• 17/09 @ 17:33, #Muro30 – 3. Ricostruzione, elezioni municipali, partito unico, di Enzo Reale https://t.co/nYGLAmIVdj
  • 17/09 @ 17:32, Il martedì di Capaneo – Il nuovo antifascismo come “ultima risorsa delle canaglie”, di Dino Cofrancesco https://t.co/rdg96k1rge
  • 17/09 @ 09:49, L’attacco di Teheran a Riad è una sfida diretta all’America. Test cruciale per Trump, di @jimmomo https://t.co/c3CR2sK4E2
  • 17/09 @ 09:47, L’ultima battaglia di Netanyahu. Israele di nuovo al voto, di @F_Rossi_ https://t.co/xe1SITjkci
  • 16/09 @ 17:31, Su regole Ue e sbarchi un film già visto e, soprattutto, bocciato sonoramente dal pubblico, di @jimmomo https://t.co/ULmqrxspid
  • 16/09 @ 17:30, A letto con il nemico. Come la liaison Ue-Remainers ha reso Brexit ancor più complessa e il no deal più probabile,… https://t.co/6j34QUOWTx

Lettera a Il Dubbio. Caso Dell’Utri, perché condivido l’appello di Sansonetti

Avatar di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Quotidiano, Rubriche, del

Quella che segue è la lettera di Daniele Capezzone pubblicata ieri dal quotidiano Il Dubbio

In modo reiterato, argomentato e coraggioso, a volte con una sensibilità e una prospettiva culturale diversa dalla mia, il Direttore di questo giornale, Piero Sansonetti, ha meritoriamente tenuto all’ordine del giorno la vicenda di Marcello Dell’Utri. Da ultimo, pochi giorni fa, lo ha fatto rivolgendo un appello garbato, toccante, rispettoso, nei confronti del Capo dello Stato, affinché il presidente Mattarella valuti la possibilità di concedere un provvedimento di grazia. Per quel poco che ciò vale, unisco la mia voce e la mia ideale firma a quell’appello.

Le ragioni giuridiche ci sono, e sono molto solide: Marcello Dell’Utri è stato condannato in base a un reato a dir poco discutibile (il concorso esterno) per circostanze avvenute (comunque le si valuti, nella loro vaghezza) prima dell’introduzione di quella fattispecie

giuridica. Chiunque sia intellettualmente onesto sa che è altissimamente probabile che la Corte europea, quando si occuperà in concreto della vicenda, possa evidenziare la contraddizione e disporre la fine della custodia in carcere.

Le ragioni umanitarie, legate alle delicatissime condizioni di salute (per problemi cardiaci e oncologici) di una persona che non è più un ragazzo, sono di un’evidenza addirittura accecante.

Mi permetto di aggiungere ragioni politiche (sì, politiche) e anche morali (non moralistiche: ma etico-politiche) che dovrebbero essere valutate.  Sul primo versante, è chiaro a tutti che un ciclo politico si stia chiudendo: comunque la si pensi su quei processi e su quelle sentenze, tutti possono – direi: oggettivamente – riconoscere che l’attenzione mediatica e giudiziaria per quel caso è stata legata alla dimensione politica della persona coinvolta. Parliamoci chiaro: se non si fosse trattato di uno dei fondatori di Forza Italia, ci sarebbe stato quel dispiego di mezzi, quella virulenza nella discussione pubblica, quel livello di contrapposizione? Lo ripeto ancora: comunque la si pensi nel merito, è evidente che la “persona” e il “cittadino” Dell’Utri siano finiti (per tutti: amici e avversari, accusatori e difensori!) in secondo piano rispetto al “senatore”, e – prim’ancora e ancor più del “senatore” – rispetto al capo di Publitalia ritenuto una delle menti di un’avventura politica. Perché dunque, tra qualche decennio, quando si rileggerà in modo sereno e distaccato la storia di questi anni italiani, accettare l’idea spiacevolissima che qualcuno si sia dovuto trovare nella veste del capro espiatorio, del prigioniero politico? E’ una preoccupazione che esprimo non tanto per Marcello Dell’Utri, ma per noi tutti, per la Repubblica italiana.

Sul secondo versante, quello morale, mi permetto di dire: perché aspettare la Corte europea, che potrebbe pronunciarsi troppo tardi, a eventi irreparabili già avvenuti, a sofferenze non necessarie che già si accumulano da troppo tempo, non solo per Marcello Dell’Utri, sia chiaro, ma per chiunque si trovi in una condizione anche sanitaria del genere? Credenti o laici, tutti dovremmo riconoscerci in un umanesimo vero, nel rispetto del valore unico e irripetibile di ogni singola persona: per una volta, si potrebbe far prevalere la forza di una decisione coraggiosa rispetto al cinismo della ragion di stato, rispetto all’attesa pilatesca degli eventi, salvo poi – a cose compiute, come spesso si usa – dichiararci tutti addolorati.

Per questo, mi auguro che l’appello di Piero Sansonetti possa essere ascoltato in tempo, con animo libero, e che, per aiutare quell’ascolto, sia da ora largamente sostenuto e condiviso.

Avatar

Daniele Capezzone


Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy