• 09/08 @ 08:43, Prove di regime: i pieni poteri, la intolleranza dei tolleranti, la ferocia dei “buoni”, il silenzio-assenso di Mat… https://t.co/24XJss8lYd
  • 09/08 @ 08:42, Democrazia amputata: nell’indifferenza generale, si avvicina il referendum sulla riforma che taglia i parlamentari,… https://t.co/yGVrok2abb
  • 06/08 @ 14:33, I possibili scenari dietro l’esplosione che ieri ha scosso Beirut https://t.co/dAJcT7l6c3
  • 06/08 @ 14:32, I Paesi di Visegrad difendono dall’immigrazione incontrollata la loro identità repressa dal comunismo, di Michele M… https://t.co/v8lOfEO9A7
  • 04/08 @ 17:50, La comicità involontaria del politicamente corretto: la Cnn degrada le donne a “individui con la cervice”, di Matte… https://t.co/5gZlZMhxXR
  • 04/08 @ 17:49, Forze speciali egiziane in Siria? Sarebbe un’altra prova della tensione tra Turchia ed Egitto https://t.co/amJ2kAlAWP

Le parole di Johnson, la disonestà dei nostri fake media e il vero piano Uk contro il coronavirus

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Media, Quotidiano, del

Ci risiamo. Dopo il Johnson ignorante, quello che mette i piedi sul tavolo dell’Eliseo davanti a Macron – qualcuno ha davvero creduto non fosse uno sketch – e quello, ovviamente, razzista, siamo a una nuova puntata della sagra anti-Boris, quella che vede il premier britannico nella parte del Populista Senza Cuore (PSC) che vorrebbe addirittura che i suoi concittadini si “abituassero a vedere i loro parenti morire”. Peccato che la frase incriminata sia stata ben diversa: “More families will lose their loved ones”, “altre famiglie perderanno i loro cari”. Non, si abituino. Ma d’altronde, può il premier di una nazione come la Gran Bretagna auspicare un genocidio della sua stessa popolazione?

In molti, specie sulla stampa sino-eurofila, stanno criticando la posizione assunta dal Governo Johnson nella lotta al coronavirus come se fossero tutti virologi, immunologi o avessero le risposte esatte alla drammatica crisi sanitaria in tasca. Alcuni accusano anche il premier di volere occultare la realtà, anche se allo stesso tempo lo accusano di essere troppo brutale nel comunicarla ai cittadini britannici.

Il Regno Unito si sta comportando in modo diverso rispetto all’Italia e ad altri Paesi europei, vero. Nessuno può dire con certezza ora se le misure prese da noi o quelle che ha preso – e prenderà – l’Inghilterra porteranno a un contenimento dei contagi, dei decessi e dei guariti da Covid-19. È lecito sperare che in entrambi i casi le cose vadano per il meglio. Nella conferenza stampa di giovedì Johnson è stato affiancato dallo Scientific Advisor del governo, Sir Patrick Vallance, che ha esposto le motivazioni della strategia del Regno Unito nella lotta al virus. Siamo entrati nella seconda fase, definita delay, dopo che la prima denominata containment si è ritenuta superata. La fase delay prevede misure per ritardare il picco del virus – previsto in Uk tra 10/14 settimane – e l’imposizione di 7 giorni di auto-quarantena per tutti gli individui che soffrono di tosse, leggera febbre e raffreddore. Sono allo studio misure di restrizione dei movimenti e delle libertà personali come la chiusura di scuole, atenei e mezzi di trasporto, ma al momento il consiglio degli scienziati è quello di lasciare tutto così com’è. Critiche nei confronti di questo approccio – per alcuni troppo soft – sono state espresse anche all’interno dello stesso Parliamentary Party conservatore, con l’ex sfidante di Bojo alla leadership del partito, Jeremy Hunt, che ha manifestato la sua preoccupazione per la situazione.

D’altronde, in democrazia funziona così. C’è una maggioranza e ci sono le opposizioni, e spesso anche dissonanze all’interno della stessa maggioranza. In questi giorni stiamo assistendo alla beatificazione della Cina e del modello cinese in un curioso ribaltamento della realtà reso possibile solamente grazie al Minculpop del governo che preferisce fare passare l’Italia come untore globale del coronavirus piuttosto che accusare Xi e compagnia comunisteggiante di poca trasparenza nella gestione e nella comunicazione dell’emergenza; che preferisce additare Johnson come Tiranno Senza Cuore della Perfida Albione – terra ribelle all’Unione più sgangherata che la storia ricordi e quindi da punire e sputtanare sotto ogni punto di vista – e non accorgersi che, al momento, purtroppo, a morire a migliaia sono i nostri cari (fortunatamente ci sono solo 10 vittime nel Regno Unito per il coronavirus); che preferisce, senza alcuna certezza, definire folle le idee non tanto di Johnson a cui sono attribuite, ma di un comitato di esperti medico-scientifici che sta affiancando il primo ministro in questa crisi.

Johnson dice che non si tratta di una normal flu e tutti scrivono che la tratta come una normale influenza; Johnson impone 7 giorni di quarantena per chi è raffreddato e tossisce, e i media scrivono che la quarantena per il coronavirus è di 14 giorni (infatti: per il coronavirus, non per chi ha un semplice raffreddore). I professionisti della mistificazione non vedono l’ora di gridare Dio stramaledica gli inglesi! ma alla fine Dio – o chi ne fa le veci – dovrebbe stramaledire i propalatori di fake news: nei casi migliori mentono sapendo di mentire. In quelli peggiori finiscono per credere alle loro stesse bugie.

Avatar

Daniele Meloni


Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy