• 24/11 @ 19:42, Le prime scelte di Biden sanno di nostalgia: verso un insostenibile ritorno al passato con Iran e Cina, di Federico… https://t.co/cZrGeU7UeK
  • 24/11 @ 19:41, Una nuova relazione fiscale tra stato e cittadini per potenziare libertà di scelta e qualità dei servizi, di Massim… https://t.co/G7uhXsSfg5
  • 23/11 @ 19:59, Dietro lo stallo a Bruxelles: il doppiogioco tedesco per affossare il Recovery Fund e il contropiede francese, di M… https://t.co/TSMGmBzMcD
  • 23/11 @ 19:58, Davvero l’Italia pensa di poter dare lezioni di Stato di diritto a Ungheria e Polonia? di Franco Carinci https://t.co/KVoZkcWu1z
  • 23/11 @ 18:07, La Forza Qods iraniana in Turchia: l’asse islamista Ankara-Teheran minaccia l’Europa https://t.co/0hVv9yRppF
  • 23/11 @ 18:04, L’Alberta tra il Canada e l’indipendenza: intervista sul futuro dell’Ovest canadese, di Marco Faraci https://t.co/H2rGAkyvCx

Articoli

Musso
di Musso


Dietro lo stallo a Bruxelles: il doppiogioco tedesco per affossare il Recovery Fund e il contropiede francese

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

Il contropiede francese ha un poco scombussolato la squadra tedesca, che si era esposta in avanti: proseguendo secondo il piano, Berlino otterrebbe sì di affondare il Recovery Fund, ma si troverebbe subito di fronte il contropiano francese di creare la mini-Ue. A fermarlo servirebbe una minoranza qualificata: non bastano i voti di Varsavia e Budapest,…

A Bruxelles, la caccia al polacco non conosce più regole: armi legali e illegali per piegare Varsavia (e Budapest)

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

La crisi oggi in corso sul Recovery Fund è stata innescata da un nuovo “regolamento circa un regime generale di condizionalità per la protezione del bilancio dell’Unione”, approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio, ma punitivo, discrezionale e costruito su una interpretazione dei Trattati infondata. Come abbiamo visto ieri su Atlantico Quotidiano. Oggi vedremo come…

Polacchi e ungheresi hanno ragione: un regolamento illegale per far rispettare lo stato di diritto è kafkiano

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

L’analisi puntuale del regolamento sulle condizionalità a protezione del bilancio dell’Unione rivela che hanno ragione polacchi ed ungheresi ad opporsi ad un meccanismo punitivo e discrezionale, costruito su una interpretazione dei Trattati infondata, in mano a commissari che coltivano apertamente la propria partigianeria. E Roma ha torto marcio… Il 5 novembre 2020, il Parlamento europeo…

Ma allora, dov’è la svolta europea? Non c’è. Prosegue il bagno di realtà degli eurolirici

Musso di Musso, in Economia, Quotidiano, del

Due articoli molto diversi, dell’ex ministro Tria e della “principessa rossa” Reichlin svelano pezzi di realtà. Per entrambi i numeri di Gualtieri sono scritti sull’acqua, per entrambi solo Bce ci tiene a galla. Ma poi le prospettive divergono: Tria non sa bene in cosa sperare, Reichlin vuole furiosamente la Troika e, eventualmente, pure la ristrutturazione…

A Salvini un “invito” a farsi da parte. Per chiamare la Troika, bisogna prima assicurarsi un’opposizione fantoccio…

Musso di Musso, in Politica, Quotidiano, del

Che ha scritto Mieli? Che ha lasciato scrivere Giorgetti? Cosa può fare Salvini? La forza elettorale della destra è intatta. Nonostante mesi di fandonie di Stato sul Recovery Fund. Ma, “di qui alla primavera prossima”, la bolla del Recovery Fund sarà scoppiata e così lor signori chiameranno la Troika. Solo, per farlo hanno bisogno di…

L’Euro danneggia l’economia italiana, è insostenibile. Lo dice il governatore della Banca centrale olandese

Musso di Musso, in Economia, Quotidiano, del

Romano Prodi promette inflazione per domare il debito pubblico italiano. Ma i tedeschi non sono d’accordo, e nemmeno gli Olandesi: Klaas Knot, governatore della Banca d’Olanda, si fa beffe dei fondatori dell’Euro ed afferma che la moneta unica è uno svantaggio per l’economia italiana. A rimedio non ha da offrire alcunché: non il consenso alla…

Il pericoloso gioco nel Mediterraneo orientale/3 – L’unica sponda di Erdogan è a Berlino

Musso di Musso, in Esteri, Quotidiano, del

La Turchia è una potenza revisionista. Rinunciando al preteso ruolo di difensore del diritto internazionale, pure Berlino ha mostrato di essere una potenza revisionista. Assumendo una posizione oggettivamente filo-turca, Berlino ha mostrato di essere una potenza revisionista pure del Trattato Nato e delle clausole di difesa comune del Trattato Ue. Con l’obiettivo di divenire una…

Cultora © 2020, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy