• 19/01 @ 16:05, Ancora sangue in Kenya, ma la Jihad in Africa è ancora sottovalutata, di Anna Bono https://t.co/ODpLU5TMvH
  • 18/01 @ 19:26, Cento anni dopo, la lezione dell’Appello ai liberi e forti di don Luigi Sturzo, di Giuseppe Portonera https://t.co/l2qhPsr7vR
  • 18/01 @ 07:14, Battisti ma non solo: molti i terroristi ancora in fuga dalle proprie responsabilità, di Roberto Penna https://t.co/jZXJBlwM8D
  • 18/01 @ 07:12, Day by Day: Napoli capitale eterna della pizza, a luglio le Olimpiadi, di @Ferronix https://t.co/f66IWcueue
  • 16/01 @ 17:55, Stallo Brexit: come ci siamo arrivati e perché non possiamo permetterci di deridere Westminster, di @jimmomo https://t.co/oXAJnkPpBI
  • 16/01 @ 09:01, L’ecotassa allontana Fca dall’Italia. Investimenti e lavoro a rischio per le smanie ecologiste, di @ric_boccolucci https://t.co/mueSqlfrZR

Il Fascistometro: l’ultima assurda invenzione della sinistra

di Martino Loiacono, in Media, Politica, Quotidiano, del

Pensavamo di averle viste tutte e invece ci sbagliavamo. Ci sbagliavamo di grosso, perché il fascistometro le supera tutte. Con questo pseudo-test ideato da Michela Murgia e da l’Espresso si può “misurare il grado di apprendimento raggiunto e i progressi fatti” nell’acquisizione dell’ideologia fascista. La procedura è semplice: vengono proposte sessantacinque “frasi, luoghi comuni e slogan” e, in base a ciò che viene spuntato dall’utente, il sistema calcola il livello di fascismo.

A parte la banalità di una tale iniziativa, come se il fascismo potesse essere ridotto ad un atteggiamento o ad un’attitudine, emerge un grave cortocircuito storico. Come si può misurare (la cosa fa già ridere…) il grado di fascismo proponendo degli slogan contemporanei che fanno parte del dibattito politico odierno? Come si può pensare che frasi del tipo “ci vorrebbe il presidenzialismo” o “questa è giustizia ad orologeria” possano definire una persona fascista?

Tra i sessantacinque slogan proposti alcuni, solo perché pronunciati da Salvini o da persone vicine al centrodestra, vengono automaticamente identificati con il regime. Basta osservare la scelta di certe espressioni per notare la natura totalmente politicizzata del test: “(gli immigrati) non rispettano le nostre tradizioni”, “non si fa nulla per le culle vuote” e “non sono profughi, ma migranti economici”. Dalla miglior tradizione postcomunista ritorna l’equazione centrodestra = fascismo.

Ancora una volta si nota l’uso strumentale del ventennio. Non una analisi seria di cosa fu il fenomeno fascista, ma un suo uso propagandistico a fini politico-editoriali. Insomma, tutto ciò che si oppone alle narrazioni della sinistra diventa fascismo. Anche questioni politiche delicate come l’immigrazione, la fuga di giovani neolaureati o il multiculturalismo, vengono brutalmente semplificate secondo una logica bipolare: o con noi de l’Espresso o contro di noi (fascismo). Se non si accetta ciò che propone il settimanale si diventa necessariamente fascisti. In questo meccanismo perverso il ventennio perde le sue peculiarità e la sua singolarità storica per diventare strumento di contesa politica e, ancor peggio, di delegittimazione. Proprio questa dinamica ne impedisce lo studio, l’apprendimento e quindi la comprensione. E così il passato non passa, perché non viene adeguatamente storicizzato ma banalmente strumentalizzato.

Martino Loiacono


4 risposte a “Il Fascistometro: l’ultima assurda invenzione della sinistra”

  1. marco ha detto:

    l’è un purcelin cun su i cavii

  2. mauro ha detto:

    Fosse un giochino stupido da fare magari anche al contrario per attribuire l’appartenenza alla sinistra del politicamente corretto si potrebbe anche sorridere. Il guaio vero è che ci credono proprio a queste stronzate. E non solo loro, pure tanti commentatoroni dei giornaloni. Non c’è speranza.

  3. Federico libero ha detto:

    Che bella barzelletta.
    Però come passatempo si può fare il test per ridere ancora di più.
    I 5stelle mi fanno ribrezzo, ma costoro non li voterei MAI.

  4. Italo Santopietro ha detto:

    Lo ribadisco ancora una volta, a rischio di annoiare :
    non prendiamo in nessuna considerazione le lunari iniziative del PD e dei loro fiancheggiatori. Anzi lasciamo che si crogiolino tranquillamente con le
    loro fantasie da cretinetti, quindi una fantasia oggi, una fantasia domani andranno allegramente verso
    la (auspicabilissima) estinzione. Però, questi intellettualoni del ca…(volo) !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy