aiutatela, forse è un fatto di voti?? Bho!

  2. Avatar Fabrizio Scatena ha detto:

    La posizione di un liberale, se pur laico e/o razionalista, dovrebbe infatti dimostrare, nei pensieri e nella comunicazione, rispetto anche verso chi manifesta la propria credenza religiosa (cattolica, protestante, ebraica, musulmana, buddhista, ecc.) A condizione che questa credenza sia manifestata rispettando le leggi del Paese in cui viene espressa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy