• 17/11 @ 09:19, Day by Day: gli Uffizi in trasferta negli Usa e il Vinòforum Class a Roma, di @Ferronix https://t.co/A5ez4KS2oY
  • 17/11 @ 07:04, Libia, il punto dopo la conferenza di Palermo: successo o fallimento? di Emilio Minniti https://t.co/9AL48bcxxR
  • 15/11 @ 17:44, Perché i migranti scappano dai Centri? Hawala è la parola “magica” che spiega (quasi) tutto, di Giuseppe Morabito https://t.co/hmngG9S26p
  • 15/11 @ 17:42, Il giornalismo ai tempi del governo a cinque stelle: tra francesismi e cadute di stile, di Max Del Papa https://t.co/tZ6VWljIEB
  • 15/11 @ 08:05, Il nazareno bis: un argine di cartone al populismo, di @martinoloiacono https://t.co/RHH6PfV3fr
  • 14/11 @ 16:59, Day by Day: ebraismo e Israele nel cinema e un altro importante traguardo per Palermo, di @Ferronix https://t.co/j1wzrQDgIW

Cda Rai, un nome indipendente, libero, competente. Francesco Vatalaro. Gruppi parlamentari, governo e partiti ci riflettano…

di Daniele Capezzone, in Giuditta's Files, Quotidiano, Rubriche, del

Per puro caso, ho scoperto che, nell’elenco di coloro che hanno depositato il proprio curriculum per il cda Rai, c’è il nome di Francesco Vatalaro. Docente universitario, esperto di telecomunicazioni, personalità indipendente, non sospettabile di partigianerie in alcuna direzione, di sicura competenza.

Dal piccolo vascello di Atlantico, ci permettiamo di invitare tutti (maggioranza, opposizione, governo, gruppi parlamentari) a valutare la sua candidatura. Almeno per quattro ragioni.

La prima è che stiamo parlando di uno dei massimi conoscitori italiani di tlc. Se si vuole riconcepire una missione per la Rai, il tema dovrebbe essere proprio quello di mettere i “vecchi media” radiotelevisivi in collegamento con il nuovo mondo delle telecomunicazioni. Immaginare sinergie sempre più forti, capire come i contenuti possano viaggiare e interagire su più veicoli, evitare che l’offerta Rai resti troppo ancorata a un mondo antico (la tv generalista) fatalmente destinato a perdere terreno.

La seconda è che si tratta di un esperto anche di formazione, con un approccio non statalista e non dogmatico. Per chi ancora crede (chi scrive non è nella categoria, lo ammetto) nella funzione di un servizio pubblico svolto da un soggetto a sua volta pubblico, quello dovrebbe essere un obiettivo essenziale.

La terza ragione è che il professor Valataro ha dedicato una vasta attività di ricerca al tema dell’efficientamento dei costi e delle spese. È dunque l’uomo giusto per proporre idee e soluzioni, e anche nuovi investimenti, senza che tutto si riduca in progetti costosi e spendaccioni, a carico del contribuente.

La quarta (e più importante) è una vecchia battuta che circolava in tempi di lottizzazione da prima Repubblica: “serve un democristiano, un comunista, un socialista, e poi uno bravo”. Ecco, la seconda Repubblica ha spesso eliminato l’ultima categoria. La candidatura del professor Vatalaro offre un’occasione per invertire la tendenza.

Daniele Capezzone


3 risposte a “Cda Rai, un nome indipendente, libero, competente. Francesco Vatalaro. Gruppi parlamentari, governo e partiti ci riflettano…”

  1. Vegetti Giovanni ha detto:

    Perche non privatizzare la RAI?
    E impossibile, pertanto va benissimo un personaggio libero e neutrale.

  2. Fabrizio Scatena ha detto:

    Sarebbe un bel segnale “meritocratico. Una parola chiave che spaventa molte persone “Non libere” qui in Italia.

  3. AMEDEO GARGIULO ha detto:

    COME LE HO MANDATO NEL TWITTER SONO DACCORDO CON LEI SU MOLTE COSE LA SEGUO DAI TEMPI DI FORZA ITALIA E LO VOTATA ALLE ULTIME ELEZIONI A PALERMO BRAVO E CAPACE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultora © 2018, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy