• 15/02 @ 17:49, Dopo 14 secoli, lo scontro di civiltà tra Islam e Occidente è destinato a continuare: la premonizione di Hilaire Be… https://t.co/VVxTDDl638
  • 15/02 @ 08:48, Il Green New Deal di AOC: tra assistenzialismo ed ecologismo radicale, altro che sogno, sarebbe l’incubo americano,… https://t.co/HziTfElXc9
  • 14/02 @ 17:37, Il mercato dell’auto rallenta, ma il motore dell’innovazione non smette di girare, ammesso che non sia la politica… https://t.co/9AXCqgbGhY
  • 14/02 @ 17:36, Catalogna: un processo ai politici, non un processo politico, di Enzo Reale https://t.co/L5ZR1zT5jj
  • 14/02 @ 07:20, L’Europa declina, è sempre più divisa sulle scelte strategiche, ma va tutto bene: Verhofstadt c’è, di @jimmomo https://t.co/kHM4dbLXXy
  • 13/02 @ 18:01, AOC, ovvero il populismo di sinistra che non fa paura, di @DanieleMeloni80 https://t.co/TUErfk3l8t

Dieci punti per orientarsi nella drammatica crisi di sistema aperta dal Quirinale

di Martino Loiacono, in Politica, Quotidiano, del

1) Il presidente della Repubblica ha sbagliato quasi tutto. Soprattutto nel metodo. Avrebbe potuto direzionare maggiormente la crisi, lavorando senza sosta a quello che definì “governo di tregua”. Ha invece lasciato mani sostanzialmente libere ai partiti, salvo poi mettersi di traverso nella fase finale. Questa decisione avrà delle ripercussioni pesantissime per la futura campagna elettorale che si presterà ad una narrazione antieuropeista e marcatamente “populista”. La comunicazione salviniana raggiungerà, non senza meriti, l’apoteosi ponendo in costante contrapposizione popolo e palazzi del potere.

2) La nomina di Cottarelli rende ancor più oscuro l’operato di Mattarella. L’ex commissario alla spending review dovrà cercare i voti in Parlamento come avrebbe potuto fare il centrodestra a cui, però, è stato negato l’incarico.

3) Finalmente si sono chiariti i rapporti di forza tra Italia ed Europa. La seconda riesce ad imporre la propria agenda in qualsiasi circostanza. L’integrazione europea è irreversibile, e la sua messa in discussione assolutamente vietata. Siamo di fronte ad un dogma.

4) Il vero vincitore di questa fase è Matteo Salvini. Il leader della Lega non solo è riuscito a raggiungere il suo obiettivo – le elezioni anticipate – ma ha cercato di mostrarsi, riuscendoci per lunghi tratti, come un leader responsabile pronto a scendere a compromessi per dare un governo al Paese. Strategia e tattica perfette, alimentate da una comunicazione incisiva in grado di veicolare efficacemente il messaggio. Un talento politico senza scrupoli.

5) Di Maio ha perso la sua sfida e sarà quasi sicuramente sostituito da Di Battista. Il tentativo moderato del capo politico dei 5 stelle è fallito, rimanendo imprigionato nella tela salviniana. Nella futura campagna elettorale – probabilmente una battaglia campale di demagogia – la retorica movimentista di Dibba gioverà maggiormente ai pentastellati. Cosa che di certo non sarà sfuggita alla Casaleggio.

6) Il Pd è rimasto a guardare. E tutti i suoi appelli non sembrano fare presa su un elettorato che va sempre più polarizzandosi. Il partito fondato dagli eredi di Gramsci e Togliatti rischia davvero l’estinzione.

7) Anche Forza Italia non se la passa benissimo. Dopo la riabilitazione, Berlusconi deve fare delle scelte decisive: linea Tajani o linea Salvini? Qualsiasi cosa decida l’ex Cavaliere, il rischio di essere riassorbito dall’alleato leghista rimane comunque altissimo.

8) Un altro nodo decisivo riguarda le future alleanze politico-elettorali. La frattura che disegna il sistema politico potrebbe essere costituita dall’europeismo. Cosa che renderebbe naturale l’alleanza giallo-verde (M5S-Lega) che si contrapporrebbe a quella europeista (Pd-FI). Ad oggi la prima sembra nettamente maggioritaria.

9) Il cosiddetto “governo del cambiamento” si fondava così tanto sui programmi che si è incagliato, naufragando brutalmente, su una poltrona.

10) Tutta la vicenda rimonta all’arcinota questione della riforma istituzionale. O si riforma la Costituzione in senso presidenziale, o lo stallo da eccezione diventerà regola. Le vicende di questi mesi ne sono la dimostrazione più drammatica.

Martino Loiacono


2 risposte a “Dieci punti per orientarsi nella drammatica crisi di sistema aperta dal Quirinale”

  1. Federico Libero ha detto:

    D’accordo su tutto, tranne il punto 6.
    Basta ascoltare le dichiarazioni di Bersani, PD sempre nel cuore, che spaesato chiama a raccolta il popolo di sinistra che non esiste più, mi sembra il classico generale che urla “all’attacco” mentre le truppe stanno scappando verso la diserzione.

  2. pipe ha detto:

    non penso diba sostituisca di maio repubblica presidenzale non penso proprio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy