• 19/10 @ 12:19, In Italia si condona, ma non si affronta il vero problema: non si abbassano mai le tasse, di Roberto Penna https://t.co/DI1CCtz8Fm
  • 18/10 @ 12:34, Bettino Craxi, un nuovo volume di scritti di politica estera: il tempo galantuomo (mai abbastanza) gli restituisce… https://t.co/KfpHcKqSgN
  • 18/10 @ 06:35, L’esperança chiamata Bolsonaro, di Pietro Bassi https://t.co/JuqqTm9HdD
  • 17/10 @ 18:31, Comprendere il caso Khashoggi: perché rompere con l’Arabia Saudita sarebbe un folle autogol, di @jimmomo https://t.co/34neIBm3zw
  • 17/10 @ 18:30, Day by Day: un’immersione nel Mediterraneo a Copenaghen e lo ShowRum a Roma, di Gianfranco Ferroni https://t.co/L6RD75zBoP
  • 17/10 @ 07:35, Cambiano i tempi e gli avversari, ma il fascismo degli antifascisti è quello di sempre, di Max Del Papa https://t.co/VosawbiaSn

Non fate le vittime, senza editori non ci sono media tradizionali. Chi non vuole negoziare con l’editore si faccia una testata online, senza piagnucolare

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Quotidiano, Rubriche, del

Come nei migliori film, premetto la frase: “Ogni riferimento a fatti e personaggi realmente esistenti è puramente casuale”.

Di che si tratta? Sulle terrazze del giornalismo “ufficiale”, va molto di moda la lacrima contro i propri editori. C’è il direttore allontanato, pare, perché l’editore non voleva aggredire preventivamente il Governo. E c’è un altro editore che ha a sua volta preso carta e penna per raccomandare la stessa cosa al suo giornale.

E così, dalle terrazze fisiche alla portineria virtuale di Twitter, da giorni esponenti della stampa “libera e indipendente” (scusate se metto gli aggettivi tra virgolette, ma fanno troppo ridere) si lagnano, soffrono, in qualche caso strepitano.

Hanno censurato per anni ogni opinione estranea al politicamente corretto. Hanno manifestato ostilità a tutte le forme di pensiero non allineato, di dissenso, di opinione alternativa. Hanno gestito le loro testate sulla base di complicità con gli amichetti e di avversione quasi fisica verso altri. Sono stati nominati anche in base ai calcoli politici dei proprietari dei giornali. E in quel caso non si sono lamentati degli editori.

Se però ora subiscono (per qualche giorno, o per la prima volta) ciò che hanno inflitto agli altri per anni, piangono lacrime dolorose, confortati dai vicini di terrazza, inconsolabili pure loro.

Sia detto con rispetto: fate ridere. Senza editori, senza qualcuno che paghi stipendi (e note spese), non si fanno media tradizionali.  Volete essere liberi, volete esprimervi, non volete negoziare la linea con l’editore? Legittimo. Fate come Atlantico, allora: aprite una testata online, con costi di fatto azzerati. Potrete dire quello che vi pare, tutti i giorni, senza limiti: non vi costerà nulla, e potrete farlo senza la paghetta di papà.

Daniele Capezzone


3 risposte a “Non fate le vittime, senza editori non ci sono media tradizionali. Chi non vuole negoziare con l’editore si faccia una testata online, senza piagnucolare”

  1. Concetta Andaloro ha detto:

    Ringrazio Daniele Capezzone per questa breve ma chiara precisazione. La “zona di comfort” leggi stipendio, è sicuramente legata a regole dettate dal contratto sottoscritto con l’editore. La libertà non è comoda, ma è libertà: non ha prezzo, oppure ha il prezzo del mancato stipendio in cambio di clienti che ti devi procacciare per pagare le spese. Ma in tale condizione si è liberi di esprimere i propri concetti e magari di scrivere un po’ di verità.

  2. Vegetti Giovanni ha detto:

    Bravi Daniele, la libertà va conquistata.

  3. Federico Libero ha detto:

    Infatti fare il giornalista, quando la paghetta è sicura, è sempre meglio che andare a lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy