• 06/06 @ 15:35, Tre indizi fanno una prova: Usa e Iran si parlano, la strategia di Trump sta funzionando https://t.co/tPt4HfUMcJ
  • 06/06 @ 15:33, Basta genuflessioni per sentirsi più buoni e impartire lezioni morali. Basterebbe restare civili, di Roberto Ezio P… https://t.co/0xPDzfD3fs
  • 06/06 @ 13:55, “Abisso” di Dean Koontz: premonizioni del Covid-19? https://t.co/8pWzj4Nc1o
  • 05/06 @ 15:16, Beppe Sala che legge se stesso, emblema di una sinistra autoreferenziale: odia, ma a fin di bene, di Marco Lancini https://t.co/phpy2p71SH
  • 05/06 @ 14:34, Londra cambia approccio con Pechino: la vera storia del 5G e del rischio Huawei nel Regno Unito, di @DanieleMeloni80 https://t.co/r0TsR4Fh91
  • 05/06 @ 14:33, Condizioni e controlli stringenti all’Italia, mentre i soldi Ue in Africa finiscono in mano a governi corrotti e cr… https://t.co/GLbG1AuZN2

Emergenza politica oltre che sanitaria: Italia facile preda di Pechino per ignoranza (o complicità) dei nostri politici

Avatar di Michele Marsonet, in China Virus, Esteri, Quotidiano, Rubriche, del

È possibile che i nemici della democrazia liberale colgano l’occasione di realizzare il vecchio sogno di rovesciarla, e l’Italia costituisce al riguardo la preda più facile da ghermire

Strano periodo quello che stiamo vivendo. Certo tutti sanno che siamo nel pieno di una pandemia e che sono necessarie misure drastiche per debellarla (ammesso che sia davvero possibile). La causa, e anche questo lo sappiamo, è il coronavirus sulla cui natura, piaccia o no, sappiamo poco. E ancora meno sappiamo sulle strategie più adatte per il contenimento.

Pechino sostiene di aver sconfitto il virus e canta vittoria, ma vi sono molti dubbi su questo presunto successo. Si parla di nuovi focolai d’infezione nella stessa Cina e di una situazione a Wuhan e nello Hubei tutt’altro che tranquilla. Le notizie da quel Paese filtrano con estrema difficoltà visto che il governo, indistinguibile dal Partito comunista, esercita una censura capillare sui mass media di ogni tipo.

Soltanto di Hong Kong abbiamo appreso qualcosa di più, ma solo perché il processo di assimilazione della ex colonia britannica, pur avendo subito una grande accelerazione, non è ancora terminato. Qualche giornale relativamente indipendente e il rifiuto deciso dei cittadini di Hong Kong di sottomettersi agli ordini del Partito ci hanno fatto capire fino a che punto sia autoritario il regime cinese.

Tuttavia ciò che più importa, a questo punto, è notare come in queste ultime settimane si siano assottigliati i nostri margini di libertà individuale. È un crescendo continuo. Pressoché vietato fare attività sportiva, anche individuale. Sospetta la passeggiata per andare in edicola a comprare i giornali, giudicati da qualcuno “non necessari”. Pericoloso varcare i confini di un comune anche se quello limitrofo, dove magari c’è un’attività commerciale assente nel nostro, dista poche centinaia di metri in linea d’aria. E via dicendo.

Forse esagero, ma ho spesso l’impressione di essere finito da un giorno all’altro in uno Stato di polizia. E l’esempio che mi viene spontaneo alla mente è quello dei Paesi del “socialismo reale”, vale a dire l’Unione Sovietica e i suoi Stati satellite. I racconti di coloro che hanno vissuto quel periodo in Cecoslovacchia, Ungheria, Romania etc. sono assai simili a ciò che ora sperimentiamo nella vita quotidiana in Italia. Là il coronavirus non c’era, ma risultava comunque impossibile spostarsi liberamente ed esercitare i diritti individuali.

Le varie polizie politiche controllavano tutto, vita privata inclusa, ovviamente con l’obiettivo – nobile in teoria – di costruire una società in cui eguaglianza e giustizia finalmente trionfassero. Chi non concordava veniva bandito, ostracizzato sul piano sociale e finiva spesso nei campi di rieducazione.

Ebbene, oggi c’è ancora una nazione, la Repubblica Popolare Cinese, che pratica ogni giorno tali principi. Non solo. Sta conducendo un’attivissima – ed efficace – campagna di propaganda del suo modello politico e sociale. Cerca di convincere gli occidentali esitanti che ordine e stabilità sono preferibili alla libertà, e usa ogni mezzo per implementare il suo programma.

Il vero problema è che vi sono politici italiani collocati al governo e in posizioni di vertice che a tale programma credono, probabilmente a causa di una preparazione culturale scarsa o addirittura inesistente. La Repubblica Popolare sembra essere diventata per noi l’unico appiglio, l’unico Paese disposto ad aiutarci sul serio. La campagna propagandistica di Pechino allora cresce sui social network anche grazie all’appoggio di forze politiche che hanno grande peso nel governo italiano.

Di qui l’incubo nel quale sono precipitato, mi sembra assieme a molti altri. E se le misure di emergenza venissero in qualche modo reiterate, anche dopo l’auspicabile scomparsa del virus? Se portassero a cambiamenti nella collocazione internazionale dell’Italia stravolgendo le attuali alleanze? E se, infine, i politici di cui sopra facessero tesoro di questa esperienza comprendendo, pur nella loro ignoranza, che il controllo sociale garantisce voti a palate?

Preoccupazioni esagerate, si dirà. Eppure si percepisce un peggioramento generale del clima politico, un’inquietudine diffusa che non è del tutto imputabile all’epidemia. È possibile che i nemici della democrazia liberale colgano l’occasione di realizzare il vecchio sogno di rovesciarla, e l’Italia costituisce al riguardo la preda più facile da ghermire.

Avatar

Michele Marsonet


Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy