• 16/08 @ 09:23, SPECIALE ITALYGATE/5 – Non solo Mifsud, ora anche il caso Occhionero evidenzia il ruolo dell’Italia nel Russiagate,… https://t.co/lM0QVbBcg3
  • 12/08 @ 08:07, Keep calm, siamo solo all’inizio. Renzi fa un favore a se stesso e a Macron, Italia al centro di una partita geopol… https://t.co/HH2qvkGQ8B
  • 10/08 @ 15:53, Salvini rompe gli indugi e va all-in. Per chi invoca San Spread e fronti popolari il risveglio potrebbe essere trau… https://t.co/0Aga8bmdIT
  • 10/08 @ 15:52, Moschee, scuole, Islam politico: l’offensiva del Qatar per l’islamizzazione della Francia (e dell’Europa), di Marco… https://t.co/lNLs8JBW75
  • 10/08 @ 15:51, Se il mondo non va dove vogliono loro, il mondo fa schifo morte al mondo, di Max Del Papa https://t.co/uPnqvZlpA0
  • 10/08 @ 12:24, Perché Trump ha fatto bene a ritirarsi dal Trattato INF, rottamato dalle violazioni russe e dalla minaccia cinese,… https://t.co/SMd2dLVjIg

Il Brasile ha scelto Bolsonaro: sconfitta la dittatura del pensiero unico della sinistra

Avatar di Antonello Marzano, in Esteri, Quotidiano, del

Il populismo di destra risposta simmetrica al populismo di sinistra di Lula & Co. Bibbia, Costituzione e biografia di Churchill, così Bolsonaro saluta i brasiliani dopo la vittoria

Jair Bolsonaro è stato eletto presidente del Brasile con oltre il 55 per cento dei voti. Lo sfidante Fernando Haddad ha ottenuto quasi il 45 per cento, circa 11 milioni di voti in meno rispetto a Bolsonaro. Il Brasile quindi, stando a quanto sbandierato dalle sinistre da molte settimane, ha ufficialmente scelto di essere governato da un regime dittatoriale di stampo fascista che imporrà il pugno di ferro, non disdegnerà perfino la tortura per i suoi oppositori con la nostalgia del ventennio dei regimi militari e negherà libertà civili essenziali. La democrazia brasiliana è quindi definitivamente terminata e buona fortuna a tutti i cittadini brasiliani.

Ma questa è la sceneggiatura di menzogne messe in onda dal PT e dalla sinistra brasiliana – e purtroppo riprese a pappagallo dalla stampa e dalle opinioni pubbliche mondiali – durante tutta la campagna elettorale. Se c’è un episodio, un gesto di Bolsonaro, sia pure solo simbolico, che smentisce questa visione e capovolge le responsabilità, è l’aver preso in mano e mostrato alle telecamere dalle quali ha salutato i brasiliani dopo la vittoria, accanto alla Bibbia e alla Costituzione del Brasile, un libro su Winston Churchill. Avesse vinto Haddad, probabilmente si sarebbe presentato con una immagine di Lula, un santino di Che Guevara e una foto del Foro di Sao Paulo, la Conferenza dei partiti di sinistra dei Paesi sudamericani con Lula accanto a Chavez, Kirchner e Morales. Capite bene da soli da quale lato provengano sentori di una dittatura e da quale invece proponimenti di una democrazia liberale.

Ma c’è di più. Per capire da dove viene, e con tanta forza, questo straordinario vento di voglia di rinnovamento della politica che ha investito il Brasile intero, basta assistere al primo pronunciamento di Haddad, circondato da tutto il suo staff e dai papaveri del PT, subito dopo il voto. Voi vi aspettereste, come sempre accade anche fra acerrimi avversari in una democrazia degna di questo nome, che lo sconfitto ammetta la sconfitta e rivolga i propri auguri al vincitore, magari invitandolo a governare in nome di tutti i brasiliani. Niente di tutto questo. Se lo pensate non avete capito un bel nulla di cosa sia il PT e di cosa sia il concetto di “democrazia” per la sinistra brasiliana. Proprio loro che parlano di democrazia e invocano “democrazia” ogni volta che aprono bocca, come se gli unici democratici fossero loro, della democrazia e del modo di intendere la democrazia non sanno neppure l’abc. Cosa dichiara Haddad? La lotta contro il vincitore, mobilitazioni del popolo democratico della sinistra in tutto il Paese assieme alle organizzazioni sociali e i sindacati, cinghie di trasmissione del PT, per combattere il fascismo incombente. Non ammette la sconfitta. Non ammette la legittimità dell’impeachment di Dilma Roussef, continuando a definirlo, contro tutti i pareri di giuristi e costituzionalisti (salvo quelli militanti) un “golpe”. Non ammette la condanna di Lula, innocente solo per i petisti e le sinistre, malgrado migliaia di prove dall’evidenza solare, ma colpevole per la impeccabile giustizia brasiliana, arrivando perfino a considerare un oltraggio all’Onu (!) il rifiuto della giustizia brasiliana ad una ineffabile richiesta di scarcerazione di Lula inviata al governo brasiliano da una certa Commissione per i diritti umani (come se una commissione Onu potesse dare ordini ai magistrati di una nazione sovrana). Insomma, il PT e i suoi alleati non hanno neppure l’intelligenza di ammettere almeno alcuni, almeno i più evidenti, dei propri innumerevoli errori al governo del Paese. E questo peserà, e molto, nei prossimi anni che il PT e la sinistra si preparano a vivere da opposizione al governo di Bolsonaro.

Il PT mantiene, è vero, ancora una volta il proprio forziere di voti negli stati del Nordeste. Ma la presidenza Bolsonaro, col suo populismo di destra – in fondo, la risposta simmetrica al populismo di sinistra con cui Lula ha creato il suo consenso – potrebbe nei prossimi anni capovolgere il rapporto di fiducia che lega il popolo dei poveri Stati del Nordeste brasiliano (circa 1/4 o 1/5 della popolazione del Paese). Bolsonaro ha la possibilità di inserirsi garantendo ai nordestini le “conquiste” (in realtà elemosine assistenziali) fino ad oggi garantite loro dai governi del PT, succhiando ampie sacche di voti petisti e inaridendo lo zoccolo duro di voti e di eletti nordestini che ha consentito anche quest’anno al PT – malgrado il forte calo, da 90 a 56 deputati, registrato dal 2010 ad oggi – di confermarsi partito col maggior numero di deputati alla Camera di Brasilia. In fondo, come faceva Lula a riscuotere nel Nordeste tutti quei voti? Certo, col carisma del povero e umile nordestino arrivato alla presidenza del Paese, ma soprattutto col ricatto assistenziale del dire ai nordestini: guardate che se voi non ci votate, vi toglieranno il “Bolsa Familia” e il “decimo-terceiro”. Una volta sputtanato il bluff dal populismo di Bolsonaro, il consenso del PT nel Nordeste, che non è ideologico ma puramente assistenziale, cadrebbe a vista d’occhio.

Bolsonaro è sufficientemente a corto di preparazione da farci sperare di non partire sparato con scelte ideologiche che potrebbero non trovare – come è successo a quelle del PT – alcun riscontro nelle aspettative del Paese e nei suoi reali interessi. Ha in testa qualche ministro, ha una umiltà che lo porta a consigliarsi con persone che sanno più di lui. Ma il fatto incoraggiante, e rivoluzionario davvero per un Paese come il Brasile, è che sta sdoganando la parola “liberale” almeno in economia, che guarda a Churchill come modello ideale da seguire e non a Castro. Questo è già un buon abbozzo di un “progetto di progetto” di un Brasile finalmente libero dalla unica vera dittatura da cui rischiava di restare soggiogato: quella del pensiero unico ed esclusivo del politicamente corretto della sinistra. Ecco, oggi in Brasile non ha vinto una “proto-dittatura”, ma una vera, seria, oppressiva dittatura di pensiero è stata sonoramente sconfitta. Ma non al punto da far dormire a Bolsonaro sonni tranquilli. W il Brasile.

Avatar

Antonello Marzano


Cultora © 2019, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy