• 17/01 @ 19:16, E se il generale Soleimani fosse diventato troppo ingombrante anche per l’Iran? di Dorian Gray https://t.co/NVvqJRnNOl
  • 17/01 @ 12:38, Altro che sovranista ante litteram, Bettino Craxi voleva più Europa. E la ottenne https://t.co/yV4lxrxIjb
  • 17/01 @ 08:18, Referendum elettorale troppo manipolativo, ma la Consulta può manipolare la Costituzione a suo piacimento e conveni… https://t.co/K5CWZ5BkHP
  • 16/01 @ 19:19, La nuova vita del principe Harry: lontano dalla famiglia in cui è cresciuto per rincorrere Meghan, di Dario Mazzocc… https://t.co/JxChRE1PxO
  • 16/01 @ 19:15, L’Ue pronta ad accogliere la Scozia per ripicca, ma Johnson dice no Indyref2, di Daniele Meloni https://t.co/CQFEylAch0
  • 16/01 @ 19:14, Ecco perché non c’è separazione tra Repubblica Islamica e i gruppi terroristici che finanzia e arma, di Dorian Gray https://t.co/9yIJx8yRwe

Gli iraniani insorgono al grido libertà, l’Occidente non sa più cosa farsene

Avatar di Enzo Reale, in Esteri, Quotidiano, del

Sono anni che gli iraniani reclamano l’attenzione di un occidente distratto e ripiegato su se stesso, incapace di fare sue le istanze di liberazione che periodicamente si alzano dalle piazze della Repubblica Islamica. Non esiste in Medio Oriente una coscienza civile paragonabile a quella dei giovani sudditi dell’ayatollah Khamenei, che guardano ancora alle democrazie liberali del mondo capitalista come a un modello di dignità e di riscatto sociale. Un tesoro di cui, per miopia, codardia e insipienza politica, purtroppo non sappiamo che farcene. Eppure di occasioni ne abbiamo avute: dalle proteste massive del 2009 in occasione della contestata vittoria di Ahmadimejad nelle elezioni presidenziali, alle rivolte del dicembre 2017 in varie località del Paese, nate inizialmente in contrapposizione alle politiche economiche del governo ma trasformatesi immediatamente in rivendicazioni politiche.

Ma quella che sta vivendo l’Iran dalla metà di novembre è certamente la maggior ondata di manifestazioni anti-regime dalla conquista del potere da parte dei fondamentalisti islamici, quarant’anni fa. La scintilla questa volta è stata l’aumento improvviso del prezzo del carburante, decisa dal governo il 15 novembre scorso, con incrementi dal 50 al 200 per cento. Ufficialmente la misura è una risposta alla crisi economica aggravata dalle sanzioni imposte da Stati Uniti ed Europa per un ritorno ai negoziati sul nucleare. È facile però immaginare la ripercussione di un provvedimento di questo tipo su una popolazione in debito d’ossigeno, sia dal punto di vista delle possibilità materiali che da quello delle libertà individuali. E infatti la protesta, estesa a vari centri urbani ma inizialmente pacifica, ha subito assunto come da tradizione un carattere spiccatamente politico, con consegne e slogan diretti ai massimi mandatari del Paese: il presidente Rouhani e la suprema autorità religiosa Khamenei. “Morte ai dittatori”, “Non per Gaza né per il Libano, le nostre vite solo per l’Iran”, “Vogliamo la fine della Repubblica Islamica”: queste le parole d’ordine che nei giorni successivi all’annuncio del governo hanno risuonato in ventinove delle trentuno province del Paese, tra blocchi stradali e scontri di piazza.

Nonostante il black-out informativo imposto dal regime, che ha interrotto i collegamenti Internet, le notizie della repressione sono trapelate negli ultimi giorni proprio attraverso la rete: video diffusi clandestinamente hanno testimoniato la dura reazione della polizia e delle squadre paramilitari contro la popolazione civile in varie località del Paese. Il che dimostra da una parte l’estensione della rivolta, che si è sviluppata a livello nazionale, e dall’altra la natura criminale della dittatura fondamentalista, dai cui vertici è giunto l’ordine esplicito – e ormai confermato anche da fonti ufficiali – di sparare sui manifestanti. I primi incidenti gravi si sono verificati nel corso dei blocchi stradali nella città delle rose, Shiraz. Il bilancio finale, secondo le organizzazioni umanitarie, parla di una sessantina di morti ma le cifre sono suscettibili di revisione al rialzo, considerata la difficoltà di verificare sul campo l’entità della reazione governativa. In molti casi, da quel che è emerso dalle testimonianze dirette raccolte dagli inviati internazionali, si è trattato di vere e proprie esecuzioni. Nella città di Mahshahr, nella parte sudoccidentale del Paese, sarebbero state fucilate a sangue freddo decine di persone in una rappresaglia della Guardia Repubblicana seguita alle giornate di protesta. In totale si contano tra le 200 e le 450 vittime riconosciute, a cui vanno aggiunti circa 2000 feriti e 7000 detenuti. Ma cifre più precise si delineeranno probabilmente nei prossimi giorni, con l’allentarsi del blocco informativo intorno a quella che sembra la più violenta ondata di repressione di massa – per numero e intensità – dall’instaurazione della Repubblica Islamica. La stessa protesta ha assunto con il passare dei giorni i connotati della rivolta aperta, in un crescente clima di battaglia tra le forze leali agli ayatollah e la popolazione civile: 50 basi militari sarebbero state attaccate, banche, centri religiosi e, ovviamente, stazioni di carburante.

Una crisi politica e sociale senza precedenti, corredata da una serie di massacri su scala nazionale, che in occidente si traduce fondamentalmente in un’alzata di spalle indifferente e complice. Siamo troppo occupati con le nostre masturbazioni mentali sul riscaldamento globale, sulla violenza domestica, sulle sardine, sulla secessione dei rampolli viziati delle famiglie bene, sulla correzione politica, per renderci conto che qualcuno la vita la sta rischiando davvero per conquistare diritti e libertà di cui noi ci dimostriamo stanchi e annoiati ogni giorno di più. In Iran lottano per avere ciò che qui ormai sappiamo solo criticare, discutere, svilire in nome di non si capisce bene quale astruso concetto di progresso “sociale”. Siamo spenti dentro, e basta guardare a Teheran per capire fino a che punto.

Quattrocentocinquanta morti ammazzati dal fanatismo religioso fattosi stato, da una dittatura fondamentalista che da quarant’anni riduce milioni di persone all’ombra di se stesse, un’ombra truce, minacciosa, sordida e letale, in una notte eterna illuminata solo dalle scintille dell’indignazione che scoppiano quando la misura si colma. Ma evidentemente è più facile esaltarsi per la protesta bolivariana contro un governo democratico e costituzionale in Cile che indignarsi per i crimini di stato del regime dei mullah, con i quali probabilmente si condivide la stessa avversione per la civiltà occidentale. È più elegante gridare al fascismo ad ogni esternazione di un politico locale che riconoscere il fascismo applicato nelle repubbliche dell’orrore in cui i gay si impiccano davvero, gli ebrei si maledicono e gli oppositori si trucidano sulla pubblica piazza, come spettacolo dimostrativo. È più gratificante attaccare la “società patriarcale” delle nostre decadenti democrazie che lottare per le donne nascoste sotto il velo della vergogna, dove il maschilismo è dottrina di stato e la religione si trasforma in prigione. L’Iran piange disperato la sua libertà negata. L’occidente si ripiega in un odio di sé forse irrecuperabile, certamente imperdonabile.

Avatar

Enzo Reale

Da Barcellona

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy