• 16/10 @ 06:39, La professione antifascista della sinistra: una copertura per non fare i conti con la propria storia, di Franco Car… https://t.co/aMZlFtKxFD
  • 16/10 @ 06:38, La neolingua per giustificare il Green Pass: un ricatto diventa libertà, i ricattati diventano ricattatori, di Stef… https://t.co/ZFYoRc52iU
  • 10/10 @ 09:15, “Per una nuova destra”: la ricetta di Capezzone per riempire un vuoto nell’offerta politica, di Matteo Milanesi https://t.co/Cn7GbJGvF8
  • 10/10 @ 09:14, Pechino aumenta la pressione su Taiwan: il vero banco di prova della presidenza Biden, di Michele Marsonet https://t.co/5WOnTKSODq
  • 26/09 @ 18:07, Dopo il Covid un’altra minaccia dalla Cina: la bolla immobiliare spaventa i mercati e il Partito comunista, di Mich… https://t.co/uZuWueZRxM
  • 26/09 @ 18:06, Draghi si presenta agli industriali con la sua vecchia ricetta: svalutazione interna, di Musso https://t.co/s2vPwWJqsy

Rivoluzione gattopardiana di Sanchez in Spagna, Pax Draghiana in Italia

di Atlantico Quotidiano, in Esteri, Quotidiano, del

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo articolo di Rodrigo Ballister, direttore del centro studi europei del Mathias Corvinus Collegium di Budapest

“Tutto deve cambiare perché tutto resti come prima”. Non c’è modo migliore per descrivere il colpo ad effetto di Pedro Sánchez, che ha rimodellato il suo governo questa settimana, se non con la classica massima gattopardiana. A prima vista, il cambiamento sembra radicale: sette nuovi ministri, licenziamento a sorpresa dei suoi pretoriani, un governo ringiovanito e in maggioranza composto da donne. Un nuovo corso per la Spagna in un contesto post-Covid, una nuova opportunità dopo un disastroso inizio di mandato? O semplicemente una cortina di fumo per continuare come prima? Qualsiasi osservatore della politica spagnola conosce la risposta: sebbene la Spagna ne abbia bisogno come mai prima, Sánchez non cambierà. Come sempre.

Mentre in Italia Draghi gode di ampio sostegno parlamentare ed è riuscito a guidare le forze politiche sulla via del pragmatismo, la Spagna ha un primo ministro tanto astuto tatticamente quanto strategicamente incompetente. Un politico la cui intenzione principale è conquistare il potere e poi non esercitarlo, che si preoccupa più di apparire che di fare e più di manovrare che di governare. Sanchez appare come la copia negativa dell’attuale presidente del Consiglio italiano.

Contrariamente all’Italia, la tensione tra i poteri dello Stato in Spagna è al limite. Oltre a innumerevoli scontri senza precedenti tra il potere giudiziario (Corte Suprema, Consiglio Generale del Potere Giudiziario, Corte dei Conti) e l’Esecutivo, Pedro Sánchez ha sottoposto la Corona a una serie di attacchi e umiliazioni senza precedenti in quarant’anni di democrazia in un periodo di maggiore vulnerabilità politica e sociale del Paese. Tutto questo in contrasto con la Pax Draghiana, lo stretto rapporto tra il presidente Mattarella e lo stesso Draghi e la tregua che le forze politiche hanno siglato.

Insieme all’Italia, la Spagna sarà il Paese che beneficerà maggiormente dei fondi europei (140 miliardi di euro). Ma contrariamente al Bel Paese, queste non saranno gestite con la stessa trasparenza e trasversalità né con una partecipazione attiva del settore privato. Una gestione che si annuncia approssimativa e che si aggiunge alla complessità territoriale della Spagna, uno stato federale che non osa ammettere di essere tale. Le risorse del Recovery Fund faranno la differenza in ogni caso ma il Paese corre il rischio di non sfruttare appieno questa storica opportunità perché manca dell’orizzontalità e delle competenze di cui l’Italia potrebbe beneficiare.

Il Covid e la successiva crisi hanno colpito duramente tutti e due i Paesi e l’Europa ha mostrato la stessa generosità verso entrambi. Anche così, è probabile che l’Italia colga questa opportunità meglio della Spagna perché in Italia, con la crisi, alcune cose sono cambiate mentre in Spagna, nonostante le roboanti modifiche ministeriali e altri provvedimenti per la stampa, nulla è cambiato. Sánchez è salito al potere prima della crisi e continua a governare come se nulla fosse successo. Cambia tutto in modo che nulla cambi. Tutto deve cambiare perché tutto resti come prima.

Atlantico Quotidiano


Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy