• 20/07 @ 19:09, La solita doppia morale e presunta superiorità antropologica della sinistra, di Max Del Papa https://t.co/kTptom1FaZ
  • 20/07 @ 19:08, La lenta agonia del Venezuela, mentre il mondo resta a guardare, di Francesco Generoso https://t.co/vSEdE5dbBo
  • 20/07 @ 07:03, Le mosse di The Donald: proviamo a fare il punto oltre le curve di ultras, di #RobertoPenna https://t.co/uj9dqhqFhF
  • 20/07 @ 06:19, Day by Day: turismo per risollevare l’economia dei territori colpiti dal terremoto, di #GianfrancoFerroni https://t.co/8BlvxvbCXU
  • 19/07 @ 11:52, Diritto d’asilo e protezione internazionale: numeri, storie e illusioni dei “sedicenti rifugiati”, di #AnnaBono https://t.co/tEsk0A1CIz
  • 19/07 @ 11:22, Quel confronto tra Di Maio e Boccia: lo stato qua, lo stato là, lo stato deve, lo stato può... E la libertà? La lib… https://t.co/JUUtP4VZs7

Occhio all’ideologia della “neutralità della rete”: suona bene, ma colpisce mercato e investimenti, e accresce i poteri dello stato e dei regolatori

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Quotidiano, Rubriche, Rubriche, del

Al di là e al qua dell’Atlantico (inteso stavolta come Oceano: non il nostro piccolo vascello online), c’è una grande discussione, negli ultimi tempi più animata (e faziosa) del solito, sul tema della “neutralità della rete”.
L’espressione – ammettiamolo – suona bene: come suona bene il binomio “open and free” che viene ripetuto come un mantra dai suoi paladini.
In realtà, si tratta di un altro dono – ideologico e avvelenato – dell’era Obama, che speriamo sia sempre più coraggiosamente messo in discussione in tempi trumpiani. Qual era l’assunto? Sotto l’ombrello della “non discriminazione dei contenuti che viaggiano sulla rete” (principio ovviamente condivisibile), imporre una regolamentazione sempre più pervasiva e stringente a carico degli operatori tlc.
Su queste basi, è stata costruita una mitologia di corsie veloci e corsie rallentate, accompagnata da una visione demoniaca degli operatori tlc pronti – così si raccontava – a rallentare qualcosa e ad accelerare qualcos’altro, a imporre nuovi pagamenti e trattamenti peggiorativi, a discriminare i contenuti.

Non solo i sacri principi liberali e pro mercato, ma la semplice esperienza ci dice il contrario: quanto più gli operatori sono liberi e in competizione, tanto più possono offrire servizi migliori, più veloci e meno costosi, agli utenti. Quanto più invece la regolamentazione è occhiuta e pervasiva, tanto più servizio e concorrenza ne soffriranno.
Occhio, allora, perché le cose sono molto diverse da come vengono raccontate. Gli operatori – per definizione – vogliono più consumatori e più fornitori di contenuti a usufruire delle loro reti. Sono invece governi e regolatori i soggetti interessati a un maggior potere pubblico, naturaliter distorsivo del mercato oltre che capace di assicurare un potenziale maggiore controllo su tutti, inclusi gli utenti finali.

La regolamentazione Ue del 2015 non è un successo: per molti versi, ha ostacolato gli investimenti privati che sarebbero ancora necessari (nell’ordine di molte decine di miliardi di euro). Sono state ignorate esperienze di successo (scandinave e svizzere, basate su codici di condotta volontari stabiliti dagli operatori) e si sono invece imposte regole troppo rigide, spesso con serissimi problemi di trasparenza. Risultato? Innovazione sacrificata, e un notevole gap negli investimenti.
L’antica sequenza di battute con cui Reagan irrideva gli statalisti, è dunque purtroppo sempre valida per alcuni: “se qualcosa si muove, tassalo; se si muove ancora, regolamentalo; se non si muove più, sussidialo”. L’opposto di ciò che sarebbe ragionevole fare.
Teniamolo presente anche in Italia, quando questa discussione inevitabilmente si riproporrà. Il punto fermo deve essere: più mercato, meno stato, meno regolazione. Non viceversa.

Daniele Capezzone


2 risposte a “Occhio all’ideologia della “neutralità della rete”: suona bene, ma colpisce mercato e investimenti, e accresce i poteri dello stato e dei regolatori”

  1. Federico Libero ha detto:

    mi sembra che Daniele non abbia affatto centrato il punto.
    Quello che segue è ciò che vogliono che accada in USA, Demand Progress vi si oppone:
    It’s only been 5 days since net neutrality protections officially died, and already AT&T has merged with Time Warner and Comcast announced plans to buy 21st Century Fox for $65 billion.
    This merger mania is the worst-case net neutrality nightmare, with gigantic ISPs buying up content providers to control what we see and do online.
    Considering many Americans lack choice in internet provider and now lack net neutrality protections, these mega-mergers will only make a toxic situation much worse for consumers, leading to fewer choices and higher prices.
    https://demandprogress.org/

  2. Angelo Federico ha detto:

    Difficile dire chi ha ragione al momento. Intanto dalla fusione AT&T e T.W. si creerà un gruppo con un debito fuori misura oltre 180/190 miliardi di difficile sostenibilità. Peggio ancora in un momento di tassi crescenti. Vediamo come finirà. Poi il problema è strutturale. Non c’è niente da fare, fintanto che gli stati saranno delle idrovore di contributi, spenderanno sempre di più di quanto raccolgono, e le tasse non bastano mai; dove potremo mai arrivare? Fallimento, fallimento e fallimento! Oppure facciamo come professano certi economisti tipo Borghi. Stampiamo denaro e risolviamo tutto! Qual è il problema? Per il momento do ragione a Capezzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy