• 16/10 @ 06:39, La professione antifascista della sinistra: una copertura per non fare i conti con la propria storia, di Franco Car… https://t.co/aMZlFtKxFD
  • 16/10 @ 06:38, La neolingua per giustificare il Green Pass: un ricatto diventa libertà, i ricattati diventano ricattatori, di Stef… https://t.co/ZFYoRc52iU
  • 10/10 @ 09:15, “Per una nuova destra”: la ricetta di Capezzone per riempire un vuoto nell’offerta politica, di Matteo Milanesi https://t.co/Cn7GbJGvF8
  • 10/10 @ 09:14, Pechino aumenta la pressione su Taiwan: il vero banco di prova della presidenza Biden, di Michele Marsonet https://t.co/5WOnTKSODq
  • 26/09 @ 18:07, Dopo il Covid un’altra minaccia dalla Cina: la bolla immobiliare spaventa i mercati e il Partito comunista, di Mich… https://t.co/uZuWueZRxM
  • 26/09 @ 18:06, Draghi si presenta agli industriali con la sua vecchia ricetta: svalutazione interna, di Musso https://t.co/s2vPwWJqsy

#Muro30


#Muro30 – 9. Il 13 agosto 1961 cala la notte su Berlino

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Nonostante le rassicurazioni del leader della SED Walter Ulbricht (vedi puntata precedente), da qualche mese circolano avvertimenti espliciti nei confronti di quei lavoratori della DDR che fanno la spola tra Est e Ovest. Più di uno si “dimentica” di tornare a casa la sera e, all’interno del flusso costante di “traditori del socialismo”, la fuga…

#Muro30 – 8. Verso la costruzione del Muro: fallimenti diplomatici e nuovi attori sulla scena

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Dopo il fallimento del tentativo di Kruschev di estendere il dominio sovietico su Berlino Ovest (si veda la puntata precedente), nel maggio del ’59 le diplomazie contrapposte si incontrano a Ginevra per continuare i negoziati. La conferenza si chiude sostanzialmente con un nulla di fatto, anche se gli occidentali ancora una volta si piegano ad…

#Muro30 – 7. La proposta avvelenata di Kruschev: i sovietici mirano a prendersi tutta Berlino per fermare la fuga dalla DDR

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

La passività occidentale di fronte alla repressione delle proteste di Berlino del 1953, di cui abbiamo parlato nella precedente puntata, viene immediatamente interpretata dai sovietici come un invito ad alzare la posta. La rivolta di Budapest nel 1956 si conclude allo stesso modo: l’Unione Sovietica impone la sua dottrina d’acciaio e le democrazie chinano il…

#Muro30 – 6. 1953, quando a Berlino Est si ribellarono… gli operai

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Sono passati pochi mesi dalla morte improvvisa di Stalin quando, la mattina del 16 giugno 1953, un centinaio di muratori di Berlino Est entrano in sciopero per protestare contro l’inasprimento delle norme di produzione. È un atto di sfida senza precedenti nella DDR. I passanti si uniscono al piccolo corteo iniziale sul viale dei ministeri,…

#Muro30 – 5. La nascita delle due Germanie: Berlino sempre più divisa

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Nel 1949 nascono ufficialmente le “due Germanie”: la parte orientale di Berlino viene incorporata nella DDR come capitale del nuovo stato. Gli occidentali non la riconoscono anche se finiranno per installarvi le proprie ambasciate quando le relazioni si “normalizzeranno”. Che fare con Berlino Ovest? Incorporarla alla Repubblica Federale Tedesca (RFT) come vorrebbero i berlinesi o…

#Muro30 – 4. Il Blocco di Berlino Ovest e il ponte aereo alleato

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Quasi un presagio di quel che succederà tredici anni dopo: il 24 giugno 1948 l’Unione Sovietica blocca gli accessi stradali e ferroviari a Berlino Ovest. Anche la rete elettrica viene scollegata. Comincia il cosiddetto “Blocco di Berlino”. La parte ovest è isolata. Senza viveri né medicinali, completamente al buio e in assenza di un accordo…

#Muro30 – 3. Ricostruzione, elezioni municipali, partito unico

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

La Conferenza di Potsdam ratifica sostanzialmente le decisioni del Consiglio inter-alleato. Berlino diventa ufficialmente un’isola all’interno del settore sovietico, una condizione che si protrarrà fino alla caduta del Muro e allo scioglimento della DDR. Ma mentre per la parte orientale l’incorporazione è quasi naturale, per la zona occidentale questo significa dipendere dalla volontà dell’Unione Sovietica…

#Muro30 – 2. Liberazione, occupazione, divisione

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Il 12 settembre 1944 le quattro potenze alleate (URSS, USA, Francia, Gran Bretagna) firmano un primo protocollo d’intesa sul futuro della Germania sconfitta. Mancano otto mesi alla resa definitiva di Hitler. Si prevede: la divisione del territorio in quattro zone d’occupazione; la creazione di un Consiglio inter-alleato che due mesi dopo produrrà la prima bozza…

#Muro30 – 1. C’era una volta un muro

di Enzo Reale, in #Muro30, Rubriche, del

Nell’indifferenza pressoché generale ricorre quest’anno il trentennale della caduta del Muro di Berlino. Evento epocale, simbolo della fine dei sistemi comunisti in Europa Orientale, episodio chiave nella formazione della coscienza politica della mia generazione, come la sconfitta del nazifascismo lo fu per le anteriori. Esattamente 58 anni fa, nella notte tra il 12-13 agosto 1961,…

Atlantico Quotidiano © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy