• 21/04 @ 17:11, Day by Day: i ritratti del passato, quando il bianco e nero premia la fotografia, di Gianfranco Ferroni https://t.co/SQHkTgfFPN
  • 20/04 @ 10:09, Il “paradosso” di Pilato: condannare un innocente per assolvere se stesso, di Giuseppe Portonera https://t.co/9YxLmxgbfe
  • 19/04 @ 17:02, SPECIALE ITALYGATE/1 – Tutte le strade del Russiagate che portano a Roma: i casi Mifsud e EyePyramid, di Federico P… https://t.co/Np4FwOGnWU
  • 19/04 @ 14:33, Conclusioni ed equivoci del rapporto Mueller: oltre la cortina fumogena degli inconsolabili Never Trumpers, d’oltre… https://t.co/tn6lzbBGeb
  • 19/04 @ 14:32, L’America non è infallibile, ma quando è assente o resta in disparte, le crisi vanno di male in peggio, di Roberto… https://t.co/XJwzpmEsEC
  • 19/04 @ 07:38, Qualcuno avverta Negri: se le imprese non fanno affari con l’Iran non è per la Lega o la “lobby ebraica”, ma per il… https://t.co/oHoRdMoahH

Moavero, Tria (e Cerretelli): se un pezzo di governo gioca per Bruxelles. Altro che cambiamento, c’è un subgoverno del commissariamento

Avatar di Ettore Lombardi, in Politica, Quotidiano, del

Non c’è da demonizzare, ma da capire, da decifrare quello che accade nella compagine gialloverde al governo. Dove, sin dal primo minuto della nascita del governo, i “partiti” in coalizione sono tre, non due. Oltre alla Lega e al M5S, c’è infatti un transpartito apertamente schierato con Bruxelles (e con il Colle), che segue le indicazioni di un filo, invisibile ma tenacissimo, che lega i desiderata della Commissione ai mitici “paletti” del Quirinale. E non si tratta di figure di secondo piano, ma di primissimo piano: anzi, delle caselle in assoluto più strategiche in qualunque governo occidentale, l’Economia e gli Esteri. 

Alla Farnesina c’è un uomo come Enzo Moavero. Sbagliato sottovalutare il personaggio, o farsi distrarre dall’inconfondibile pettinatura a nido di beccaccia. È un montiano di ferro, un eurocompulsivo, per anni allenato al mantra “ci vuole più Europa”. Perché mai dovrebbe aver dismesso questo approccio? Al Mef c’è Giovanni Tria. Professore rispettabile, ma a sua volta con una continuità di pensiero orientata verso un certo tipo di logica mainstream: “Spostare la tassazione dalle persone alle cose” (tipico mantra di chi la alza sulle cose e si dimentica di abbassarla sulle persone), sempre possibilista sugli aumenti Iva (che invece sarebbero assai negativi), fautore della politica del cacciavite, del piccolo cabotaggio, lontanissimo – insomma – dalla scossa che sarebbe necessaria. E con lui c’è, in veste di portavoce, la mitica Adriana Cerretelli, che per anni sul Sole 24 Ore era addetta alle ramanzine europee contro l’Italia. Perché mai dovrebbero aver cambiato idee, convinzioni, riflessi?

Con figure così nei posti chiave, altro che governo del cambiamento: queste figure rappresentano un subgoverno del commissariamento. In grado di partorire “decreti crescita” che non fanno crescere proprio niente: a meno di appassionarsi alla salita delle previsioni sul Pil dallo 0,1 allo 0,3. 

Avatar

Ettore Lombardi


Una replica a “Moavero, Tria (e Cerretelli): se un pezzo di governo gioca per Bruxelles. Altro che cambiamento, c’è un subgoverno del commissariamento”

  1. Avatar Federico libero ha detto:

    Dei tre la più antipatica e dannosa è comunque la Cerretelli che parla, parla, parla di quanto è bella l’Europa con l’allure di giornalista indipendente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy