• 16/06 @ 10:11, L’ultima mossa di Salvini: “liberare” il denaro dicendo basta ai limiti al contante, di @Ferronix https://t.co/3IHlZmki6x
  • 16/06 @ 10:10, In Lombardia come a Roma: Lega e Movimento 5 Stelle non si filano, ma senza obblighi contrattuali se le danno di sa… https://t.co/8zZ5nncDy6
  • 15/06 @ 06:46, Usa-Cina, non si può pensare di non scegliere. La contesa è geopolitica, non solo tecnologica, di Ettore Lombardi https://t.co/ue9yMYCVh7
  • 14/06 @ 18:51, I candidati Tories si presentano: non solo Brexit nell’agenda del prossimo inquilino di Downing Street, di Dario Ma… https://t.co/7QA2UCY7NI
  • 14/06 @ 18:49, Un terzo partito al governo e Salvini al bivio: all-in o cottura a fuoco lento, di @jimmomo https://t.co/6vSDqBzLGM
  • 13/06 @ 06:04, Se la Storia non ha più insegnanti, di Franco Carinci https://t.co/iIxXC3pkra

La trappola tesa a Scruton dalla polizia del pensiero unico politicamente corretto: una minaccia per la libertà d’espressione

Dario Mazzocchi di Dario Mazzocchi, in Cultura, Politica, Quotidiano, del

È solo l’ultimo in ordine di tempo a finire nella rete da caccia alle streghe che coinvolge politici, scienziati, studiosi, accademici e personaggi pubblici “inquisiti” per le loro posizioni ritenute offensive e fuori luogo, obsolete e degradanti, ma non per questo il fatto desta meno scalpore – e preoccupazione per una tendenza inquisitoria che non lascia scampo e diritto di replica. Mercoledì il governo britannico ha infatti rimosso dal ruolo di consigliere per il Ministero dell’edilizia abitativa il filosofo Roger Scruton, una delle menti contemporanee più vivaci e brillanti, nonché punto di riferimento del pensiero conservatore moderno.

I “commenti inaccettabili” che gli sono costati la testa si riferiscono ad un’intervista rilasciata alla rivista New Statesman, nella quale Scruton ha espresso dubbi sull’operato in Ungheria di un ambiente che ruota attorno alla figura del filantropo George Soros (ebreo di origine magiare), e sulla propensione del Partito comunista cinese a rendere la popolazione un insieme di robot, dove ogni individuo è il replicante dell’altro, e infine sul concetto di islamofobia, introdotto secondo il pensatore britannico nel linguaggio contemporaneo dal movimento dei Fratelli musulmani con l’intento di “bloccare qualsiasi discussione su temi importanti”.

Un linguaggio degno di un suprematista bianco, secondo la critica mediatica che si è sollevata, puntuale come una bomba ad orologeria, in attesa di cogliere sul fatto chi non si adegua ai canoni previsti dallo schema in vigore nel confronto di idee, un mix di politicamente corretto e vittimismo. Una trappola orchestrata ad hoc per la soddisfazione di George Eaton, il vicedirettore del New Statesman, che si è occupato dell’intervista e che si è fatto ritrarre su Instagram intento a bere champagne dopo aver saputo del licenziamento – per poi cancellare il post. Un agguato intellettuale vero e proprio.

Eppure, le posizioni di Scruton sono da sempre note: è sulle scena da anni ed è autore di diverse pubblicazioni, nonché dell’opera “How to be a Conservative” (2014), all’interno della quale passa ai raggi X il mondo culturale islamico e le sue contraddizioni (“Il fatto che l’Islam ponga la religione al di sopra del concetto di nazionalità come elemento per testarne l’appartenenza rappresenta una minaccia all’ordine politico”). Le alzate di sopracciglio postume sanno solo di ipocrisia, atteggiamento che preclude qualsiasi forma di dibattito: ma il fatto di sentirsi offesi per le opinioni discordanti di qualcuno non significa essere necessariamente dalla parte della ragione.

L’imbarazzo che inoltre è trapelato da comunicati e dichiarazioni con le quali gli ambienti governativi di Londra hanno voluto interrompere qualsiasi rapporto con Scruton indicano come questa debolezza di pensiero stia trovando purtroppo spazio anche all’interno degli stessi ambienti conservatori, dopo aver intaccato da tempo quelli progressisti e universitari dove ha trovato linfa vitale per crescere e moltiplicarsi.

La procedura prevede che al povero malcapitato non venga concessa alcuna obiezione, al più verranno accettate solo le scuse – peraltro improbabili da parte del filosofo, che preferirà starsene tranquillo nella sua abitazione immersa nelle campagne del Wiltshire. A noi tocca al contrario assistere preoccupati al cortocircuito in atto nel quale i diritti (tra cui quello di espressione) non sono più innati, ma attribuiti da un gruppo all’altro: da quello che li detiene (elitario e supponente, predicatore di falso liberalismo e presunte pari dignità) a quello di chi aspira a farne parte, un po’ per convinzione, un po’ per spirito di sopravvivenza alle perquisizioni casa per casa.

Dario Mazzocchi

Dario Mazzocchi

Giornalista, nato a Piacenza, vive in Lombardia. Guareschiano, conservatore. Insegna anche inglese.

4 risposte a “La trappola tesa a Scruton dalla polizia del pensiero unico politicamente corretto: una minaccia per la libertà d’espressione”

  1. Avatar Nuccio Viglietti ha detto:

    ILGATTO adora i commenti inaccettabili…il politicamente corretto ci da il voltastomaco lo lasciamo ai frollati cervelli del bipede idiota “prograssista”.
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  2. Avatar Stefano Ricci ha detto:

    Condivido -quasi- pienamente l’articolo. Il “quasi” è rifferito alla pessima abitudine che sinceramente puzza di pregiudizio, sull’indicare imancabilmente come “ebreo di origi magiare” Soros (eventualmente sarebbe un magiaro di religione ebraica), come se l’appartenere ad una religione o meno sia un’inidicazione in più sull’operato. Non si è mai sentito dire “Macron il Cattolico di origine francese”, “Merkel la Luterana di origine tedesca” o “May l’Anglicana di origine britannica”: manca solo “I protocolli dei savi di sion” e siamo a posto.

  3. Dario Mazzocchi Dario Mazzocchi ha detto:

    Lontano da me qualsiasi forma di pregiudizio nei riguardi di Soros in quanto ebraico o di qualsiasi altra persone di religione ebraica. “I protocolli dai savi di Sion” non fanno parte della mia biblioteca. La prossima volta staro’ piu’ attento – così evitiamo tutti una forma di pregiudizio.

  4. Avatar Stefano Ricci ha detto:

    Grazie per la tempestiva risposta: non era un appunto diretto alla persona, a Lei, ma era una semplice considerazione su un andamento generale e diffuso, purtroppo: è evidente che nella sua biblioteca non compare, se non -suppongo- per studio, “i protocolli” come nella mia per lo stesso motivo compare “La Mia Battaglia”. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy