• 19/10 @ 12:19, In Italia si condona, ma non si affronta il vero problema: non si abbassano mai le tasse, di Roberto Penna https://t.co/DI1CCtz8Fm
  • 18/10 @ 12:34, Bettino Craxi, un nuovo volume di scritti di politica estera: il tempo galantuomo (mai abbastanza) gli restituisce… https://t.co/KfpHcKqSgN
  • 18/10 @ 06:35, L’esperança chiamata Bolsonaro, di Pietro Bassi https://t.co/JuqqTm9HdD
  • 17/10 @ 18:31, Comprendere il caso Khashoggi: perché rompere con l’Arabia Saudita sarebbe un folle autogol, di @jimmomo https://t.co/34neIBm3zw
  • 17/10 @ 18:30, Day by Day: un’immersione nel Mediterraneo a Copenaghen e lo ShowRum a Roma, di Gianfranco Ferroni https://t.co/L6RD75zBoP
  • 17/10 @ 07:35, Cambiano i tempi e gli avversari, ma il fascismo degli antifascisti è quello di sempre, di Max Del Papa https://t.co/VosawbiaSn

La Difesa nella NaDef: confermata la centralità Nato e Ue, ma la spesa sia intelligente

di Davide Ricciardi, in Esteri, Quotidiano, del

Cosa prevede per la Difesa la nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (Def) inviata nei giorni scorsi in Parlamento dal Governo italiano? Alcune considerazioni. Nel documento si toccano diversi ambiti riguardanti la Difesa, tra cui i rapporti internazionali in ambito delle alleanze, sviluppo e ricerca, cybersecurity e spesa militare.

La centralità di Nato e Unione europea, leggasi per quest’ultima Politica di Sicurezza e Difesa Comune (PSDC) Cooperazione Strutturata Permanente (Permanent Structured Cooperation – PESCO), Fondo Europeo della Difesa (European Defence Fund – EDF), Programma Europeo di Sviluppo Industriale per la Difesa (European Defence Industrial Development Programme – EDIDP), sono confermate. Segnale che, a scapito di espertucoli che già immaginavano l’Italia come una succursale del Cremlino, il Belpaese rimane solidamente al fianco degli Usa e mantiene una visione atlantica ed europea.

Dal punto di vista della partecipazione alle operazioni estere da parte delle Forze Armate nostrane si desume una conferma di quella che è stata la politica – condivisibile – del precedente esecutivo, ovvero il mantenimento degli attuali contingenti militari con diminuzione graduale in Iraq ed Afghanistan. E’ noto inoltre che si sia avviata recentemente anche la missione di addestramento a favore delle forze armate del Niger da parte di soldati italiani.

Per quanto riguarda il settore ricerca e sviluppo è evidente l’intenzione dell’esecutivo di coinvolgere – cito testualmente – “tutte le componenti del sistema paese”, auspicando un’azione corale tra difesa, industria e mondo accademico. L’intenzione è condivisibile, ma non deve tramutarsi in un onere maggiore per la ricerca universitaria i cui fondi non sono certamente ai livelli degli altri paesi occidentali, né deve portare la ricerca per la Difesa a fare passi indietro perché i gap tecnologici in questo ambito si pagano caramente e si colmano con lentezza maggiore agli altri settori.

La parola d’ordine per quanto concerne la spesa è “razionalizzazione delle risorse economiche” intesa come “taglio di spese militari inutili” – come affermato di recente dal vicepremier Di Maio – eliminando quindi sprechi e duplicazioni. Queste argomentazioni sono certamente condivisibili, ma vanno in contrasto con un altro argomento del Def che riguarda la Difesa: le capacità militari utilizzate a molteplice scopo, quello che fino a poco tempo fa si chiamava dual-use delle Forze Armate, operazioni come “Strade Pulite” in Campania sono un esempio di questo tipo di impiego. La contrapposizione tra la lotta allo spreco e alle duplicazioni deve sì avvenire all’interno delle Forze Armate, ma non può consentire la replica di servizi che sarebbero appannaggio di altre istituzioni o partecipate, perché, detta in parole povere, questi servizi verrebbero “pagati due volte” dal contribuente. In una contingenza economica come quella attuale, non ce lo potremmo permettere.

Rimanendo in tema di spese, bisogna sottolineare che il fondo europeo per la Difesa e gli altri contributi provenienti dalle cooperazioni internazionali non sono alternativi alla spesa nazionale ed anzi in alcuni casi vengono elargiti solo se è assicurato un determinato investimento da parte della nazione. L’esecutivo dovrà tener conto di queste considerazioni se non vogliamo ritrovarci a difendere i confini nazionali e partecipare agli impegni internazionali con lacune tecnologiche che relegherebbero l’Italia ai margini delle coalizioni e metterebbero a repentaglio la sicurezza dei cittadini.

Davide Ricciardi

Analista strategico. Ha operato per anni nell’ambito dell’ONU e della NATO in Medioriente e nei Balcani.

Una replica a “La Difesa nella NaDef: confermata la centralità Nato e Ue, ma la spesa sia intelligente”

  1. Antonio ha detto:

    Al di la del problema migranti e della collegata sicurezza interna, l’argomento difesa riguarda principalmente il ruolo che il nostro Paese vuole avere nel panorama internazionale, e in particolare in Mediterraneo, a difesa dei nostri interessi strategici.
    L’appartenenza ad alleanze come la NATO, UE, non ci garantisce tale difesa e la guerra in Libia, come le altre intraprese dalla NATO o le sanzioni alla Russia, hanno dimostrato come tali appartenenze favoriscano principalmente gli interessi dei paesi leader, trascinando quelli come l’Italia che, dietro l’assicurazione di una copertura contro il nemico comune comunista/russo, vengono trascinati in imprese prive di alcun ritorno positivo per il Paese.
    Partendo da tale assunto l’investimento nel comparto difesa è sempre stato inadeguato oltre che politicamente scorretto, specialmente con i governi di sinistra, quelli che maggiormente hanno impegnato il paese in missioni (termine per non parlare di guerra) sbagliate.
    E’ noto a tutti che uno strumento militare credibile ed efficace è di fondamentale importanza nella politica estera di un paese.
    L’Italia dovrebbe guardare soprattutto al Mediterraneo dove non c’è solo l’ “amica” Francia ad operare furbescamente per i propri interessi nazionali, infischiandosene delle alleanze. Ma anche l’alleato (chissà per quanto ancora) Turchia non esita a sgomitare quando gli fanno gola i giacimenti energetici sui quali le nostre imprese hanno legittimi interessi.
    Turchia che alcuni Think Tank danno come possibile causa di un futuro conflitto allargato (per non dire mondiale) a causa delle mire del sultano.
    Continuando su questa linea di riduzione degli organici e degli investimenti nella difesa resteremo un paese marginale, incapace di sostenere il ruolo politico, economico e anche culturale che gli compete a livello internazionale.
    Non si tratta di orgoglio nazionale, ma di senso dello stato e spirito di Patria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy