• 02/06 @ 09:13, Gli attacchi a Zangrillo svelano l’ipocrisia: anche gli scienziati, se non sono dei “loro”, vanno zittiti e delegit… https://t.co/zZnpgj44fH
  • 02/06 @ 09:11, Non solo gli attacchi a Salvini e alla Lega, lo scandalo Csm danneggia l’Italia e mina la fiducia nelle istituzioni https://t.co/sXoAouSO1t
  • 01/06 @ 08:04, A carte scoperte, Pechino lancia la sua sfida per soppiantare la leadership Usa: è ora di scegliere con chi stare,… https://t.co/qo6VrpkBQP
  • 01/06 @ 08:02, Ecco i “dimenticati del lockdown”: la protesta è destinata a gonfiarsi e non si potrà liquidare per qualche idea st… https://t.co/E1315O1taW
  • 31/05 @ 09:12, I 90 di Clint Eastwood: la bussola dell’individuo, la diffidenza nei confronti dello stato, contro la “pussy genera… https://t.co/EVXv2Qg3f9
  • 31/05 @ 06:35, Declassificate le telefonate Flynn-Kislyak: nessuna collusione e Obama, Comey e Mueller lo sapevano, di @jimmomo https://t.co/7fZWjzTH97

Non solo neofascisti: l’istinto censorio di Raimo e compagni è scattato anche su alcuni nomi della cultura conservatrice

Avatar di Martino Loiacono, in Politica, Quotidiano, del

Sul Salone del Libro di Torino si sono spesi fiumi di inchiostro. Quel che è stato sottovalutato, però, è che la tentazione censoria non si è sviluppata solo nei confronti della casa editrice Altaforte ma anche nei confronti di altri giornalisti non progressisti. Rileggendo il post di Cristian Raimo apparso su Facebook, e poi rimosso, nel novero delle persone sgradite erano apparsi anche i nomi di Francesco Giubilei, Francesco Borgonovo e Alessandro Giuli. La loro colpa? Essere neofascisti e sostenere un razzismo esplicito.

La logica utilizzata da Raimo per porre nel calderone fascista dei semplici conservatori è pericolosa e fortemente manipolatoria, perché si fonda su un metodo illiberale, derivante dall’utilizzo improprio del termine fascismo. Infatti, accusando l’avversario di fascismo o razzismo, anche quando questi ne è totalmente estraneo, si fa scattare la censura. Il meccanismo innescato è tanto semplice quanto pericoloso: un certo intellettuale non abbraccia le posizioni progressiste che devono essere sostenute, anzi le critica. Quindi è fascista, in quanto si allontana da quella che deve essere la verità ufficiale, ed essendo fascista o razzista deve essere messo a tacere. Non esiste dibattito che tenga, perché il fascismo “non è un’opinione ma un crimine”.

Alla luce di questo ragionamento si coglie quanto il post di Raimo e il sottofondo ideologico che lo accompagna siano pericolosi. Soprattutto in una fase in cui il dibattito pubblico è dominato dalla fascistizzazione dell’esistente. Tutto quello che appare autoritario, antieuropeista o non allineato a certe posizioni progressiste sta diventando fascismo. La categoria che descrive uno specifico fenomeno storico, e una specifica fase della nostra storia, sta ormai perdendo il suo senso per essere utilizzata come strumento di delegittimazione. E così, usando questo termine senza grosse remore si può mettere a tacere l’avversario. Per estrometterlo dal dibattitto pubblico basterà usare la parola magica, ignorandone il complesso significato storico-politico.

Il Salone del Libro di Torino e il post di Raimo rappresentano dunque un pericoloso precedente, che con la fascistizzazione dell’esistente potrebbe diventare un pericolo per quello che oltreoceano chiamano free speech. La preziosa e imprescindibile libertà di parola. Il sale della democrazia.

Avatar

Martino Loiacono


Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy