• 09/07 @ 07:26, Tutto ciò che vi è stato detto di male su Cristoforo Colombo è una balla https://t.co/xsy8EsMET1
  • 08/07 @ 18:54, Piloti ricoperti d’oro da regimi autoritari e razzisti ci spiegano l’antirazzismo, di Marco Faraci https://t.co/3SjnRuUysH
  • 08/07 @ 18:53, Usa 2020: basterà parlar male di Trump per battere Trump? https://t.co/oXmMJAXS0p
  • 08/07 @ 17:08, L’ennesima tribuna concessa al regime iraniano per diffondere la sua propaganda https://t.co/ba0ozvdpam
  • 08/07 @ 16:57, Missili iraniani puntati sul Golfo Persico: e sta per “scadere” l’embargo sulle armi a Teheran, di Dorian Gray https://t.co/IqPQiRCsGo
  • 06/07 @ 16:39, Rinviare per tirare a campare è l’unico programma di Conte, ma il Paese non può permetterselo, di Roberto Penna https://t.co/Pxha8jPW8o

Se la pandemia accelera il cambio di pelle dei Tories verso la working class

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Lo scoppio della pandemia legata alla diffusione del coronavirus sta determinando una svolta nella politica britannica. Il governo conservatore – eletto a furor di popolo con lo slogan Get Brexit Done! – si trova a fare i conti con una emergenza ben più grave rispetto al suo focus su un’uscita ordinata del Regno Unito dall’Unione europea. La trasformazione del partito Tory sotto Boris Johnson da eurorealista a brexiteer e da thatcheriano a, in parte, neo-welfariano, si stava già compiendo con i primi atti del governo, come l’aumento del salario minimo, la fine dell’austerity, e l’aumento degli investimenti nell’NHS e nelle infrastrutture a esso collegate (ma non solo).

È chiaro che il successo del governo di Boris Johnson sarà determinato da come governerà l’emergenza coronavirus e da quella, quasi contemporanea, legata alla crisi economica. Finora, secondo un recente sondaggio di YouGov, due terzi dei britannici sembrano approvare le misure di lockdown prese dal primo ministro, e l’immissione di liquidità promessa dal Cancelliere Sunak per limitare i danni all’economia. Entrambe le azioni affermano la volontà del governo di emergere vincente dalla crisi. Tuttavia, è ancora presto per dire come finirà: la curva dei contagi rimane preoccupante e alcuni scienziati prevedono addirittura “fino a 40 mila vittime”.

Quello che sta evidenziando l’emergenza è un nuovo rapporto del Partito Conservatore con il Servizio Sanitario Nazionale, l’NHS. Un tempo, durante gli anni delle privatizzazioni thatcheriane, l’ex Cancelliere dello Scacchiere Nigel Lawson definì l’NHS a national religion e, come tale, intoccabile anche dalla rivoluzione della Lady di Ferro. Furono i successori di Thatcher, Major e soprattutto i Laburisti Blair e Brown a spronare i privati a investire nel settore, grazie anche ai piani di partenariato pubblico-privato (Private Financial Initiative), che garantivano l’immissione di nuove risorse nel sistema. I Tories sono sempre stati percepiti come il “partito dei tagli” nel sistema pubblico, a differenza di un Labour più votato alla spesa. Lo stesso David Cameron una volta diventato leader conservatore parlò nel 2006 delle sue 3 priorità per il futuro del Paese definendole nelle lettere “N-H-S” proprio per indirizzare un problema elettorale che stava penalizzando il partito. Un problema di cui si è reso conto anche il consigliere-capo di Johnson, Dominic Cummings, che, dopo il disastro di May alle elezioni del 2017, in parte dovuto anche a un programma molto confuso sulle cure per i malati cronici, ha identificato nell’NHS il pilastro della battaglia elettorale e comunicativa attraverso cui i Tories hanno fatto breccia nel Red Wall laburista.

Attraverso la negativa esperienza legata alla contrazione del coronavirus, Boris Johnson – da più parti percepito come un tipico prodotto dell’establishment elitario e cosmopolita – ha potuto esperire in via diretta la qualità e l’abnegazione del personale dell’NHS. Il bond che lega il primo ministro alla sanità è forte come non lo è mai stato in passato, forse nemmeno ai tempi di Nye Bevan, l’architetto del servizio sanitario britannico. Johnson sa che deve la vita a chi gli è stato accanto nei giorni peggiori della malattia e si rende conto che medici e infermieri compiono uno sforzo straordinario per curare le persone e salvare vite umane.

Sforzi che spesso non sono commisurati alle condizioni economiche con cui sono trattati. Già, perché la crisi del Covid-19 sta anche mettendo in luce nella compagine governativa una nuova priorità relativamente a quelli che sono i lavori più utili – direi fondamentali – per far sì che lo stato performi al massimo la sua attività: ecco perché i Red Tories all’interno del 1922 Committee – il gruppo parlamentare conservatore – hanno esultato per l’aumento del salario minimo a oltre 8 sterline l’ora, e c’è da scommettere che premeranno perché in sede di contrattazione collettiva i key workers dello stato britannico vengano gratificati con salari più alti e condizioni di lavoro più rispettabili.

In passato sulla rivista liberal Prospect, un intellettuale conservatore, Tim Montgomery, aveva parlato di rinominare i Tories The Working Class Party: una provocazione, certamente, per un partito che ha radici completamente diverse. Ma il risultato delle elezioni e le nuove constituencies ex Labour da difendere a Blyth Valley, Workington e Bolsover spostano l’asse del governo: meno Londra e più periferia. E chissà se tra qualche anno laddove c’era un Muro Rosso non si parlerà di Blue Wall.

Avatar

Daniele Meloni


Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy