• 01/05 @ 08:02, Al “cuore” del caro-energia: il rischio estinzione di massa delle imprese e le possibili soluzioni, di Mario Menich… https://t.co/CHABASUhfM
  • 23/04 @ 11:16, Berlino rinuncerà mai al gas russo? Le promesse tedesche sembrano scritte sull’acqua, di Musso https://t.co/QWQOAc63tw
  • 21/04 @ 16:03, Putin, la Chiesa ortodossa e la dottrina del Russkij Mir per “rieducare” il mondo, di Michele Marsonet https://t.co/RZ4QllB5Jg
  • 21/04 @ 16:02, Draghi si vanta e la “libera informazione” non oppone un fiato, di Max Del Papa https://t.co/cnkz3HXBqh
  • 13/04 @ 19:56, Quando parlare delle Foibe era vietato: intervista a Daniele Moro, di Nathan Greppi https://t.co/nIJrCSB7JV
  • 13/04 @ 19:56, Putin & Friends: viaggio nel sottobosco dei putiniani italiani, di Fabrizio Baldi https://t.co/ufRBnryeOC

Il giallo della lettera che annuncia il ritiro Usa dall’Iraq: errore o messaggio a Baghdad?

di Federico Punzi, in Esteri, Quotidiano, del

Giallo nella serata di ieri a Washington su una lettera non firmata del comando Usa a Baghdad in cui si comunica al Ministero della difesa iracheno un riposizionamento di truppe in vista dell’uscita dal Paese come richiesto dal Parlamento. Il segretario alla Difesa Usa Esper ha smentito: “Nessuna decisione di lasciare l’Iraq”. Il Joint Chiefs Chairman, generale Milley, ha spiegato che si è trattato di una “bozza” circolata “per errore”, aggiungendo “an honest mistake… it should not have been sent”.

Caos e divisioni all’interno dell’amministrazione Trump? Può darsi. Il punto però è cosa avranno pensato a Baghdad: un errore o un messaggio indirizzato proprio al governo iracheno? In questo secondo caso, Trump potrebbe aver voluto far passare il messaggio che è pronto ad andarsene (e sanzionare l’Iraq) prima e a prescindere da una richiesta ufficiale firmata dal primo ministro iracheno Mahdi. Come a dire: se qualcuno a Baghdad o a Teheran crede di avere una leva negoziale dopo il voto del Parlamento iracheno, si sbaglia, bluff chiamato.

E in effetti, il testo della lettera è strano per una comunicazione militare che dovrebbe dare seguito a decisioni politiche. Si apre e si chiude con riferimenti al “dovuto rispetto della sovranità dell’Iraq, come richiesto dal Parlamento…” e alla “vostra decisione sovrana”, che appaiono più consoni ad una interlocuzione come minimo a livello di ministri. Improbabile poi che una simile decisione non sia annunciata dal presidente Trump in persona, magari via Twitter.

Un messaggio, forse, anche alle componenti sunnite e curde del Paese. Un ritiro Usa, infatti, significherebbe il venir meno di qualsiasi argine al controllo militare dell’Iraq da parte di Teheran e delle milizie sciite filo-iraniane già molto potenti. Uno scenario in cui si rafforzerebbero le spinte centrifughe, dal momento che difficilmente sunniti e curdi – i cui deputati non hanno partecipato l’altro giorno al voto sulla richiesta di uscita dal Paese delle forze occidentali della coalizione anti-Isis – se ne starebbero con le mani in mano.

Federico Punzi

Thatcherite. Anti-anti-Trump. Anti-anti-Brexit. Direttore editoriale di Atlantico. Giornalista per Radio Radicale, dove cura le trasmissioni dei lavori parlamentari e le rubriche Speciale Commissioni e Agenda settimanale. Ha pubblicato "Brexit. La Sfida" (Giubilei Regnani, 2017)

Atlantico Quotidiano © 2022, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy