• 25/06 @ 19:04, Il caso Sea Watch smaschera le tecniche di informazione faziosa dei giornaloni cosiddetti “indipendenti”, di Franco… https://t.co/HPY0wLczAq
  • 25/06 @ 19:02, Il caso Boris Johnson: gli scandali politico-sessuali nell’era del metoo (ma sempre a senso unico), di… https://t.co/95aNNapE8j
  • 24/06 @ 12:34, Tra Libia e Algeria, le alternative energetiche dell’Italia, di Francesco Generoso https://t.co/SMRtVMtpBM
  • 24/06 @ 12:33, Benedetto Croce e il liberalismo conservatore: vittime dell’operazione mistificante delle élites progressiste, di F… https://t.co/MWnF4UIbGa
  • 22/06 @ 08:51, Trump non abbocca alle provocazioni di Teheran e resta focalizzato sulla sua strategia di “massima pressione”, di… https://t.co/zXONVIVAXA
  • 22/06 @ 07:02, Ebola riattacca l’Africa: servizi sanitari carenti, ignoranza e conflitti non aiutano a contrastare l’epidemia, cdi… https://t.co/cxVVvrybmh

Def, non ci siamo. Se le opposizioni dormono e sono impresentabili, la maggioranza ricordi che all’opposizione ci va la realtà economica

Avatar di Ettore Lombardi, in Politica, Quotidiano, del

Non c’è dubbio. L’equazione che Matteo Salvini è chiamato a risolvere è complessa, e ha un numero elevato di incognite. Da un lato, il leader leghista (ed è comprensibile) non vuole tornare alla vecchia foto del centrodestra tradizionale. Dall’altro, confida (ed è molto probabile) in un fortissimo successo della sua Lega alle Europee, che può consentirgli, il giorno dopo, di mettere sul tavolo tutte le sue carte. E, dall’altro ancora, ritiene (ragionevolissimo anche questo) che, siccome “non di solo pane” vive l’elettore, la forza del suo posizionamento su sicurezza e immigrazione sia una polizza d’assicurazione contro la stagnazione economica. Tanti votano e voteranno Salvini – in sostanza – nonostante Di Maio, nonostante gli zero virgola, nonostante la stagnazione: perché gli riconoscono (ed è un ragionamento che fila) coerenza e determinazione come ministro dell’interno.

Se a questo si aggiunge l’impresentabilità delle attuali opposizioni, la Lega potrebbe dormire sonni tranquilli. Zingaretti è già evaporato. Forza Italia non si sa cosa proponga. Gli uni e gli altri si attestano confusamente su una linea di difesa dell’Europa e dei suoi parametri: tutte cose che mandano in bestia gli elettori più incazzati e danno noia pure a quelli più moderati (altro che rassicurarli). 

Eppure, nonostante questa sequenza di fattori, se dovessimo dare un consiglio al leader leghista, gli esprimeremmo tutta la preoccupazione per un Def deludente ai limiti dell’impresentabilità. Roba da Padoan. La flat tax è diventata un flatus vocis, un sussurro, un’evocazione, una palla fatta rotolare in avanti (in autunno si vedrà). Nessuna misura consistente è stata messa in campo: né di taglio di tasse né di irrobustimento degli investimenti. E la stima dello 0,2 per cento di crescita del Pil dice tutto: una resa al piccolo cabotaggio, alla stagnazione, alla stasi.

Non è necessariamente una buona idea attendere tempi migliori, o accontentarsi della propria forza attuale. Se l’opposizione dorme o è impresentabile, all’opposizione rischia di esserci la realtà economica del Paese. È un elemento che andrebbe sempre tenuto al primo punto nell’agenda delle priorità.

Avatar

Ettore Lombardi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy