• 25/06 @ 19:04, Il caso Sea Watch smaschera le tecniche di informazione faziosa dei giornaloni cosiddetti “indipendenti”, di Franco… https://t.co/HPY0wLczAq
  • 25/06 @ 19:02, Il caso Boris Johnson: gli scandali politico-sessuali nell’era del metoo (ma sempre a senso unico), di… https://t.co/95aNNapE8j
  • 24/06 @ 12:34, Tra Libia e Algeria, le alternative energetiche dell’Italia, di Francesco Generoso https://t.co/SMRtVMtpBM
  • 24/06 @ 12:33, Benedetto Croce e il liberalismo conservatore: vittime dell’operazione mistificante delle élites progressiste, di F… https://t.co/MWnF4UIbGa
  • 22/06 @ 08:51, Trump non abbocca alle provocazioni di Teheran e resta focalizzato sulla sua strategia di “massima pressione”, di… https://t.co/zXONVIVAXA
  • 22/06 @ 07:02, Ebola riattacca l’Africa: servizi sanitari carenti, ignoranza e conflitti non aiutano a contrastare l’epidemia, cdi… https://t.co/cxVVvrybmh

Dazi, immigrazione, Brexit: verso la fine dell’integrazione europea

Avatar di Alberto de Sanctis, in Esteri, Quotidiano, del

Ombre oscure aleggiano sul futuro del progetto europeista. Dallo shock per i dazi americani su acciaio e alluminio alle contrapposizioni interne sul tema migranti, mai come in questa fase storica il sogno di un continente unito appare fragile e in pericolo. Concepito come un esperimento per legare Francia e Germania dopo i massacri novecenteschi ed esorcizzare lo spettro di ulteriori bagni di sangue, oggi questo nobile progetto ha scoperto i suoi limiti strutturali, al punto che persino l’idea di trasformare l’Europa in un soggetto geopolitico capace di confrontarsi alla pari con Stati Uniti e Cina appare tutto fuorché realizzabile.

Lo dimostrano le profonde lacerazioni che contrappongono i tre più importanti partner continentali. Da una parte c’è la Francia, leader ambizioso ma privo di veri alleati, che, come da tradizione, preme con forza per una riforma dell’Unione in senso favorevole ai propri interessi nazionali, complice l’evidente introversione tedesca. Dall’altra l’Italia, con un nuovo governo a trazione populista desideroso di attuare le roboanti promesse elettorali e che guarda con scaltro interesse ai mutamenti di potere in atto fra i due pesi massimi continentali. Nel mezzo, la Germania: minacciata dalle tensioni governative fra i partner di coalizione sul tema migranti e colpita al cuore dall’offensiva dell’amministrazione Trump sui dazi. L’obiettivo di Washington è lo stesso perseguito da qualsiasi governo americano da inizio Novecento a oggi: dividere gli europei per isolare la Germania e impedirle di consolidare la sua presa egemonica sul resto del continente. Per chi avesse dubbi a riguardo, di recente il ministro degli esteri tedesco ha parlato apertamente della necessità di costruire un’Europa post-atlantica…
Nel mentre, aumentano le lacerazioni intra-europee. A est dell’Oder è in atto la fronda degli ex paesi comunisti contro Bruxelles, con i partner euro-orientali per nulla convinti di dover rinunciare alle proprie specificità nazionali per abbracciare l’idea europeista di una progressiva e crescente integrazione, né tantomeno di dover salire sul carro di un super-Stato europeo costruito a uso e consumo di Berlino. È forse un caso che governi e cittadini di questi stessi paesi continuino a guardare a Washinton come all’unico referente possibile per la loro sicurezza? Ca va sans dire, in chiave tanto antirussa quanto antitedesca.

Le cose non vanno meglio sull’altro versante atlantico. Il voltafaccia britannico col referendum sulla Brexit resta forse l’esempio più fulgido delle tiepide – per non dire nulle – capacità seduttive dell’Unione, cosa peraltro comprovata in tempi più recenti anche dalle elezioni politiche italiane dello scorso 4 marzo. Mentre nella penisola iberica, caduto l’esecutivo filoeuropeo di Rajoy, una strana coalizione fra socialisti e indipendentisti baschi e catalani rischia di spianare la strada al tracollo definitivo del millenario impero castigliano.

Con un’instabilità via via crescente, le possibilità di rimettere in moto il cammino dell’integrazione europea sembrano un lumicino prossimo allo spegnimento.

Avatar

Alberto de Sanctis


2 risposte a “Dazi, immigrazione, Brexit: verso la fine dell’integrazione europea”

  1. Avatar marco bianchi ha detto:

    Se l’intento era quello di un rapporto non conflittuale tra Francia e Germania si facessero loro una unione,a loro uso e consumo. Se quello di rendere europea la Germania,si è ottenuto l’opposto. Ha funzionato sempre per i prevalenti interessi tedeschi,con una piccola diarchia franco-tedesca.Nessuno vuole il superstato.Già ci è bastata e avanzata la burocrazia della ue di oggi.La sua smania di allargamento ha creato un sacco di problemi,inserendo sempre più paesi “poveri “.Alla sua grande arroganza si accompagna una grande irrilevanza. Ha beneficiato,a costì bassissimi,della copertura Usa.È alleato quando conviene,un pò come la Turchia. Vuol gareggiare con le grandi potenze?Tiri fuori i soldi.Ma rimarrà sempre irrilevante.E una cosa che dovrebbe comunque cessare è la subordinazione della nostra Costituzione ai trattati e alle decisioni ue.Cosa che non avviene per la Germania. E sappiamo che molte norme sono anticostituzionali.Anche se presidenti della repubblica,che hanno giurato sulla nostra Costituzione,sembrano pensare il contrario.

  2. Avatar Angelo Federico ha detto:

    Ciò dimostra il fatto che questo tipo di aggregazioni vanno fatte tra paesi con parametri simili. Potevano cominciare tre o quattro paesi tipo Francia, Germania, Olanda, Danimarca e forse G.B. poi una volta raggiunti determinati livelli di bilancio ed economici uno alla volta, gli altri. Hanno fatto un casino, ora si rischia la disgregazione e gli altri godono. Tuttavia chi godeva al momento di questa coalizione e non gli pareva vero, erano i sinistri come Prodi e D’Alema che di botto si sono visti quasi azzerare, i costi delle loro forsennate spese pubbliche. Una scena da teatro Petroliniano. Ah!Ah!Ah! Ma, non c’è limite al peggio e alla deficienza della sinistra, neppure questo è bastato! Ancor di più si sono tuffati in ulteriori spese disastrose. Meriterebbero veramente la galera. Tutto il PD! Caro Capezzone, che ci leggi, come parlamentare non dovresti neppure rivolgere la parola a questi degenerati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy