• 14/12 @ 19:58, Day by Day: Roma capitale dell’olio extravergine e Piero della Francesca a San Pietroburgo, di @Ferronix https://t.co/rtOKO0hrb0
  • 14/12 @ 08:27, Da riscrivere la favoletta dei media buoni e di Trump cattivo, di @martinoloiacono https://t.co/kq9QDvfpTB
  • 14/12 @ 08:26, Altro che realismo, su Hezbollah omertà che non fa bene a nessuno e non aiuta la pace, di Dorian Gray https://t.co/OBt9ozSWdn
  • 13/12 @ 11:23, Lo Stato Islamico “de-materializzato” e il futuro della lotta al terrorismo, di Giuseppe Morabito https://t.co/X7a0BVNPYs
  • 13/12 @ 07:30, Israele spartiacque di civiltà: imbarazzante l’impotenza di Unifil, non Salvini su Hezbollah, di @jimmomo https://t.co/MFNLCqhpaf
  • 12/12 @ 17:05, Dal Censis a quegli applausi alla Scala: foto sociali fuori fuoco, di @MaxDelPapa https://t.co/bL1RhzHXtq

Rimuovere le nostre radici non aiuta l’integrazione: al contrario, la ostacola

di Martino Loiacono, in Cultura, Politica, Quotidiano, del

Con la cancellazione del nome di Gesù dalle canzoncine di Natale il politicamente corretto ha raggiunto una delle sue vette più alte. In una scuola di Riviera del Brenta, in Veneto, delle maestre hanno deciso di censurare il suo nome dai canti natalizi per non urtare la sensibilità dei non cattolici. Sennonché una giovane studente, di appena dieci anni, si è attivata e con una raccolta firme ha riportato la situazione alla normalità.

Diciamo la verità: è inutile stupirsi. Ormai nel nome del multiculturalismo più sfrenato è possibile cancellare la propria identità e la propria storia anche con le modalità più subdole e meschine. L’idea di irritare atei e persone di un’altra fede citando semplicemente Gesù fa rabbrividire. Come può il solo nome di un personaggio religioso disturbare i non credenti o gli esponenti di altre religioni? Come è possibile voler rinnegare le proprie radici solo per non turbare qualcuno? Di questo passo, per assurdo, dovremmo abbattere Chiese, monumenti e simboli religiosi. Bisognerebbe altresì depurare tutto il nostro patrimonio artistico-letterario che contiene soggetti legati alla fede. Dovremmo, se portiamo alle estreme conseguenze questo tipo di ragionamento, cancellare il nostro passato perché potrebbe infastidire qualcuno. L’operazione sarebbe molto complicata perché il cristianesimo ha definito l’identità dell’Italia per un lunghissimo periodo. Prima dell’unificazione politica il legame tra le popolazioni della Penisola, oltre che dalla letteratura che rimaneva un fatto piuttosto elitario, era costituito esclusivamente dalla religione.

Insomma, il cristianesimo per l’Italia, prima che una fede, è un elemento identitario imprescindibile. Crocifissi, canti di Natale e presepi hanno un valore storico fondante. Rimuoverli nel nome del multiculturalismo è un eccesso che non si basa sul laicismo, ma su un processo di scristianizzazione forzata. Uno sradicamento violento della nostra identità privo di senso storico. Attenzione: con tutto ciò non si sta affermando che si vuole tornare ad uno Stato confessionale. Si sta semplicemente ricordando il valore del cristianesimo per il nostro Paese. E se un liberale laico come Benedetto Croce affermava che non possiamo non dirci cristiani, forse dovremmo iniziare a porci qualche domanda.

Martino Loiacono


5 risposte a “Rimuovere le nostre radici non aiuta l’integrazione: al contrario, la ostacola”

  1. Maria ha detto:

    Meno male che ci sono i bambini e quelli non ancora intontiti da droghe, amazon e pd! Anche l’islam festeggia Gesù, in Siria, Egitto, Libano fanno tranquillamente il presepe da noi si fa all’opposto perché il medio oriente cerca di modernizzarsi per sbarazzarsi dell’islam politico e noi invece li ostacoliamo annullando noi stessi e i loro sforzi.

  2. Giulio ha detto:

    Faccio notare che ancora una volta nessun bambino o genitore non cristiano (né musulmano) ha chiesto la rimozione di Gesù, del presepe o del crocefisso.
    L’iniziativa è partita sempre da loro, da quelli che odiano il cattolicesimo e il capitalismo da decenni: comunisti e post-comunisti.

  3. Italo Santopietro ha detto:

    Si, ma facciamo qualcosa affinchè questi dementi
    non facciano altri danni e, comunque, visto che sono
    così sensibili (si fa per dire), comincino a non fare il presepe e togliere il crocifisso nella propria casa.
    Che sia sempre maledetto il politicamente corretto !!!

  4. Lucio ha detto:

    Si sta scoprendo l’acqua calda. Veramente la proprietà del politicamente corretto è proprio quella di infischiarsene del buon senso, della logica, della matematica, della grammatica, perfino della realtà stessa.

  5. MICHELE ha detto:

    SONO CRISTIANO CATTOLICO PRATICANTE
    LE NOSTRE TRADIZIONI DA CATTOLICI : DOBBIAMO RENDERLE SEMPRE VIVIBILE
    MICHELE ADDANTE MILANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy