• 19/01 @ 16:05, Ancora sangue in Kenya, ma la Jihad in Africa è ancora sottovalutata, di Anna Bono https://t.co/ODpLU5TMvH
  • 18/01 @ 19:26, Cento anni dopo, la lezione dell’Appello ai liberi e forti di don Luigi Sturzo, di Giuseppe Portonera https://t.co/l2qhPsr7vR
  • 18/01 @ 07:14, Battisti ma non solo: molti i terroristi ancora in fuga dalle proprie responsabilità, di Roberto Penna https://t.co/jZXJBlwM8D
  • 18/01 @ 07:12, Day by Day: Napoli capitale eterna della pizza, a luglio le Olimpiadi, di @Ferronix https://t.co/f66IWcueue
  • 16/01 @ 17:55, Stallo Brexit: come ci siamo arrivati e perché non possiamo permetterci di deridere Westminster, di @jimmomo https://t.co/oXAJnkPpBI
  • 16/01 @ 09:01, L’ecotassa allontana Fca dall’Italia. Investimenti e lavoro a rischio per le smanie ecologiste, di @ric_boccolucci https://t.co/mueSqlfrZR

Legalità, legalità, legalità! Ma a targhe alterne…

di Martino Loiacono, in Politica, Quotidiano, del

Legalità, legalità e legalità. Non ci siamo dimenticati la sinistra antiberlusconiana che era pronta a stracciarsi le vesti per le bricconate del Cavaliere. La legge e l’onestà come unici valori dell’agire politico. Tutto ciò che violava minimamente questi princìpi andava condannato senza se e senza ma. Andava. Perché se la legge, voluta dal “criminale” Salvini (ministro legittimato a governare) e controfirmata dal presidente della Repubblica, non piace, essa può passare in secondo piano. La legge, sì proprio lei, può essere violata. La si può infrangere senza grossi patemi. I sindaci possono agire come più gli piace contravvenendo a quella che fu la sacra legalità. Il tutto ignorando la firma di Mattarella e parlando di legge fascista. Non considerando che un aggettivo del genere avvicina pericolosamente il tanto elogiato presidente della Repubblica a Vittorio Emanuele III. Una follia.

La vicenda lascia attoniti e suscita alcune domande: che concezione della legalità hanno De Magistris (ex magistrato) e Orlando, che con la Rete voleva riportare l’onestà nella Prima Repubblica? E che ne è del senso delle istituzioni?

Salvini è stato aspramente criticato perché porta di continuo la divisa della polizia e per gli eccessi culinari sui social. Giusto. Un ministro dovrebbe limitare determinati contenuti nella sua comunicazione e focalizzarsi più sulla sua attività istituzionale e meno sulla ricerca del consenso. Come peraltro ha iniziato a fare dopo le feste. Ma chi vorrebbe violare o chiede di infrangere le leggi dello Stato ponendosi contro il ministro degli interni non dovrà essere altrettanto biasimato? O tutto gli è concesso perché le leggi sono state pensate dall’odiatissimo Salvini? Il doppiopesismo non regge. La legalità e il senso delle istituzioni dovrebbero valere sempre e comunque. A destra e a sinistra. Tra i populisti e gli antipopulisti. Se invece funzionano a targhe alterne e sono strumentalizzabili, tutto diventa lecito e si scivola nel caos.

In tutta questa diatriba, insomma, manca la sacrosanta distanza tra la propaganda elettorale e le istituzioni. L’amministrazione richiede serietà e adesione allo Stato e alle sue leggi. Tutto ciò, lo ripetiamo ancora, vale per Salvini ma dovrebbe valere anche per i sindaci ribelli.

Martino Loiacono


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy